Ti-Press
Musei, teatri, biciclette: si usano troppo poco.
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE / SVIZZERA
5 min
In Svizzera si contano 343'000 frontalieri
Alla fine del 2020 la percentuale più alta si registrava in Ticino. Un ritratto dei lavoratori provenienti dall'estero
LUGANO
1 ora
Il neonato paga la piscina: ma il Comune rimedia
Tariffe "baby" fino a tre anni nei Lidi della Città. Il caso di un bambino di 14 giorni a Carona
CANTONE
2 ore
Si può tornare a comprare birra e vino alla sera
Non ci sono stati ricorsi o referendum: il divieto serale è confermato solo per i superalcolici
CANTONE
2 ore
Non banalizzate la montagna, il pericolo è dietro l'angolo
Affinché le vette ticinesi siano luoghi di piacere non bisogna sottovalutarle: i consigli di Montagne Sicure
MENDRISIO
2 ore
Avvicinare il Magnifico Borgo al lago, ecco "Mendrisio Beach"
Valorizzare il lungolago di Capolago, oggi un po' trascurato, creando una spiaggia e accessi per gli sport acquatici.
CANTONE
2 ore
Pronti a farsi oltre 800 chilometri a piedi
La sfida di Mirko Cotti Piccinelli e Patrick Bizzozero. Fino a Napoli per beneficenza.
BELLINZONA
10 ore
Il Rabadan ha un nuovo presidente
Lascia Petraglio, gli succede Capoferri
LUGANO
10 ore
Tpl, deficit da 1,5 milioni
L'azienda di trasporto pubblico ha accusato il colpo della pandemia. E chiude in rosso per la prima volta
CHIASSO
11 ore
Fumo nel vagone ristorante
Intervento dei pompieri in un treno fermo alla stazione di Chiasso
FOTO
SAN VITTORE (GR)
13 ore
Incidente sull'A13, il furgone era fermo a un posto di blocco
Due persone sono leggermente rimaste ferite nel tamponamento avvenuto questo pomeriggio nei pressi di San Vittore.
CANTONE / LUCERNA
14 ore
Un 63enne lucernese trova la morte tra i boschi di Novaggio
Il cadavere dell'uomo, scomparso domenica, è stato rinvenuto lunedì sera nei pressi di un sentiero escursionistico.
MONTECENERI
14 ore
Lo Splash&Spa è pronto alla riapertura completa
Con gli allentamenti decisi oggi dal Consiglio federale, da martedì 29 giugno saranno di nuovo agibili piscine e scivoli
SAN VITTORE (GR)
14 ore
Auto e furgone ribaltati in A13
Incidente oggi pomeriggio a Lumino. Sul posto ambulanze e polizia cantonale
LOSONE
15 ore
Divieto d'uso dell'ex Caserma: «Un duro colpo per la cultura»
Il Municipio di Losone reagisce alla decisione del Tram si annullare la pianificazione del comparto.
BELLINZONA
15 ore
«Quei furgoni sporgono e gli agenti non multano»
Arriva in Consiglio comunale la petizione con cui l'ex politico chiede di sanzionare il Municipio e la Polcom
FOTO
CHIASSO
16 ore
Una scatola ottica per ammirare Roma da Chiasso
Il polyorama panottico sarà esposto al m.a.x. Museo fino al 12 settembre.
CANTONE
12.04.2018 - 07:040
Aggiornamento : 30.08.2018 - 09:02

Ma quanta fatica si fa a vivere (bene) a Lugano

Neanche 3 fermate ogni km quadrato, solo 7 medici ogni mille abitanti, al museo una volta ogni due anni e troppa acqua sprecata: il confronto con le altre città elvetiche è impari

LUGANO - Se è vero che la qualità della vita, sia pur così soggettiva e sindacabile, è un indicatore fondamentale anche per l'economia, nel suo misurare il benessere e la necessità di politiche mirate al miglioramento sociale, allora Lugano ha poco di che sorridere. Nel confronto con le principali città elvetiche sfigura in maniera quasi imbarazzante: battuta quasi sempre da qualcuna, non di rado da tutte. 

Il tallone d'Achille: le infrastrutture - Vedi per esempio il numero di fermate dei mezzi pubblici: neanche tre (2,8) per chilometro quadrato, a fronte delle 9,8 di Ginevra, 7,2 di Basilea, 5,2 di Zurigo, 4,7 di Losanna, 4,6 di Lucerna, 3,7 di Berna. Infrastrutture e servizi sono i suoi maggiori punti deboli, assieme a mobilità e cultura.

Solo il 26% va al lavoro senz'auto - I pendolari che usano bus o treni invece dell'auto sono solo il 26% (66,3% Zurigo, 58,7% Berna, 56,4% Basilea, 53% Ginevra, 51% Losanna, 46,6% Lucerna). Chi preferisce la bici o il car sharing l'11,5% – 19,8% a Basilea, 17,9% Ginevra, 15,8% Lucerna; peggio di Lugano ci sono solo Losanna e Zurigo con un 8,5% e un 8,3% che si spiegano però con l'elevato ricorso alla rete dei trasporti pubblici, rendendo superflue le alternative della mobilità sostenibile. 

