tipress (archivio)
CANTONE
05.11.2019 - 15:430

Aumento dell’età pensionabile, i Giovani Leghisti dicono "No"

La linea, secondo il movimento, è chiara: «Tagliare nel sociale a scapito della gente»

LUGANO - I Giovani PLR hanno lanciato l’iniziativa "Per una previdenza vecchiaia sicura e sostenibile (Iniziativa sulle pensioni)" con l’obiettivo di aumentare l’età pensionabile a 66 anni sia per le donne che per gli uomini.

«La linea - secondo i Giovani Leghisti - è chiara: tagliare nel sociale a scapito della nostra gente». «Quando si tratta di regalare miliardi ai paesi esteri i soldi ci sono sempre - incalzano ancora -, quando l’Unione Europea impone, la Svizzera obbedisce. Quando però si vuole aiutare i nostri cittadini, soldi non ce ne sono mai, ora addirittura si vuole risparmiare sulle pensioni».

Per il Giovani Leghisti, insomma, l'aumento a 66 anni dell'età pensionabile è visto come una «mancanza di rispetto per chi lavora tutta una vita in ambienti non facili e ha tutto il diritto di andare in pensione il prima possibile».

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-21 08:14:27 | 91.208.130.89