Luigi Mazzola
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
1 ora
Nez Rouge ti porta a casa, ma solo se hai il Covid Pass
«Faremo scontenti alcuni volontari e utenti, ma la sicurezza è fondamentale», così il presidente René Grossi.
LUGANO
2 ore
Condannato il cacciatore che uccise un amico
Durante una battuta di caccia, lo aveva scambiato per un cinghiale.
LUGANO
2 ore
Il cartello italiano dà fastidio
Il consigliere comunale Omar Wicht protesta per un cantiere "poco svizzero" a Lugano
CANTONE
3 ore
La prima notte sotto zero
MeteoSvizzera segnala pericolo di gelo a partire da mezzanotte nel Luganese
CANTONE
4 ore
Firme elettroniche per iniziative e referendum? Il Cantone aspetta la Confederazione
È quanto risponde il Consiglio di Stato alla petizione presentata nel 2019 da Giorgio Ghiringhelli
LUGANO
5 ore
Pandemia meno grave del previsto: gettito fiscale +12 milioni
Nonostante un aumento contenuto dei costi (+1,71%), il calo dei ricavi (-4,13%) influiscono sui conti della città.
CANTONE
5 ore
Minori e violenza in famiglia: una serata per discutere il tema  
Bambini e adolescenti sono esposti alla violenza con una frequenza e un’intensità preoccupanti.
POSCHIAVO (GR)
5 ore
Colpisce il muro e si capovolge, 19enne esce illeso dall'incidente
Il giovane, con la patente in prova, era alla guida in stato di inattitudine.
LUGANO
10 ore
Camion bloccato manda il traffico cittadino in tilt
Disagi alla circolazione su Viale Franscini a causa di un mezzo pesante rimasto bloccato in seguito a una panne
CANTONE
10 ore
Prime valutazioni per la civica a scuola
A due anni dall'entrata in vigore della modifica di legge, il Governo ha approvato il primo Rapporto di valutazione.
CANTONE
10 ore
In Ticino 25 nuovi contagi. I ricoverati restano 8
Attualmente due persone si trovano in cure intense a causa del Covid.
MENDRISIO
11 ore
Treni fermi e Fiore chiuso
Il prossimo weekend si potrà salire sul Generoso solo a piedi e non ci si potrà rifocillare al caldo.
CANTONE
12 ore
Pochi funghi, 14 intossicati
Non è stata una stagione felice per gli appassionati in Ticino. Anche dal punto di vista sanitario. 
CANTONE
05.07.2021 - 19:440
Aggiornamento : 21:47

«Quella volta che vidi Schumacher in lacrime»

Luigi Mazzola, icona della Formula Uno nel team Ferrari, oggi è un coach emozionale a Lugano

Ha conosciuto i grandi, da Senna a Valentino Rossi. Ora cerca di trasferire il suo know how alle aziende. «Perché la tecnica non basta per vincere, serve anche mettersi in contatto con l'inconscio»

LUGANO - Luigi Mazzola è un’icona vivente nel mondo della Formula Uno. Dal 1988 al 2009 ha lavorato in Ferrari prima come race engineer, poi come dirigente dello sviluppo della performance. Al suo attivo ha ben quattordici campionati mondiali vinti: otto costruttori e sei piloti. È diventato un commentatore televisivo per Sky e Rai. Ma l'esperienza che ha maturato nel paddock ha voluto trasferirla oltre il mondo dei motori. Lo ha fatto lanciandosi in una nuova avventura, quella del testimonial emozionale, formatore ed executive coach. Un'avventura che affonda le radici in Ticino, a Lugano. 

Come si passa dalle corse all'coaching nelle aziende?
«Diventai abbastanza presto dirigente. Ero giovane e non era facile. Ho dovuto cominciare ad apprendere quelle che si chiamano soft skills, altrimenti dette competenze trasversali. Parlo di comunicazione, intelligenza emotiva, e anche spiritualità. L’ambiente della Formula Uno, infatti, gravita fuori dal mondo conscio ed è molto più vicino al mondo dell’inconscio». 

