tipress
CANTONE
13.10.2021 - 14:110
Aggiornamento : 18:25

Anche Tarchini fregato dal Principe

Il sedicente nobile etiope Selassié ha fatto una vittima illustre. Mr. Fox Town: «No comment»

LUGANO - Anche le volpi a volte ci cascano. Silvio Tarchini, imprenditore tra i più navigati in Ticino, è una delle vittime del "Principe" Selassié, il sedicente nobile etiope arrestato per truffa e detenuto alla Farera. Lo ha confermato a tio.ch/20minuti lo stesso imprenditore.

Il proprietario della volpe più famosa del Ticino, il FoxTown di Mendrisio, è finito nelle carte dell'inchiesta assieme ad altre tre facoltose vittime residenti in Ticino. Avvicinate dal Principe, sarebbero state convinte ad acquistare dei bond tedeschi poi rivelatisi scaduti. Il danno complessivo è di oltre 10 milioni di franchi. 

La maxi-truffa è stata messa in piedi a partire dal 2009 dal sedicente Principe, ed è venuta alla luce nel 2018. Allora residente a Londra, il 65enne si faceva chiamare Aklile Berhan Makonnen Hailé Selassié, diceva di essere un discendente dell'ultimo imperatore di Etiopia, e come tale era conosciuto nel jet-set tra Lugano e Milano. 

Il caso è assurto alla ribalta televisiva in Italia, dove le tre figlie del 65enne hanno partecipato al Grande Fratello Vip in qualità di "principesse". In realtà, il Principe altri non sarebbe che il figlio di un giardiniere del defunto imperatore d'Etiopia, di origini italiane. Arrestato in Lussemburgo, è stato estradato in Svizzera a seguito di un mandato di cattura emesso dalla Procura di Lugano. L'indagine è coordinata dalla procuratrice pubblica Chiara Borelli. 

Una telenovela tragicomica sui cui particolari Silvio Tarchini preferisce non commentare. «Mi sono unito alla denuncia, ma non sono stato io a farla partire» taglia corto al telefono Mr. FoxTown. La riservatezza dell'imprenditore momò è proverbiale, del resto. Classe 1944, una fortuna stimata attorno ai 300-400 milioni, il 77enne è tra gli uomini più ricchi del Ticino e non si scompone per un raggiro a sei zeri. Comunque ammette di «attendere gli esiti dell'inchiesta» con interesse. 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-20 22:46:42 | 91.208.130.85