Stefano Garganigo
ULTIME NOTIZIE Ticino
MENDRISIO
1 min
Il PLR ottiene il Massimo, il PPD si lecca le ferite
Scossone nel Municipio di Mendrisio con i liberali radicali che strappano un seggio ai popolari democratici.
CANTONE
8 min
Motociclista a 105 chilometri orari sui 50
In sella al mezzo c'era un quarantenne. È stato intercettato lungo via Resiga a Novazzano
CANTONE
30 min
Da due a quattro, i Verdi raddoppiano nei Municipi
Zanchi (Locarno) e Mombelli (Morbio) si aggiungono alle riconferme di Benzoni (Balerna) e Costantini (Rovio)
MAGGIA
1 ora
Dalla cascata allo schianto sulle rocce, rischia la vita
L'incidente in canyoning si è verificato sabato a Someo.
LUGANO
2 ore
«Mettere in discussione il sindacato? Sarebbe assurdo»
Con 6'213 voti personali, il PPD Filippo Lombardi entra nella stanza dei bottoni luganese
CANTONE
4 ore
Entrano in vigore le nuove disposizioni federali
Il Governo invita la popolazione a continuare a dimostrare un rispetto scrupoloso delle norme di comportamento.
CANTONE
4 ore
Coronavirus in Ticino: aumentano i pazienti negli ospedali
Nelle ultime ventiquattro ore sono stati effettuati cinque nuovi ricoveri
CANTONE
8 ore
«La pandemia ha preparato i militi per i futuri compiti»
L'impegno contro il Covid raccontato dal comandante della PCi Claudio Hess
LUGANO
8 ore
Da Dino al Texas trasloca il progetto Montessori
La promotrice Karen Gallo commenta la messa all'asta dell'edificio che ospitava la scuola poi chiusa dalle autorità
CANTONE
8 ore
Senza giacca, nel luogo più caro del Monopoly
“A Zurigo, sulla luna. Dodici mesi in Paradeplatz”. L'opera curiosa realizzata da Andrea Fazioli e Yari Bernasconi.
CANTONE
08.04.2021 - 06:000
Aggiornamento : 10:44

Riceve le gambe nuove, e ora camminerà da Chiasso ad Airolo

L'idea del 49enne Stefano Garganigo, vittima di un grave incidente nel 1998. Una sfida che celebra la vita.

Due protesi di ultima generazione, un messaggio di speranza. E la ricerca di dodici sistemazioni per potere dormire. Ecco cosa è il progetto Forrest.

BALERNA - Da Chiasso ad Airolo a piedi. Per ringraziare e celebrare la vita che gli ha fatto ritrovare due gambe nuove. O meglio, due protesi. È la sfida di Stefano Garganigo, 49 anni, di Balerna. Un uomo che nel 1998, alla stazione di Lugano, finì accidentalmente sotto un treno, vedendosi amputare le gambe. «Con le vecchie protesi riuscivo a camminare un chilometro al giorno. Con queste posso farne dieci».  

All'inizio pensava al cammino di Santiago – E così Stefano, noto anche per i suoi exploit sportivi nel mondo della vela, lancia il progetto Forrest, nome che richiama evidentemente Forrest Gump. «All’inizio la mia idea era quella di percorrere l’ultima tratta del cammino di Santiago. Poi mi è stato suggerito di puntare sul tragitto da Chiasso ad Airolo, più o meno equivalente in termini di lunghezza. Cento chilometri in totale, suddivisi in dodici tappe di cui alcune davvero difficili, penso ad esempio a quella che da Rivera mi porterà, in discesa, a Cadenazzo».

Il problema del tetto – Ma se lungo il cammino di Santiago da tempo i pellegrini possono essere ospitati un po’ ovunque, altrettanto non si può dire per la via scelta dal 49enne di Balerna. Stefano, che non ha alcun budget per questo progetto, è dunque alla ricerca di dodici sistemazioni temporanee gratuite, comprese quelle di partenza e di arrivo. «Magari dodici hotel. In cambio di una camera gratis farei loro pubblicità sui social. Oppure dodici Comuni. Mi accontenterei di dormire in una palestra, o in una sacrestia».  

Il ginocchio da ricaricare – Sì, perché Stefano, attivo sia nel Gruppo Paraplegici Ticino sia negli Insuperabili, di base non ha bisogno un granché. «Semplicemente di una doccia e di un posto dove mettere il materassino per dormire. E poi naturalmente di una presa elettrica: il ginocchio elettronico va ricaricato ogni notte. Parlo di ginocchio al singolare, riferendomi al sinistro, perché sull’altra gamba il ginocchio non mi è stato amputato».   

Conto alla rovescia – I tecnici dell’Ortopedica di Lugano sono al lavoro per consentire a Stefano di raggiungere il suo obiettivo. «Più che altro per fare in modo che non ci siano problemi lungo il tragitto, dovuti magari alle discese. Queste protesi di ultima generazione mi sono state consegnate a dicembre 2020. Quello che vorrei lanciare è anche un messaggio di speranza. Non so quando potrà concretizzarsi il tutto esattamente, probabilmente verso la fine dell’estate. Anche perché, oltre a trovare chi mi ospiterà, mi devo allenare. Per me non sarà proprio una passeggiata».    

Le tappe del cammino di Stefano

1. Chiasso dogana - Capolago (10,3 km)

2. Capolago - Melide (7.8 km)

3. Melide - Manno (12,6 km)

4. Manno - Rivera (11.5 km)

5. Rivera - Cadenazzo (8.6 km, con forte discesa, tappa per cui forse servono 2 giorni)

6. Cadenazzo - Bellinzona (8.7 km)

7. Bellinzona - Claro (7.6 km)

8. Claro - Biasca (12,9 km)

9. Biasca - Giornico (9.1 km)

10. Giornico - Faido (11.2 km)

11. Faido - Ambrì (9.9 km)

12. Ambrì - Caseificio del Gottardo (9.7 km)

Stefano Garganigo
Guarda le 3 immagini
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-04-19 14:28:53 | 91.208.130.87