Tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
12 min
Morti sul lavoro: «Assicurare almeno che sia fatta giustizia!»
Una mozione interpartitica chiede un intervento contro le "morti bianche".
FOTO
LUGANO
41 min
Un pieno(ne) d'endorfine
La terza edizione del Festival luganese è stato un successo. Ben 1'500 persone hanno popolato la Darsena del Ciani.
CANTONE
1 ora
Anticorpi anomali coinvolti nel 20% dei decessi da Covid-19
All'importante scoperta hanno contribuito anche due ricercatori dell'EOC: Alessandro Ceschi e Paolo Merlani.
TENERO-CONTRA/SVIZZERA
1 ora
Oltre 100 milioni per il Centro sportivo di Tenero
91,8 sono previsti per la creazione di un edificio per il nuoto. Altri 12,1 per gli alloggi.
LUGANO
2 ore
Incidente sull'A2, traffico in tilt in direzione sud
Tra lo svincolo di Lugano Nord e la galleria di Grancia è stata chiusa una corsia.
CANTONE
2 ore
Suter con la maglia UDC, Speziali: «Non è il Massimo»
Botta e risposta tra il presidente PLR Speziali e il presidente di GastroTicino che passa all'UDC
CANTONE
2 ore
«Il 9 aprile è stato un giorno molto triste»
Si è concluso il processo per il delitto di Muralto. La sentenza sarà pronunciata venerdì 1. ottobre
CANTONE
3 ore
Nominato un nuovo ufficiale della Polizia cantonale
Alessio Lo Cicero condurrà il nuovo Reparto Giudiziario RG4.
CANTONE
4 ore
Il permesso B? «Non è un reale domicilio»
Il Tribunale federale ha chiarito un punto importante per gli stranieri che chiedono una residenza in Ticino
CANTONE / BERNA
4 ore
«Il Ticino è vittima del suo successo»
Karin Keller-Sutter giustifica il "no" del governo alla mozione di Marco Chiesa.
FOTO
CANTONE
4 ore
Un expo virtuale ticinese, una prima mondiale
Ated-ICT Ticino e il partner ADVEPA hanno lanciato un progetto all'avanguardia per le aziende ticinesi
CANTONE
5 ore
La difesa: «L’imputato ha già pagato»
L’avvocato Ravi ha chiesto una condanna per omicidio colposo e la scarcerazione immediata.
COMANO
21.10.2020 - 21:300
Aggiornamento : 23:37

«Hanno tenuto il bar della RSI all'oscuro della quarantena»

La gerente dell'esercizio pubblico critica i silenzi dell'azienda: «Un cliente aveva il Covid e l'ho saputo da altri»

Ma l'ente radiotv parla di provvedimento cautelativo adottato «a complemento di quanto disposto dal medico cantonale». Dopo un paio di giorni di confinamento i dipendenti sono rientrati al lavoro. Anche perché l'autorità cantonale non ha disposto ulteriori misure

COMANO - Erano quattro amici al bar e uno di loro covava il Covid. Non un bar qualunque, ma il luogo dove i dipendenti della Rsi si trovano per bere un caffè o mangiare uno snack. Lo scorso venerdì, 16 ottobre, tuttavia la presenza dei quattro avventori aveva un sapore diverso. Per uno dei quattro c'era un'importante occasione da festeggiare. Ma dopo gli auguri è spuntato un tampone. Lo stesso giorno infatti, dopo aver saputo che la moglie era positiva al coronavirus, l’uomo si è sottoposto al test scoprendo di essere stato infettato anche lui. 

La gerente tenuta all'oscuro - Per altre ragioni la vicenda ha tuttavia preso una piega assai virulenta. La gerente del bar/buvette, dopo aver saputo del contagio da terze persone, ora accusa la Rsi di averla tenuta all’oscuro della quarantena imposta ai tre clienti (il quarto è il contagiato). Da quanto appreso il festeggiato col Covid aveva avvisato immediatamente l’azienda indicando i nominativi delle persone con cui era stato in contatto. In particolare i tre colleghi incontrati al bar che «sono stati, in base al contact tracing aziendale adottato cautelativamente da Rsi a complemento di quanto disposto dal medico cantonale, posti in quarantena per alcuni giorni». Come precisa lo stesso ente pubblico all’avvocato Marco Garbani che assiste la gerente.

La quarantena sprint - Clausura domestica dunque assai breve, di un paio di giorni, visto che «non avendo sviluppato sintomo alcuno, le 3 persone sono rientrate in azienda al termine della quarantena cautelativa imposta unilateralmente da Rsi». La stessa azienda, da noi interpellata, parla di dispense dal lavoro cautelative adottate quando si ha notizia di un potenziale contatto di un collaboratore con una persona positiva, «senza attendere le disposizioni dell'autorità cantonale». Ufficio del medico cantonale che, nel caso concreto, «non ha del resto disposto a posteriori nessuna quarantena», essendo stato «il contatto tra i colleghi coinvolti all’interno della mescita inferiore ai 15 minuti, il tempo di bere un caffè».

Il rimprovero alla gerente - La RSI, peraltro, rimbalza parte delle responsabilità sulla gerente del bar, che non avrebbe fatto rispettare il piano interno che prevede una sola persona per tavolino (per un massimo di 21 presenze nel locale). Un piano unilaterale, ribatte la signora che è semplice affittuaria e non dipendente dell’azienda di Comano.

La replica: «Guardino in azienda» - La donna ritiene prioritario e sufficiente seguire le direttive cantonali per tutti gli esercizi pubblici: «Ci tengo a precisare - dice da noi contattata - che nessuno mio collaboratore, famigliari compresi, ha finora mai avuto problemi di Covid. Anche perché abbiamo sempre rispettato i piani di protezione aggiornati emanati da GastroSuisse e GastroTicino che prevedevano al massimo quattro persone per tavolo. Già a maggio avevo fatto notare ai responsabili della RSI di guardare piuttosto in casa propria. Si sono inventati una direttiva - quella di un cliente per tavolo nel mio bar - che però non viene fatta rispettare dentro l’azienda dove ho testimonianza di dipendenti che mangiano, bevono e sono seduti uno accanto all’altro sui divanetti».

«Più volte al bar quel giorno» - Il nodo della questione, ciò che la gerente rimprovera alla RSI, è di non essere stata avvisata della quarantena cautelativa, mettendo così a rischio - sostiene la donna - la salute dei suoi collaboratori entrati in contatto col cliente malato. Una scelta, certo, tanto più che la misura non era imposta dal medico cantonale, ma comunque un silenzio discutibile dal punto di vista della donna. Tanto più che le ricostruzioni del fatto divergono. Secondo l’ente pubblico l’incontro al tavolino è durato una decina di minuti. La gerente invece fornisce un’altra versione (sollevando implicitamente riserve sulla precisione del contact tracing aziendale): «Non è cosi. Noi prendiamo i dati degli avventori e quel giorno la persona col Covid è stata quattro volte al bar. A cominciare dal mattino presto e fino alla chiusura delle 14. E tutte le volte con persone diverse. Capisce perché sono preoccupata?».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-22 17:38:05 | 91.208.130.89