Tremano le discoteche: «Ci hanno dimenticati»
Keystone
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
49 min
«La lentezza degli aiuti da parte delle autorità è costata vite umane».
Le riflessioni del Segretario UNIA Ticino, Giangiorgio Gargantini, a oltre un anno e mezzo dall'inizio della pandemia.
FOTO
SERRAVALLE
2 ore
Caduta di piante sulla strada a Serravalle
La rimozione e il taglio di rami e tronchi ha richiesto l'intervento dei pompieri.
FOTO
BELLINZONA
2 ore
Violento scontro tra auto e muro durante la notte
L'incidente è avvenuto intorno all'una di mattino sulla cantonale.
CANTONE
3 ore
Gioco erotico o assassinio? Al via il processo sul delitto al La Palma
Alla sbarra un 31enne tedesco che dovrà rispondere dell'omicidio della sua compagna inglese di 22 anni.
CANTONE
3 ore
Dal vaccino alla poppata, una traversata lunga 9 mesi
Le risposte del Primario di ginecologia e del Pediatra neonatologo ai dubbi che assillano le donne incinte
CANOBBIO
9 ore
“Tutti in gioco” è sempre più in partita tra divertimento e Vip
 «È una grande gioia» spiega l'ideatrice Simona Gennari «vedere i progressi di tutti gli allievi»
LUGANO
11 ore
Festa nel parco, scatta l'interrogazione
Chiesti lumi al Municipio sulla questione degli spazi aggregativi per i giovani a Lugano
CANTONE / SVIZZERA
12 ore
Il comitato contro il “Matrimonio per tutti” bloccato da Facebook
Il social: «Istiga all'odio». Chiesta al tribunale la revoca del blocco
CANTONE
12 ore
«Vogliamo che Agno diventi lo scalo dei furbi?»
Giancarlo Seitz sulla sicurezza dello scalo luganese: «Da due anni non c'è più nemmeno la Polizia cantonale».
FOTO
CANTONE / SVIZZERA
13 ore
L'estate sta finendo... è arrivata la prima neve
In Ticino il limite delle nevicate è sceso a 2'200 metri. A Goms, in Vallese, qualche fiocco è arrivato a 1'300 metri
LUGANO
15 ore
«Hanno lanciato sassi, per questo gli agenti hanno sparato»
Il Comandante della polizia di Lugano: «Tutta l'operazione si è svolta nel rispetto delle norme di proporzionalità».
MENDRISIO
15 ore
Una frana ferma il treno del Monte Generoso
L'esercizio è sospeso da domani fino a nuovo avviso
CANTONE/SVIZZERA
15.04.2021 - 08:130
Aggiornamento : 11:20

Tremano le discoteche: «Ci hanno dimenticati»

Dopo la chiusura dell’Hiltl club di Zurigo c’è apprensione nella movida ticinese. «Pesante anche sul piano morale».

Le discoteche sono chiuse praticamente da un anno e i rappresentanti del settore lanciano un disperato grido d'allarme.

BELLINZONA - È un addio quello della discoteca Hiltl di Zurigo. Dopo 14 anni di attività, si chiudono i battenti. L’ha comunicato lunedì sera, attraverso gli account social, il team del locale. «È a malincuore che abbiamo deciso di non riaprire più l’Hiltl club dopo la pausa forzata impostaci dal Covid», recita il messaggio. Una decisione, quella presa dalla gestione dell’Hiltl, motivata «dal continuo prolungarsi di questa situazione difficile e dalla mancanza di prospettive» con la quale il settore si sta confrontando. 

Un settore di cui si parla poco - «Mi spiace e lo capisco, perché in questo momento c’è chi non vede un futuro in questo tipo di attività» commenta Daniel Perri, responsabile delle discoteche Vanilla di Riazzino, Rotonda di Gordola e Pix di Ascona.

Nessuno spiraglio di luce in vista - Nel frattempo, il Consiglio federale ha annunciato ieri alcuni allentamenti, in vigore da lunedì prossimo. Tra questi, l'apertura delle terrazze di bar e ristoranti e quella delle palestre. Ma sulla movida neanche un accenno. «Il nostro è un settore dimenticato», spiega Perri, «e di cui si parla spesso in negativo». 

Noi ci siamo fermati, il Covid no - Nessuno, aggiunge Perri, «ha avuto il coraggio di dire che anche se siamo chiusi praticamente da un anno a questa parte, il Covid ha fatto comunque il suo corso». Sì, perché sull’arco del 2020 il locale ha potuto fare ben poche serate, spalmate su circa un mese di attività e con un limite di persone da rispettare. 

Dura anche moralmente - E rispetto alle prospettive future: «Purtroppo al momento ci troviamo in un limbo, ed è molto pesante. Certamente a livello economico, ma anche sul piano psicologico e morale. Siamo dei pesci fuor d’acqua. Io è più di un anno che vivo alla giornata», conclude amareggiato Perri. 

La chiave per la sopravvivenza? La diversificazione - «Noi resistiamo», così il gerente della società Woodstock Marco Acocella. Per sopperire alla perdita d'introiti del disco-bar bellinzonese, la gestione ha deciso di puntare su una maggiore diversificazione dell’attività, investendo in un ristorante, in un lido e in un centro sportivo. Stessa formula anche per la società Surfim SA, proprietaria di Vanilla: «Avendo bar, ristoranti e appartamenti riusciamo a portare avanti il tutto», chiarisce Perri. 

Non solo discoteche - Non sono però solo i proprietari delle discoteche a soffrire. «Dobbiamo stare attenti con le chiusure. Non solo per noi in sé, ma anche per l’indotto che sta dietro alla nostra attività. Noi siamo importanti per l’economia ticinese», aggiunge Acocella. Sono in effetti diverse le aziende che collaboravano con il Woodstock: «Si occupavano del food and beverage, della sicurezza e degli eventi. ll 50-60% dei nostri incassi andavano a loro. E ora sono messi male quanto noi».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
lollo68 5 mesi fa su tio
In altri paesi hanno trovato delle alternative con delle discoteche all'aperto e dei mini palchi a distanza di sicurezza per poter ballare. Da noi si potrebbe sfruttare lo spazio degli aeroporti!
seo56 5 mesi fa su tio
Ma che dimenticato. Ci manca solo che aprono anche quelli!!!!!
Dario Lampa 5 mesi fa su tio
Nessuno ha dimenticato nessuno. Anche a me manca uscire a ballare o a bere qualcosa. Ma sarebbe folle riaprire un'attività del genere in questo momento. Chissà a fine anno con tutti vaccinati... Forza e coraggio e vacciniamoci!
egi47 5 mesi fa su tio
In questo momento solo un pazzo potrebbe dare il permesso di riaprire.
don lurio 5 mesi fa su tio
Possono riaprire solo se soddisfano tutto quanto consentito dalla legge.Gerente con patante , Rispetto al vicinato con i rumori. Igiene nel locale ed esterno al termine pulire le adiacenze fino a 200 m. nelle vicinanze del locale, presenza di sicurezza del locale. Personale qualificato.
Um999 5 mesi fa su tio
Non vi hanno dimenticato, sarebbe da folli aprire proprio le discoteche.
seo56 5 mesi fa su tio
@Um999 Esattamente
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-20 09:37:53 | 91.208.130.85