Tipress (archivio)
CANTONE
20.05.2021 - 10:000
Aggiornamento : 10:35

Tornano i finti poliziotti che truffano gli anziani

La Polizia mette in guardia: negli ultimi giorni sono stati attivi sul nostro territorio, nel Locarnese in particolare.

BELLINZONA - Si spacciano per poliziotti, ma sono in realtà dei truffatori. E sono tornati in azione nel nostro Cantone. Lo comunica oggi la Polizia cantonale, spiegando che in questi giorni sono arrivate alcune segnalazioni che indicano una recrudescenza di questo tipo di contatti telefonici truffaldini. Gli ultimi tentativi di raggiro, da parte di una persona che si esprimeva in tedesco, hanno riguardato persone anziane residenti in particolare nel Locarnese. Episodi simili sono già accaduti sia nel resto della Svizzera che in Ticino

Come agiscono - La Polizia ricorda che, nel compimento della truffa, di principio la vittima viene contattata telefonicamente da una persona che, dopo averle carpito abilmente informazioni riguardanti la sua sfera privata, si fa passare per un nipote, un parente lontano, un amico, fino al falso poliziotto. Il truffatore si presenta quale agente di polizia mediante una chiamata telefonica durante la quale millanta la presenza, nei dintorni dell'abitazione della vittima, di agenti in civile poiché in una casa vicina alla sua vi è stato un furto.

I risparmi di una vita - In questo modo, specifica la Polizia, spaventando la vittima, il criminale potrebbe indurre la persona a raccogliere i valori che custodisce in casa e successivamente, giocando abilmente sulla paura instillata, convincerla a recarsi in banca per fargli prelevare tutti i risparmi. Questo mettendo in dubbio la sicurezza dell'istituto bancario o l'onestà degli impiegati. Dopodiché potrebbe convincerla a nascondere e/o sotterrare quanto raccolto all'esterno dell'abitazione per mettere il tutto al sicuro. Nottetempo i truffatori fanno capolino in giardino e risparmi e preziosi di una vita si volatilizzano in un baleno. Oppure, potrebbero presentarsi a domicilio inducendo la vittima a nascondere denaro e gioielli in un luogo sicuro in casa, per poi impossessarsene nel corso della loro presenza nell'abitazione.

Come non cascarci - La Polizia ribadisce nuovamente i consigli per non incappare in questo genere di truffe: Siate sempre diffidenti quando ricevete chiamate con richieste di denaro. Non citate mai il nome dei vostri parenti al telefono. Specificate che in casi d'emergenza dovete dapprima consultarvi con qualcun altro e interrompete subito la conversazione telefonica. Poi contattate un parente che conoscete bene e di cui vi fidate e con lui/lei verificate le informazioni. Non consegnate mai denaro o oggetti di valore a sconosciuti! Non date a nessuno informazioni sui vostri averi, né su quelli che tenete in casa né su quelli che avete in banca. Se una chiamata vi sembra sospetta, informate subito la polizia, telefonando al 117 (numero d'emergenza). Informate i vostri parenti e conoscenti e sensibilizzateli dell'esistenza di questo tipo di truffa.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-11-29 16:03:10 | 91.208.130.86