Chi l'ha aiutata in questa crescita personale? 
«Ho avuto la fortuna di collaborare con piloti e manager di altissimo livello. Sono stato amico di Senna, ho lavorato con Valentino Rossi. Ho dovuto "vendere" progetti e soluzioni a persone “difficili” del calibro di Alain Prost, Michael Schumacher, Jean Todt o a Luca Cordero di Montezemolo. Tutti personaggi con elevate competenze e capacità, che mi ha permesso di costruire nel tempo modelli e metodologie specifiche. Una volta finito con il mondo della Formula Uno, iniziava a diventare pesante, mi sono divertito a trasferire questo know how alle aziende. Ho individuato aree dove poter trasferire queste competenze e, a 47 anni, ho deciso di cambiare pelle e ridefinire la mia vita lavorativa».

Un percorso che, da quello che ho capito, va oltre l’aspetto tecnico. 
«Il management non è fatto solo di competenza tecnica, ma anche di capacità relazionale, comunicativa. Bisogna saper trascinare, motivare le persone e portarle all’obiettivo. Anche nelle aziende sono fondamentali il gioco di squadra, la performance, gli obiettivi e le prestazioni. Il mondo della Formula Uno chiede molto di tutto ciò. Chiede passione, uno rapporto stretto con il rischio e pericolo, ma anche con l’innovazione. Tutto ciò è traslabile dal mondo dello sport a quello aziendale». 

Perché il Ticino?
«In passato ho vissuto due anni a Zurigo, quando sono stato chiamato per lanciare la Sauber in Formula Uno. Era il '92/'93. All’epoca mi licenziai da Ferrari perché non ero molto d’accordo con la dirigenza. Peter Sauber mi chiamò per prendere in mano il team e prepararlo. Nel '93 esordimmo in Sud Africa. Dopo quell’anno Montezemolo mi richiamò in Ferrari. Ecco, io in quei due anni ero stato molto bene. Mia moglie, poi, è di Dongo, un comune della Provincia di Como a 10 km dal confine. Ci siamo ripromessi che saremmo tornati in Svizzera. Lasciato il gruppo Ferrari e non avendo più l’esigenza di stare in un posto preciso per lavoro, ho preso la decisione di trasferirmi in Svizzera. Oggi mia figlia lavora all’IRB di Bellinzona, mio figlio collabora con me». 

Aziende ticinesi che si sono affidate alla sua esperienza?
«Mikron, BancaStato, Raiffeisen, Credit Suisse, Puricelli, gruppo Wullschleger, l’HCL Lugano… solo per citarne alcuni».

Ha lavorato con alcuni dei più grandi. Tra questi Schumacher, amato non solo in Italia, ma in tutto il mondo. Un ricordo a lui legato?
«C’è un aspetto di Michael che non è molto conosciuto ed è relativo alla sua capacità di usare le emozioni. È una cosa che non racconto spesso. Contrariamente all’impressione che poteva dare dall’esterno, era un personaggio molto emotivo, un trascinatore. Io lo definivo un gran pilota non solo di auto, ma anche di persone. Era pragmatico, severo, rigoroso nel fare le cose. Ambiva alla perfezione. Ma quando vinceva si lasciava andare. Ricordo l’ultimo test che abbiamo fatto insieme, era il 2006 ed eravamo a Jerez de la Frontera. Lui si ritirò per la prima volta quell’anno, per poi tornare nel 2010. In una cena a fine test ringraziò tutti. Disse: "Senza di voi non sarei stato nessuno, devo solo dire grazie a voi e a tutto l’azienda". Si lasciò andare in un pianto che toccò tutti noi. Quelle lacrime non erano un'eccezione. Spesso dopo un test andato bene o un successo lo si ritrovava incapace a parlare per l'emozione».

Luigi Mazzola
Guarda le 4 immagini
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-28 20:58:27 | 91.208.130.89