Cerca e trova immobili

CANTONEDalle mucche da latte a quelle da carne: va' dove ti porta il mercato

04.08.23 - 06:30
Molte aziende agricole riconvertono gli allevamenti. Il latte non rende più, adesso è il mercato della carne che tira.
Foto TiPress
Dalle mucche da latte a quelle da carne: va' dove ti porta il mercato
Molte aziende agricole riconvertono gli allevamenti. Il latte non rende più, adesso è il mercato della carne che tira.

CHIGGIOGNA - Da tredici sono diventati trentanove e la tendenza sembra destinata a fare proseliti fra gli allevatori. Di quale tendenza stiamo parlando? Di quella che ha come teatro le stalle e di un cambio che sta avvenendo al loro interno di "destinazione d'uso" delle mandrie: da mucche da latte a quelle da carne. 

Il latte non rende più e la legge del mercato la fa la carne - Non bisogna andare troppo al largo di chissà quali teoremi o spiegazioni per cercare le ragioni reali di quella che - vale per qualsivoglia attività produttiva - in gergo si chiama semplicemente riconversione, che è quasi sempre dettata da ragioni di bilancio e da ciò che richiede la piazza commerciale: il latte non rende più, adesso è la carne che mantiene vive le casse degli allevatori.

«D'altronde con il prezzo di 70 centesimi al litro in estate e fra i 48 centesimi e i 50 d'inverno che viene pagato agli agricoltori, si può ben comprendere questo cambio di indirizzo operato dalle aziende» dice Omar Pedrini, presidente dell'Unione dei Contadini Ticinesi. 

La carne fa guadagnare di più e dunque molti cambiano strada seguendo le legge del va' dove ti porta il mercato.

«Il guadagno non è soltanto riferibile al differente peso economico delle due tipologie di allevamento - argomenta Pedrini - perché c'è anche il fatto che allevare mandrie da carne richiede meno lavoro rispetto a quelle da latte, pensiamo per queste ultime ad esempio alla sola fase della mungitura e al tempo che richiede: questo risparmio di attività ti consente di dedicarti ad altre mansioni ovviamente che danno una remunerazione e apportano beneficio economico alla tua azienda».

Un bovino raggiunge i 400-450 chili dopo un anno. All'agricoltore vanno tra i 15 e i 16 franchi al chilo - Per fare raggiungere a una mucca un peso che oscilli tra i 400 e i 450 chili serve un anno: «All'allevatore il bovino viene pagato 15-16 franchi al chilo - spiega Pedrini - e la macellazione avviene oltre il Gottardo: la carne poi ritorna in Ticino per essere immessa nella distribuzione. Le stesse aziende oltre Gottardo destinano all'estero solo le parti meno nobili delle nostre manze».

Una questione di politiche agricole. Parole d'ordine: qualità e sostenibilità ambientale - La politica della Confederazione del resto mira a preservare sempre di più il prodotto autoctono e le parole d'ordine che riecheggiano dalle stanze dove si decidono le politiche agricole hanno sempre più a che fare con qualità e sostenibilità ambientale.

«I nostri allevatori sono particolarmente sensibili a questo aspetto - dice ancora Pedrini - si privilegia il pascolo all'aria aperta e quindi un tipo  di alimentazione che viene data dalla natura».

L'aumento delle vacche nutrici in Svizzera: da 120 a 140 mila - La riconversione in atto nelle stalle ticinesi fa il paio con quello che sta accadendo nel resto della Svizzera: da un rapporto stilato da Proviande, si nota come dal 2012 al 2021 il numero di vacche nutrici sia passato da 120'000 a 140'000. Come nelle altre regioni della Confederazione, oltre ai numeri anche in Ticino è mutato lo scenario delle razze presenti sui pascoli.

Le razze: Aberdeen Angus in montagna, la Charolais in pianura - L’erba fresca dei prati svizzeri di montagna «è il foraggio perfetto per la razza Aberdeen Angus - racconta Pedrini - mentre in pianura prevalgono manzi e manze di razza Charolais. Sono due tipologie di animale con un loro bisogno specifico di ambiente».  

Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 

Heinz 8 mesi fa su tio
Se un kg di carne costa 50 franchi, quanto costa un manzo intero? Come si forma il prezzo da fuori di testa?

Bibo 8 mesi fa su tio
Risposta a Heinz
Inizia tu a fare il contadino/allevatore poi vediamo a quanto riuscirai a vendere latte e carne...

Ruse 8 mesi fa su tio
Quando vivevo nel canton Friborgo era possibile acquistare il latte direttamente dal distributore automatico di alcune fattorie. Con questo sistema loro guadagnavano sicuramente di più ed evitavano i grossisti / distributori alimentari che dall'alto della loro forza decidono i prezzi. Qui in Ticino non sono più riuscito a trovare una fattoria che facesse vendita diretta di latte fresco. Chiaramente al giorno d'oggi molta gente non è più abituata a bere il latte fresco non trattato ma per me non c'è paragone con la brodaglia che rifilano nei supermercati.

Andy 82 8 mesi fa su tio
Risposta a Ruse
ha pienamente ragione e come ha detto niente di meglio del latte fresco e appena munto magari con la panera sopra. mmmmmm

Bibo 8 mesi fa su tio
Risposta a Ruse
In teoria non è possibile vendere latte non pastorizzato ai privati, idem il formaggio fatto con latte non trattato termicamente, a parte quello degli alpi.

Evry 8 mesi fa su tio
Lasciate lavorare i contadini e allevatori in tranquillità , grazie

vulpus 8 mesi fa su tio
Altra operazione a rischio. Poi a medio termine saremo confrontati con la carenza di latte? Oppure nel segno dell'ecologia porteremo il latte dalla Svizzera interna o additittura dall'estero? La politica dove è in queste situazioni?

Dapat 8 mesi fa su tio
Risposta a vulpus
Già oggi importiamo latte e burro in gran quantità dalla Germania…..

Tirasass 8 mesi fa su tio
Mercato fuori di testa... dicono che la gente mangerà meno carne in futuro... boh... non mangeremo più formaggio degli alpeggi? Boh... producono qui, macellano oltre Gottardo poi torna tutto qui... boh
NOTIZIE PIÙ LETTE