Sindacato VPOD
CANTONE
18.10.2021 - 11:540

Oltre duemila firme contro il taglio delle pensioni

Le ha raccolte il sindacato VPOD per dire “no” alla misura prevista per il 2023

BELLINZONA - Sono 2'171 le persone che dicono “no” al taglio del 40% delle pensioni. Tanti sono coloro che hanno sottoscritto la petizione che oggi il sindacato VPOD ha consegnato al Governo e al Parlamento ticinesi.

Si parla della misura prevista dall'Istituto di previdenza del Canton Ticino (IPCT): per finanziare le rendite degli assicurati che oggi hanno grosso modo meno di 59 anni, sarà necessario ridurre del 20% il tasso di conversione per il calcolo delle pensioni dal 2023. Una riduzione, questa, che si sommerà al 20% già avvenuto con il passaggio dal primato delle prestazioni al primato dei contributi a inizio 2013, come sottolinea il sindacato VPOD.

Il provvedimento riguarda circa 16'000 impiegati cantonali, docenti cantonali e comunali, come pure dipendenti degli enti esterni.

I firmatari della petizione chiedono quindi al Parlamento e al Governo di sostenere un piano previdenziale per compensare la riduzione, approvando un aumento del 4% dei contributi ordinari a carico del datore di lavoro.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-02 07:44:50 | 91.208.130.87