Tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
11 min
Colpo di coda dell'inverno
Sono stati giorni con temperature che normalmente si registrano a fine gennaio.
GRIGIONI
8 ore
Cantieri ancora aperti nel Moesano: «Ora basta, governo grigionese!»
Per Nicoletta Noi-Togni, è il «paradosso di essere praticamente ticinesi»: «Dovremo interrogarci e fare una scelta».
SONDAGGIO
CANTONE
10 ore
Quarantena: arriva il consultorio per la coppia ticinese che scoppia
Risponderà da Locarno e Mendrisio e promette un aiuto per affrontare la convivenza forzata.
ZURIGO / CANTONE
12 ore
Coronavirus: sempre più ticinesi si sentono minacciati dall'epidemia
Lo rivela un sondaggio nazionale. Che conferma: a sud delle Alpi la preoccupazione è nettamente maggiore.
CANTONE
12 ore
Quarantena australiana scampata per un soffio
L'odissea vissuta da una giovane ticinese per rientrare dall'Australia.
CANTONE
15 ore
«La passeggiata sotto casa va bene, le escursioni nel bosco no»
Il momento resta delicato e l'emergenza potrebbe durare ancora a lungo.
MANNO
15 ore
Cercasi nuove idee e soluzioni per affrontare il coronavirus
Dal 2 al 5 aprile al via una maratona di esperti informatici per lo sviluppo rapido di nuove soluzioni
CANTONE
15 ore
Radar ancora in quarantena
Le risorse della polizia devono essere impiegate altrove.
CANTONE
16 ore
Non vivremo in un Grande Fratello
La portavoce di Swisscom allontana i timori su un'eventuale violazione della sfera personale.
LUGANO
16 ore
Beltraminelli: «Finalmente a casa. Ho perso 6 chili»
È guarito dal coronavirus. Ora dovrà restare ancora in quarantena. «Grazie. Il vostro sostegno è stato fondamentale»
POSCHIAVO (GR)
16 ore
Si ribalta con il trattore, grave un 76enne
L'uomo stava eseguendo dei lavori nel bosco quando è precipitato in una scarpata
BELLINZONA
17 ore
Creato un fondo di un milione per aiutare le imprese
Verranno erogati prestiti fino a 10'000 franchi per richiedente, con una durata massima di 36 mesi a interessi zero.
CANTONE
17 ore
Diciassette mesi (sospesi) per spaccio
È la sentenza emessa oggi nei confronti di un uomo per infrazione aggravata alla Legge sugli stupefacenti
CANTONE
18 ore
Il virus lontano dal borsellino
La polizia lancia la campagna di prevenzione nell'ambito della lotta al coronavirus
BELLINZONA
18 ore
Identificati in Ticino anticorpi contro il Covid-19
La scoperta fatta nei laboratori della Humabs BioMed SA. Test clinici di fase 1 e 2 sono previsti per questa estate
CANTONE
18 ore
SES, misure immediate per i clienti più colpiti
La Società Elettrica Sopracenerina sta valutando ulteriori provvedimenti da implementare al termine della crisi
CANTONE
20 ore
La Posta: «Pochi casi in quarantena»
Sistema Yo-Yo, plexiglass e bande al suolo. Le misure adottate e le critiche su disinfettante e guanti
CANTONE
20 ore
Occhio alla portata del Ticino
Avviso di prudenza a causa di lavori di manutenzione all'impianto della Nuova Biaschina
MAGLIASO
21 ore
Covid-19: muore uno dei papà dei Cantiamo Sottovoce
Classe 1937, Enzo Lupi è deceduto alla clinica Moncucco. Nel giorno del suo 83esimo compleanno
CANTONE
27.01.2017 - 07:100
Aggiornamento : 30.08.2018 - 09:02

Dalla Südpack agli architetti: «Il contratto collettivo serve eccome»

In un'epoca dove la parola d'ordine è flessibilità, è ancora attuale? Secondo gli economisti sì, anzi a maggior ragione. Specie in Svizzera, dove la legge nazionale non tutela abbastanza.

BIOGGIO - Si protesta per «la politica intrapresa dall’azienda, che mira a non rinnovare il contratto collettivo di lavoro». Ma il sit-in organizzato ieri dai sindacati Ocst e Syndicom alla Südpack è solo l'ultimo, e forse meno clamoroso, esempio di una tendenza al rifiuto del Ccl. Che coinvolge anche gli architetti, preoccupati da salari al ribasso, o i benzinai, ostili a uniformare gli stipendi minimi dei dipendenti delle stazioni di servizio.

Ma ha davvero senso parlare di Ccl oggi, in un'epoca in cui addirittura il termine di flessibilità è quasi obsoleto, comunque troppo generico? Dove fanno capolino ogni giorno nuove soluzioni occupazionali, condizionate magari della paura dei robot a venire? E mentre da più parti, anche accademiche, si invita a cambiare, evolversi; assecondare una società che non torna indietro, cercando piuttosto di trarre il meglio da quello che c'è, invece di recriminare per ciò che non c'è più? Secondo Amalia Mirante, docente di economia Usi/Supsi, senza dubbio: anzi, soprattutto ora. «Credo che la contrattazione fra le parti sociali abbia ragion d'essere ancora di più adesso che in passato».

E quale?

«La pace sul lavoro è sempre stata una peculiarità elvetica, che ha dato vigore all'economia. La capacità di trovare accordi prima di arrivare al conflitto ha determinato livelli molto elevati di produttività. Perché non si tratta solo di una giornata di lavoro persa, ma da un'interruzione della produzione che va poi a minare anche la fiducia del mercato». 

