tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
16 min
Swiss sui voli cancellati: «Siamo in stretto contatto con Adria Airways»
CANTONE / SVIZZERA
32 min
Lavoratori distaccati: «No a maggiori diritti verso gli appaltatori»
CANTONE
57 min
Casse malati, l’Ordine dei medici sta con Raffaele De Rosa
BIASCA
2 ore
Licenziato dall'Ocst: «Sono distrutto»
CANTONE
3 ore
Prevenzione o radar trappola? A Camorino è strage di multe
CANTONE
3 ore
Martina Hirayama ricevuta da Manuele Bertoli
CANTONE
4 ore
Consuntivo 2018, c'è l'ok del Gran Consiglio
CANTONE
4 ore
Troppi voli cancellati: «Non si può andare avanti così!»
CANTONE
4 ore
Pau-Lessi: «Mai coperto nessuno». E chiede di essere sentito dal Gran Consiglio
CANTONE
5 ore
Mountain bike elettriche da condividere fra Biasca e Blenio
LOCARNO
5 ore
Carte di credito, cellulari e leasing con identità altrui. Arrestata
CANTONE
5 ore
Terza corsia sull'A2? «Basta con le soluzioni prefabbricate»
BELLINZONA
8 ore
Frena per evitare lo schianto, 15enne in ospedale
CANTONE
8 ore
Guido salvato da un infarto. Un video spiega come
CANTONE / SVIZZERA
8 ore
«Nessun debito fiscale nei confronti della Svizzera»
LUGANO
25.08.2017 - 17:410
Aggiornamento : 19:38

L'indignazione delle ARL: «Ci hanno sottratto il servizio senza motivo»

Le Autolinee Regionali Luganesi contro il Consiglio di Stato: «Ci tolgono un servizio di trasporto che detenevamo dal 1970»

LUGANO - Nuova "guerra dei trasporti" in terra ticinese. Dopo l'annuncio del mancato rinnovo delle licenze per i bus diretti a Malpensa (a vantaggio della nuova linea ferroviaria), questa volta a vedersi «sottratte» il servizio sono state le Autolinee Regionali Luganesi (ARL SA).

«Trenta giorni prima dell’inizio dell’anno scolastico ci tolgono senza alcun motivo, il servizio di trasporto di 230 allievi della scuola media di Pregassona che detenevamo dal 1970», scrivono in un comunicato stampa giunto nel tardo pomeriggio. Stando allo stesso comunicato, fino qualche giorno prima, le ARL avevano avuto rassicurazioni dagli organi cantonali preposti sul fatto che il mandato sarebbe proseguito fino alla fine dell’anno scolastico 2020/2021. «Senza alcun preavviso e senza alcuna informazione preventiva il Consiglio di Stato, tramite il DECS, pubblica sul Foglio Ufficiale il 28 luglio scorso il concorso per prestazioni di trasporto scolastico per gli allievi della scuola media di Pregassona a partire dall’anno scolastico 2017/2018. Aumentano il servizio da 5 tratte a 6 tratte», spiegano le ARL SA.

Un concorso, quello indetto, promosso «in fretta e furia» e con scadenza l’8 agosto, l’apertura delle buste il 9 agosto e l’inizio del mandato il 28 agosto 2017. «Nel concorso - aggiungono le Autolinee Regionali Luganesi - viene fatto riferimento anche ad un contratto collettivo di lavoro. Con questa condizione il Consiglio di Stato svaluta i minimi salariali fissati dalla Confederazione per il settore degli autobus penalizzando tutte le imprese di trasporto pubblico del Cantone. In questo modo consorzi e privati vengono scandalosamente favoriti rispetto alle aziende di trasporto pubblico concessionarie che sono vittime di dumping da parte dello Stato. Con questo le ARL vengono irrimediabilmente escluse dal concorso al quale non possono partecipare. Altro che prima i nostri… l’esatto contrario».

Per le ARL si tratterebbe di una «palese violazione del diritto federale in quanto è stato messo a concorso un trasporto regolare sulla linee in concessione federale alle ARL». Queste ultime hanno deciso quindi per il ricorso al Tribunale Cantonale Amministrativo che ne ha concesso l’effetto sospensivo, vietando al DECS di aprire le offerte. «L’introduzione da parte di ditte terze con un minimo di 48 percorrenze giornaliere nei due sensi sulla linea in concessione alle ARL, causerebbe seri problemi alla linea e alle fermate, aumentando traffico, pericoli, inquinamento e disagi per gli utenti, gli automobilisti, i motociclisti ed i ciclisti che su queste tratte sono veramente tanti», si legge ancora. Le AEL non mancano di fare menzione a possibili ripercussioni sui propri dipendenti: «L’esclusione arbitraria e immediata delle ARL comporta l’inevitabile licenziamento di 5/6 dipendenti e il mancato utilizzo, con rilevante perdita finanziaria, di autobus speciali in dotazione».

Le stesse autolinee affermano di non capacitarsi della decisione considerato che il Cantone, suo azionista per il 41,17%, che starebbe agendo in maniera «autolesionistica, arbitraria e sconsiderata». Le ARL rievocano quindi il "Caso Argo" per il fatto che sarebbe stato affidato tramite mandato diretto a due ditte innominate il compito di trasportare gli allievi di Pregassona. Incarico che si protrarrebbe solo fino a dicembre 2017. Questo nonostante le ARL abbiano comunicato ufficialmente a tutti gli addetti ai lavori che dal 28 agosto 2017 metteranno in esercizio tutte le necessarie corse di sussidio SULLA LINEA 62-459 (chiamata 62-461) per servire gli allievi della Scuola Media di Pregassona, da e per la Sede.

Le ARL avvisano quindi che lunedì 28 agosto 2017, giorno ribattezzato «di Sant’Argostino», conformemente alle disposizioni della Legge e delle Ordinanze federali, potenzieranno i servizi della linea 62-459 (chiamata 62-461) da Villa Luganese – Sonvico – Dino – Cadro – Casteldavesco – Davesco – Soragno fino alla Sede della Scuola Media di Pregassona e fanno notare che «nessun’altra ditta, società, azienda, ecc. è autorizzata a far capo alle strutture, fermate, piazzali di ARL».

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-18 20:26:21 | 91.208.130.87