Deposit
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
4 ore
Un principe alla Farera
Estradato in Ticino il nipote del defunto re etiope Hailé Selassié
TERRE DI PEDEMONTE
7 ore
Cede la staccionata, un 73enne cade da un ponte
L'infortunio si è verificato oggi a Verscio. La vita dell'uomo è in pericolo
CANTONE
8 ore
«Test gratuiti fino al 31 ottobre»
Il parere del Governo ticinese in merito alla proposta posta in consultazione dal Consiglio federale
LUGANO
8 ore
Principio d'incendio alla Clinica Moncucco
A causarlo, un caricatore. L'intervento dei Pompieri di Lugano si è risolto in pochi minuti.
CANTONE
10 ore
«Ci hanno dato un contentino»
L'esperto di sanità Bruno Cereghetti non è contento dello "sconto" delle assicurazioni malattia. L'analisi e le critiche
FOTO
CANTONE
11 ore
Ultima tappa per il primo vaccino-tour ticinese, ma non ci si ferma qui
Ha avuto luogo oggi a Biasca l'ultima tappa della prima vaccinazione on the road nel nostro cantone.
MENDRISIO
12 ore
Una manifestazione «per salari dignitosi»
Marco D’Erchie: «Questo modo di intendere e di fare economia non solo non porta alcun beneficio».
CANTONE
12 ore
«Gobbi troppo restrittivo sugli stranieri», la denuncia dei Verdi
«Leggi che, mal interpretate, hanno pesantemente leso le libertà personali di moltissimi cittadini»
CANTONE
12 ore
Pochi centesimi in meno al mese: «Un timido passo, ma nella giusta direzione»
Il DSS ha commentato il leggerissimo calo dei premi di cassa malati per il 2022.
CANTONE
12 ore
Giornata dell’economia, tra innovazione e la chiave per ripartire
L’evento è stato l’occasione per evidenziare come il Ticino abbia saputo reagire positivamente alla crisi.
CANTONE
10.12.2020 - 10:570
Aggiornamento : 12:44

Una Rete Due (quasi) solo musicale «è insostenibile»

Anche l'Associazione ticinese dei giornalisti interviene a difesa di posti di lavoro e cultura.

La scelta di tagliare il parlato del 30% è ritenuta incomprensibile: «È il carattere più specifico della rete culturale e ciò che ne giustifica l’esistenza». Intanto una petizione lanciata per salvare la radio ha già raccolto oltre 7'000 firme.

COMANO - Anche l'Associazione ticinese dei giornalisti (Atg) - dopo il sindacato svizzero dei mass media - entra nel dibattito sui previsti tagli a Rete Due. L'emittente di Comano avrebbe infatti previsto una riduzione del parlato dal 40% al 10% del tempo di antenna. Una scelta, questa, ritenuta «insostenibile» da Atg. «L'idea di diluire la produzione di emissioni culturali attualmente offerte da questa rete, dirottandole sul web e su Rete Uno e facendo di Rete Due una rete quasi unicamente musicale, significherebbe rinunciare al suo carattere più specifico e prezioso».

«Casa della cultura» - Ovvero quello legato al mondo culturale. «La Rete Due - sottolinea Atg in una nota - è la casa della cultura dove con competenza e professionalità si dà voce ai diversi attori e ai diversi progetti, alle tante attività e alle tante anime della vita culturale della Svizzera Italiana». Relegare tutto questo solo sul web sarebbe per l'Associazione un gran peccato e creerebbe un prodotto di nicchia. «Siamo consci che sono tempi difficili per il nostro settore. Ma la pandemia ci ha mostrato il valore e la necessità della cultura, una cultura raccontata, spiegata, dibattuta, criticata con professionalità, competenza e con i necessari mezzi. Il servizio pubblico non può rinunciare a questo, non può rinunciare a fare la sua parte».

«Così si crea un doppione» - Atg non capisce neppure il senso per cui la Rsi dovrebbe dotarsi di una nuova rete (quasi) unicamente musicale quando la stessa SSR propone già Swiss Classic e Swiss Jazz. «Il progetto - viene precisato - rischierebbe dunque di essere un doppione di queste due reti, creando una incomprensibile concorrenza interna. Il cosiddetto “parlato di Rete Due” è il carattere più specifico della rete culturale e ciò che ne giustifica l’esistenza».

«La direzione ci ripensi» - L'Atg chiede quindi ai vertici di Comano di ripensarci: «Crediamo che la direzione della Rsi sia chiamata a una scelta coraggiosa e vitale per la sua identità e missione, confermando Rete Due nella sua forma attuale, continuando a offrire il parlato, ovviamente anche sul web. Tutto ciò nel rispetto delle riduzioni di bilancio a cui tutta la SSR è chiamata».

La petizione: «Più di 7'000 firme in due giorni» - Intanto una petizione online lanciata martedì 8 dicembre e indirizzata alla Direzione generale della SSR ha già raccolto oltre 7'000 firme in due giorni. «Con questa petizione - sottolinea il primo firmatario Graziano Terrani - chiediamo di non smantellare una rete radiofonica culturale. Alla SSR chiediamo di pensare, una volta tanto, anche alle minoranze che agli indici di ascolto prediligono gli indici di gradimento».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Frankeat 9 mesi fa su tio
Mi spiace per quei pochi, pochissimi, che la ascoltano e mi dispiace ancora e molto di più per quelli che ci lavorano. Ma Rete Due sono anni che è in vita grazie ai respiratori (giusto per restare in tema...)
pontsort 9 mesi fa su tio
Quasi eliminare il parlato vorrebbe dire creare un doppione con swiss Classic, quindi tanto varrebbe chiudere
Equalizer 9 mesi fa su tio
Non sanno mai come alleggerire le spese, chiudete Rete2, tanto il 98% dei ticinesi non se ne accorgerà nemmeno.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-29 04:25:23 | 91.208.130.89