Non è anacronistico, in un mondo del lavoro che cambia?

«Il mondo del lavoro che cambia è proprio la causa della necessità di un contratto collettivo. Non dobbiamo vederlo come una lotta tra le parti, ma come una tutela del lavoro stesso, a favore di un mercato sottoposto a pressioni enormi e a una concorrenza spietata. La flessibilità non è messa in discussione dal Ccl, che anzi prova a darle organizzazione e confini, affinché non diventi un peso». 

È l'unica maniera?

«Nel nostro Paese, fondato sul liberismo, non abbiamo una legge in grado di porre vincoli ristretti. Dunque è necessario utilizzare un altro strumento, che garantisca anche più omogeneità sul territorio».

Sta dicendo che in Svizzera il contratto collettivo serve più che altrove?
«Altrove, la legge nazionale magari è più specifica e offre maggiori tutele: così il contratto collettivo serve solo a definire il salario. Da noi, invece, c'è grande flessibilità sul numero di ore lavorate, per esempio. O la protezione dal licenziamento: qui è praticamente inesistente. Esistono realtà dove è impossibile risolvere il contratto per ragioni legate all'andamento economico o per ingiusta causa. In Svizzera la legge lascia al contrario una cornice piuttosto vasta: è necessario dunque trovare poi accordi al suo interno, anche in vista di una competizione sana».

Südpack ha dichiarato che offrirà condizioni di lavoro migliori di quelle che uscirebbero da una contrattazione con i sindacati. A questo punto le domando: davvero il Ccl è sempre la soluzione migliore? Non può rivelarsi anche limitante?

«A memoria, non mi sovviene di casi in cui senza contratto collettivo è andata meglio. L'azienda può pur sempre migliorare il contratto collettivo che sottoscrive: nessuno glielo vieta. Se ancora esistono due associazioni, è perché il singolo non ha il medesimo potere contrattuale dell'azienda. L'unità degli individui crea un contrappunto adeguato».

Una volta erano solo gli operai. Ora anche gli intellettuali lottano per il Ccl. Che cosa sta succedendo?

«È legato all'evoluzione del settore economico. Dalla società industriale si è passati a una società di servizi: le professioni legate al terziario sono incrementate e con esse la necessità di una regolamentazione anche lì. Oggi c'è molta più mobilità, disponibilità a lavorare a condizioni al ribasso. Si genera una concorrenza fra professionisti e si gioca sul loro salario». 

C'è chi la chiama flessibilità. Perché ne abbiamo tanta paura?

«Si ha paura quando diventa incertezza. La flessibilità è un vantaggio, se è una scelta del singolo. Se è sintomatica di un'azienda che non può permettersi soluzioni stabili, spaventa. E gli effetti si vedono subito. Non si spende più».

Quanto incide la paura sulla voglia di Ccl?

«Incide. E spesso frena il potere contrattuale fra le parti».

Quando le cose sembrano difficili, ci si appella alla funzione sociale delle aziende. Esiste ancora?

«Io resto convinta che la maggior parte delle aziende elvetiche assolva al suo ruolo sociale: a supporto dell'economia, della popolazione e dello stato. Ci sono eccezioni: soprattutto da parte di aziende che non hanno la nostra cultura, dove il ruolo nella formazione degli apprendisti e nella formazione continua è un modello».

Compatibile con la flessibilità?

«Certo».

E allora perché tanta ostilità al Ccl?

«Sotto sotto, le regole non piacciono a nessuno. Poi, l'ostilità fa parte del gioco della contrattazione. Ma non penso che le nostre aziende siano davvero contrarie a garantire condizioni dignitose ai propri dipendenti. È logico:il contratto collettivo viene vissuto come un vincolo e in parte un'imposizione sopra quella che è considerata una proprietà privata. Ammettiamolo: non amiamo le regole. Nemmeno quelle che ci diamo da soli». 

 

 

 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Sono svizzero, ne vado fiero e odio la Lega 3 anni fa su fb
Bravi
F.Netri 3 anni fa su tio
Certo che, se si va a sottoporre una serie di domande sui contratti collettivi a una donna social-comunista, è normale che le risposte siano da "rivoluzione d'ottobre".
miba 3 anni fa su tio
Amalia Mirante, docente di economia Usi/Supsi. Io non avrò le qualifiche, master, bachelor ecc ecc della Signora Mirante ma faccio notare alla Signora che la pace sociale sul lavoro era stata ancorata (e lo è ancora tuttora) nel Codice delle Obbligazioni in maniera chiara e precisa, sia per quanto riguarda il rapporto di lavoro, sia per quanto concerne le vacanze, sia per quanto concerne i licenziamenti, sia per quanto concerne l'incapacità lavorativa e tanto altro ancora. Un contratto collettivo di lavoro prevede per il dipendente condizioni più favorevoli rispetto al Codice delle Obbligazioni. Eppure qualche anno fa esisteva la pace sul lavoro anche senza i "contratti collettivi a tutti i costi", fatto che ora questi sono diventati il cavallo di battaglia dei sindacati creando loro un po' più di lavoro che altrimenti non avrebbero. Altro che pace sul lavoro quando i sindacati in primis gettano benzina sul fuoco (in questo caso sostenuti nientemeno che anche da una docente universitaria di economia...) su meccanismi collaudati e consolidati da tempo nell'ambito della nostra economia
Meno 3 anni fa su tio
@miba Tanto è socialista, quindi chiude gli occhi davanti ai sindacati che aizano i lavoratori solo per visibilità politica e giustificare il loro salario.
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-03-28 09:01:31 | 91.208.130.87