Immobili
Veicoli

Lugano«No a nuove gallerie e corsie autostradali»

17.08.22 - 09:10
Il Partito Comunista non crede nel progetto PoLuMe (Potenziamento Lugano Mendrisio)
TiPress
«No a nuove gallerie e corsie autostradali»
Il Partito Comunista non crede nel progetto PoLuMe (Potenziamento Lugano Mendrisio)

LUGANO - L'allargamento del Ponte diga di Melide, le nuove gallerie di Gentilino e quelle tra Melide e Grancia, Bissone e Maroggia, nuovi svincoli e l'aggiunta di corsie autostradali: non piace al Partito Comunista il progetto PoLuMe (Potenziamento Lugano Mendrisio) e le ragioni del no lo affidano a una serie di valutazioni.

«Il traffico motorizzato rappresenta un problema ormai strutturale del nostro territorio ed è corresponsabile del degrado ambientale - dicono - diminuirlo è quindi una scelta strategica per favorire la vivibilità del Cantone. Pensare tuttavia che ampliando la capacità delle autostrade e mettendo in atto tutto quello che il progetto prevede si potranno evitare code e ingorghi all'entrata dei perimetri urbani è semplicemente un'illusione, peraltro molto costosa»

Gli esponenti della compagine politica criticano la scelta progettuale «che porterà ad avere cinque corsie autostradali attive nelle ore di punta in una regione già molto colpita dal traffico indotto» e suggeriscono che «a tutto vantaggio dell'attrattività non solo turistica ma anche residenziale della regione e della lotta all'inquinamento e, quindi, della salute pubblica messa in pericolo dal regolare superamento dei limiti di legge delle polveri fini, occorre evitare che due miliardi di franchi, di cui 84 milioni messi a disposizione dal Canton Ticino, siano spesi in questo progetto».

Questi soldi «soldi della collettività», sottolineano, «servirebbero semmai per ulteriori investimenti a favore del diritto alla mobilità pubblica, rendendo la stessa più capillare, attrattiva dal punto di vista della funzionalità e finanziariamente accessibile. Il PoLuMe va esattamente nella direzione opposta poiché inciterà all'uso dell'automezzo privato».

C'è poi la presa di posizione di oltre seimila cittadini «e dei consigli comunali di Balerna, Melano, Mendrisio e Riva San Vitale che hanno preso posizione contraria al PoLuMe: di fronte a questo dilagante scetticismo della comunità non è saggio tirare dritto, invitiamo quindi seriamente la Confederazione ad ascoltare le forti preoccupazioni della popolazione e ritornare sui suoi passi».

 

NOTIZIE PIÙ LETTE