Incidenti mortali sopra la media - Alto anche il numero di incidenti mortali, con 3,6 persone decedute ogni 100mila abitanti, media fra il 2008 e il 2012 che vede il resto della Svizzera, eccezion fatta per Lucerna (3,8), piazzarsi sotto. 

Il teatro, questo sconosciuto - Quanto al teatro, si va 0,6 volte l'anno a testa, contro 2,2 di Zurigo, 1,9 Basilea, 1,6 Berna, 1,5 Losanna e giù a scendere fino all'1 di Lucerna. Più facile andare al museo? Allora c'è proprio da arrossire: una volta ogni due anni, mentre a Lucerna sono 10 all'anno. Basilea 7,4, Losanna 5,9, Berna 5,4. Lugano ultima: altrove (Zurigo) ci si va almeno sei volte tanto.

Biblioteche? Stavolta facciamo scuola, e anche in Europa - Un po' meglio il cinema: i posti disponibili sono 29,3 ogni mille abitanti (58,1 Berna, 30,1 Losanna, ma 28,4 Lucerna, 26,6 Zurigo, 17,7 Ginevra). Il riscatto passa a questo punto dalle biblioteche, ammesso che si frequentino. Il dubbio rimane; fatto sta che ce ne sono 2,9 ogni mille abitanti, il dato più elevato non solo della Svizzera ma dell'Europa.

Tanto spazio in casa: lì si che si sta bene - Sarà che si sta così bene in casa che di uscire viene meno voglia: a disposizione di ciascuno ci sono 46,2 metri quadrati, circa uno in più di Lucerna, 6 di Basilea, quasi 8 di Zurigo e 10 di Losanna e Ginevra. Nessun rivale neppure quanto a sicurezza, con appena 50 reati violenti ogni 10mila abitanti. I medici, però, sono pochi: solo 7,2 ogni 1'000 abitanti, altrove sono almeno dieci.

Però abbiamo il rubinetto facile - Molto elevati, infine, i consumi d'acqua: 208 metri cubi l'anno per abitante, il doppio di Basilea che sta dietro, a indicare «una tendenza allo spreco di risorse», riflette Paolo Malfitano dell'Osservatorio delle dinamiche economiche dell'Usi, fra gli autori dello studio sulla competitività economica del Ticino che quest'anno si è concentrato anche sul benessere dei cittadini, esaminando, per mesi e dietro le quinte, numeri poi offerti in esclusiva a tio.ch/20minuti.

Il paradosso Pil/reddito - In generale, il prodotto interno lordo è al di sopra della media, come da dieci anni a questa parte: ma è un mezzo inganno. A determinare stime di ricchezza così elevate sono i lavoratori frontalieri, che poi però non rientrano nelle statistiche dei residenti. Ecco dunque spiegato l'apparente paradosso per cui il Ticino anche nel 2017 ha uno dei Pil più alti, ma il reddito disponibile più basso: 6'850 franchi a economia domestica, mentre la Svizzera centrale, a metà classifica nel 2008, oggi è in testa con 8'072.

Poco produttivi: a Zurigo il valore aggiunto è doppio - Non bastasse, «tra il 2009 e il 2014 c'è stata una frenata – aggiunge Malfitano – Il Ticino è il cantone che è cresciuto meno». Per quale ragione? «Fra le cause principali c'è la bassa produttività, che misura il valore prodotto in un'ora di lavoro, la capacità di trasformare la materia grezza in valore aggiutno. La performance è scarsa». Prendi il settore finanziario-assicurativo: «Un ticinese produce 170mila franchi di valore aggiunto, uno zurighese più del doppio». Motivo: «Il personale sottoformato e la tecnologia utilizzata, meno efficiente».

Le colpe del Ticino: formazione e innovazione - Colpa dunque degli imprenditori, che non investono abbastanza su gente e digitale, ma anche di un territorio che «potrebbe fare di più». Il Ticino si segnala poi per una dualità che preoccupa. Si divide in modo marcato fra laureati (27,9%, comunque sotto la media elvetica, 29,4%) e chi ha fatto la scuola dell'obbligo (27,6%, 3% in più). Manca la via di mezzo: «È penalizzante, perché non c'è equa distribuzione del capitale umano». 

Per fortuna ci sono parenti e amici - Se c'è qualcosa di cui andare fieri nella Svizzera italiana è invece, in un certo senso almeno, la salute. L'aspettativa di vita è più alta di un anno rispetto alla media, il tasso di mortalità dello 0,4% più basso. Peccato per l'inquinamento. Maluccio anche la banda larga. E il rapporto con il denaro: non si riesce a risparmiare e pian piano i debiti diventano importanti. A salvare sono parenti e amici: in caso di bisogno, con meno vergogna di altri è a loro che si chiede aiuto.

 

 

 

 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
GI 3 anni fa su tio
l'ennesima conferma che le statistiche sono cifre esatte riunite in modo sbagliato....

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-24 08:59:55 | 91.208.130.85