tipress
CANTONE
05.12.2019 - 11:110

Salario minimo? Il "nì" della Lega

Via Monteboglia contro i 3200 franchi al mese, a meno che si reintroduca la "preferenza indigena"

 

LUGANO - Si aggroviglia il dibattito sul salario minimo. La Lega dei Ticinesi ha reso nota oggi la sua posizione ufficiale, che si può riassumere in un "nì". Favorevole al minimo di per sé, ma contraria a farne «un regalo per i frontalieri». 

Finora, voci critiche si erano levate soprattutto a sinistra (Unia, Mps e Verdi). Strali "primanostristi" erano arrivati anche dall'UDC. Ora via Monteboglia si colloca nel mezzo del campo di combattimento. 

La cifra oggetto del contendere (3200 franchi lordi al mese) non è di per sé indigesta alla Lega, si legge in un comunicato odierno. Ma è vista come un potenziale "attrattore" di permessi G. Senza contingenti «l'unica conseguenza sarebbe quella di rendere il nostro Cantone ancora più attrattivo per questa categoria, a tutto danno dei ticinesi». 

Per appoggiare la nuova misura, in sostanza, la Lega pone come condizione «la reintroduzione della preferenza indigena». Diversamente, il Movimento ravvisa il rischio «una pressione al ribasso» sui salari, che «potrebbe rivelarsi nefasta in particolare per quelle paghe che sono di poco superiori al minimo». 

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-01-20 12:21:04 | 91.208.130.87