ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
1 ora
Bellinzona diventa “Fair Trade Town”
CANTONE
1 ora
100 anni del Dono nazionale svizzero
LUGANO
1 ora
Nuda e in stato confusionale sul lungolago
AIROLO
3 ore
Incidente sull'A2, feriti due occupanti del bus
AIROLO
3 ore
Incidente in autostrada, coinvolto un bus
CAMPIONE D’ITALIA
4 ore
«Campione colpito da calamità»
GORDOLA
5 ore
I bimbi sperimentano con le loro mani
CANTONE
5 ore
Flussi migratori e pressione alla frontiera nell'incontro con i Cantoni
AGNO
7 ore
Interruzioni notturne sulla linea FLP
GAMBAROGNO
16 ore
Centocampi in bilico: il giovane agricoltore getta la spugna?
LUGANO
18 ore
Lo Stato alla caccia delle imposte non pagate dal direttore della Aston
LUGANO
19 ore
Sebalter per festeggiare il 25esimo anniversario di Apple da Manor
SEMENTINA
19 ore
Associazione dei Contabili-Controller, premiati i neo-diplomati
CANOBBIO
20 ore
Rilasciato l'ex municipale, docente e allenatore accusato di pedofilia
CADENAZZO
21 ore
Tamponamento sull'A2 prima della galleria del Monte Ceneri
LUGANO
23.05.2014 - 11:270
Aggiornamento : 30.08.2018 - 09:07

A 27 anni crea trenta posti di lavoro... a 10mila km da Lugano

Un giovane ticinese assieme alla fidanzata e a un amico hanno fondato una fabbrica-startup di "scarpe solidali" tra il Ceresio e il Sudafrica

LUGANO - Non è da tutti creare dal nulla una fabbrica a 27 anni. Se poi in quella fabbrica ci lavorano una trentina di persone, con salari equi e ben superiori alla media del paese, e quel paese è il Sudafrica... per un ticinese è una storia da raccontare. E' la storia di Paul Burggraf e della sua dolce metà, Maria Terminio: due giovani normalissimi che hanno in comune l’età, 27 anni, una città, Lugano, una storia d'amore e una cosa chiamata mal d’Africa ("se non lo provi non sai cos’è: dopo esserci stato una volta, non puoi fare a meno di tornarci") ma soprattutto una startup: AfricanHandmadeShoes.com.

Tra Lugano e Cape Town - Online da questa settimana, il sito di e-commerce sottende una filiera “corta” che parte da Lugano, dove Paul gestisce la parte commerciale assieme a Maria e al socio e amico Andrea Kukalaba, e arriva fino a Città del Capo. Qui, in uno dei suoi viaggi all'insegna del mal d’Africa, Paul ha scoperto l’arte della calzatura fatta (da altri) a mano. Ha convinto un mastro-calzolaio locale, poi un altro e... nel giro di un anno ha messo in piedi una piccola fabbrica. «Ci lavorano una trentina di persone, tutti bravissimi artigiani locali pagati con salari equi, ben al di sopra degli ingiusti standard sudafricani» spiega Paul, che oggi si divide tra Cape Town e il Ceresio, sei mesi qua e sei là.

Una scarpa alla volta - Il ristultato è una linea estiva di espadrillas al 100% realizzate a mano, che unisce comodità e leggerezza a un tocco coloratissimo di stile ticinese: per farvi un'idea (e ordinarne quante ne volete) andate sul sito Africanhandmadeshoes.com, dove il bel video del moviemaker luganese Andrea Todaro illustra lo spirito del progetto. "Il senso è proprio quello di creare lavoro in una terra difficile, con prodotti di qualità e prezzi giusti - continua Paul - La gente lo capisce e il mercato lo apprezza: siamo appena partiti e stiamo già ricevendo richieste da negozi in tutta la Svizzera. Speriamo bene: abbiamo investito tanto, siamo in all in. Amiamo sia la Svizzera che l’Africa e tenerle insieme è il nostro sogno".

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-05-25 15:46:56 | 91.208.130.86