Immobili
Veicoli
ULTIME NOTIZIE Ticino
AIROLO
7 ore
Sorpasso nel tunnel del San Gottardo, automobilista condannato
Un cittadino degli Emirati Arabi è stato sanzionato per la manovra compiuta lo scorso 24 novembre
LUGANO
8 ore
Davide Enderlin a processo
L'ex consigliere comunale luganese è stato rinviato a giudizio e dovrà rispondere di illeciti per oltre 3 milioni
ARBEDO-CASTIONE
9 ore
Il Motel Castione affonda schiacciato dall'Iva
Negli scorsi giorni la società ha depositato i bilanci, oggi lo stop intimato dal Cantone
CANTONE
10 ore
Cardiocentro nell'EOC: «È stato un primo anno positivo»
L'integrazione è pienamente riuscita e da quest'anno la cardiologia dell'Ente sarà gestita totalmente dal Cardiocentro.
CANTONE
10 ore
Ecco i prossimi radar, molti nel Luganese
La lista dei controlli della velocità annunciati per la settimana dal 24 al 30 gennaio
CANTONE
12 ore
Mancata riscossione dell'IVA: «Non devono essere i conducenti a risarcirla»
L'invio di un complemento di fattura dopo circa cinque anni ha fatto storcere il naso a molti.
FOTO
LUGANO
14 ore
«Ringrazio tutto il personale sanitario»
Il presidente della Confederazione ha parlato con i medici e gli infermieri in prima linea nella lotta al Covid-19.
CANTONE
15 ore
«Bene gli applausi agli infermieri, ma diamogli anche 6'000 franchi»
L'MPS ha presentato una serie di emendamenti al Preventivo 2022 focalizzati su sanità, dumping e disoccupazione
LOCARNO
16 ore
Kursaal firma con un nuovo gestore. «Ma noi siamo ancora interessati»
Il Gruppo ACE, che attualmente gestisce la casa da gioco, non nasconde il proprio stupore: «Non sapevamo nulla»
CANTONE
17 ore
Rinnovato il CCL dell'Autolinea Mendrisiense
Si tratta di un contratto collettivo «solido e garante di buone condizioni di lavoro», sottolineano i sindacati.
FOTO E VIDEO
LUGANO
17 ore
Fiamme in un appartamento a Lugano
L'incendio è divampato questa mattina in una palazzina di Via Gerso.
CANTONE
17 ore
In lieve aumento i ricoveri (+5) e tre nuove vittime
I nuovi positivi al Covid registrati nelle ultime 24 ore sono 1421.
COMANO/CARACAS
09.10.2017 - 08:230

Parla Filippo Rossi: «Io il mio lavoro lo porto a termine»

Le prime parole del giovane reporter ticinese dopo la scarcerazione in Venezuela: «Sono stanco, ma posso dirvi che ci hanno trattati con rispetto»

COMANO/ CARACAS – «Continuerò a fare il mio reportage, fino in fondo. Di più non ti posso dire, al momento». È un Filippo Rossi provato, quello che si racconta dal Venezuela. Il 27enne di Comano, reporter freelance, era stato arrestato negli scorsi giorni durante un'inchiesta nel Paese sudamericano per essere stato trovato in possesso di apparecchi di registrazione non autorizzati. «Non posso e non voglio dirti esattamente dove mi trovo. Penso tu possa capirmi... Ti dico solo che sto per andare a dormire. Sono molto stanco e sto bene». 

Visita al carcere – Oltre a Rossi sono tornati in libertà anche l'italiano Roberto di Matteo e il giornalista locale Jesus Medina. I tre erano intenzionati a entrare nella prigione di Tocoron, nello Stato di Aragua, per svolgere appunto un reportage. Rossi, in particolare, stava trascorrendo alcune settimane a Caracas e dintorni per cercare di raccontare la drammatica realtà locale. Lui stesso, poco tempo fa, in un blog aveva presentato Caracas come la città più pericolosa del mondo. 

Le imprese nei deserti – È un ragazzo coraggioso, Filippo Rossi. Laureato in scienze politiche, arabo e portoghese a Zurigo, è noto anche per la sua attività sportiva come corridore estremo, soprattutto nei deserti. Ma è soprattutto la voglia di rivelare scomode verità a contraddistinguere questo giovane, curioso per natura. 

Una missione da concludere – Nonostante la brutta esperienza con le autorità venezuelane, Rossi non fa polemiche. «Ci hanno trattati con rispetto». E aggiunge: «Io e il mio collega abbiamo deciso di fare una dichiarazione unica per tutti gli organi di stampa, in maniera approfondita. La faremo più avanti. Ora dobbiamo portare a termine quello che abbiamo iniziato».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
vulpus 4 anni fa su tio
In uno dei più violenti carceri di questo mondo, giornalisti europei trattati come ospiti di lusso: mah.......
GI 4 anni fa su tio
mettendo le mani (nude) in un cesto indiano.....rischi di farti mordere da un cobra....
Pepperos 4 anni fa su tio
Adesso arriva il conto del DFE......mmmmmh...
miba 4 anni fa su tio
E certo che li hanno trattati con rispetto!! Con tutte le fake news che ho letto sul Venezuela poco ci manca che ora sono anche cannibali... Comunque se si fossero informati ed avessero chiesto l'autorizzazione necessaria non sarebbero stati sicuramente arrestati. Sono curioso di leggere la "dichiarazione unica per tutti gli organi di stampa" promessa: verità o ulteriori fake news?

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-22 03:56:19 | 91.208.130.89