Immobili
Veicoli
Deposit
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
49 min
En attendant Contact Tracing: «Ormai guarito, mi dicono "isolati"»
La marea di contagi ha ingolfato il Contact Tracing, la testimonianza di chi è stato avvisato quando era ormai guarito
LUGANO
2 ore
Bimbo prega per fare trovare un lavoro al papà
Il commovente messaggio di un bimbo luganese pubblicato sui social da don Emanuele Di Marco, direttore dell'oratorio.
CANTONE
13 ore
«Dei genitori non ci portano più i loro bambini»
Parte dei club sportivi ticinesi hanno deciso, come in vigore per le scuole, di imporre la mascherina ai bambini.
POSCHIAVO (GR)
14 ore
La Valposchiavo fa il pieno di turisti
Nel 2021 ha registrato oltre 80'000 pernottamenti: un record
CAMPIONE D'ITALIA
17 ore
Il Casinò di Campione riapre tra una settimana
Ora è ufficiale: la casa da gioco dell'enclave tornerà ad accogliere i clienti da mercoledì 26 gennaio.
FOTO
CANTONE
17 ore
Il Console italiano incontra il Governo
Durante la riunione si è discusso delle relazioni economiche tra Italia e Svizzera e di temi a carattere locale.
CANTONE
22 ore
Più soldi con il sole
La tariffa per la rimunerazione dell'energia stabilita da AET sale da 5,146 a 11,03 centesimi per kWh.
CANTONE
22 ore
Nuovi positivi a scuola e nelle case anziani
Sono 17 le classi attualmente in confinamento. Nelle strutture per anziani sono 116, in totale, gli ospiti positivi.
CANTONE
22 ore
Giornata da 13 tonnellate di aiuti per Tavolino Magico
La colletta svoltasi in nove diverse fililali Coop lo scorso 11 dicembre è stata un successo.
CANTONE
03.12.2021 - 16:220
Aggiornamento : 17:18

«Quella cucciolata di lupi è un segnale che per gli allevatori non c'è futuro»

Il nascita di tre lupacchiotti è «una cattiva notizia» commenta l'associazione per la protezione dai predatori

Il presidente Armando Donati critica la narrazione "buonista" sulla cucciolata in Val Onsernone: «Gli allevatori sono disperati. Qualcuno ha scaricato l'alpe a luglio. C'è chi ha smesso l'attività e chi sta pensando di fare altrettanto».

BELLINZONA - Fanno sempre tenerezza le cucciolate. E quindi non fa meraviglia che anche la nascita di tre lupacchiotti in Val Onsernone abbia intenerito il cuore di più di un lettore. La notizia, immortalata da una webcam dell'Ufficio della caccia e della pesca che mostra - ma ci vuole occhio di lince - il giovane branco sfrecciare sotto un cielo di neve, è stata invece accolta con evidente preoccupazione dall’Associazione per la protezione del territorio dai grandi predatori (APTdaiGP).

Nubi nere sull'allevamento - In una presa di posizione, dal titolo “Come travestire in buona una cattiva notizia”, il presidente Armando Donati, parla di «un ulteriore segnale, indiscutibile, che per l’allevamento tradizionale non ci sarà futuro». A sostegno di ciò, l’associazione porta le cifre del 2020, quando in Ticino si sono contati una ventina di avvistamenti, altrettanti attacchi e 59 capi predati (senza considerare i capi dispersi). I numeri del 2021 sono, per ora, fermi a 19 avvistamenti e a una quarantina di animali uccisi in una dozzina di attacchi.

«La nostra disperazione» - Queste fredde cifre tuttavia, per Donati, non dicono tutto: «Non dicono, ad esempio, l’inquietudine, la sofferenza, la frustrazione, in alcuni casi anche la disperazione, degli allevatori colpiti e delle loro famiglie. Qualcuno ha scaricato l’alpe in luglio! Non se la sentiva più di veder diminuire i propri animali ogni volta che saliva per controllo settimanale. E non tornerà più su quell’alpe. Altri hanno dovuto rinchiudere i propri animali in stalla già in ottobre. C’è chi ha smesso la propria attività di allevatore di ovini o caprini e c’è chi sta meditando di fare altrettanto».

«Narrazione buonista del Cantone» - «I ripetuti avvistamenti di questi ultimi due anni, in diverse regioni del cantone, ci portano - afferma Donati - a temere che siano già in formazione altre coppie. Le autorità invece tendono a tacere o addirittura a sottovalutare». L’APTdaiGP sottolinea che «l’espansione dei predatori sta mettendo in apprensione ogni allevatore. A cosa serve un “monitoraggio sempre attivo e dinamico” se i risultati non vengono condivisi con i diretti interessati? E come accogliere la narrazione buonista del comunicato del Dipartimento del territorio che non manca di concludere con una beffarda e maligna allusione a una presunta negligenza da parte degli allevatori?».

«Lupo libero, pecore in stalla» - La conclusione per Donati è una sola: «Il lupo rimarrà strettamente protetto e libero di espandersi come natura comanda mentre gli animali domestici, anch’essi amanti della libertà, dovranno finire rinchiusi in recinti e stalle. Pascoli alpestri e prati di montagna si inselvatichiranno e i prodotti nostrani ce li ricorderemo come particolarmente gustosi. E agli allevatori, a quei pochi rimasti, che messaggio di solidarietà invieranno le nostre autorità cantonali e federali?».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-20 08:57:06 | 91.208.130.85