DT
+6
ULTIME NOTIZIE Ticino
CALANCA
2 ore
Quanti rifiuti nei boschi della Val Calanca
Una cinquantina di volontari hanno raccolto 140 kg di mozziconi e plastica
LOCARNO / BERNA
2 ore
Le luci della pista tornano a far discutere
Interpellanza di Bruno Storni al Consiglio federale. Salta fuori che manca la vecchia licenzia edilizia
CANTONE / URI
3 ore
Le vacanze sono finite, nove chilometri di coda al Gottardo
Le auto sono incolonnate al portale sud della galleria con lunghi tempi di attesa.
FOTO
LUGANO
5 ore
Alla Foce la movida si è addormentata
Un pisolino lungo il Cassarate, dopo la festa del venerdì sera. E i passanti storcono il naso
FOTO
CANTONE
11 ore
Veicoli in fiamme vicino alla dogana di Gandria: c'è un fermo
Il presunto responsabile sarebbe un 24enne del Comasco, già finito in manette
LUGANO
21 ore
La photo challenge di Lorenzo: «Fatevi una foto con la scritta»
L'ex pilota di MotoGp in posa con il sindaco Marco Borradori invita i suoi follower a visitare Lugano
LOCARNO
22 ore
L'Astrovia di Locarno? «Da oltre dieci anni abbandonata a se stessa»
Un'interrogazione chiede al Municipio d'intervenire per sistemare il percorso didattico
CANTONE
1 gior
Ecco le località nel mirino del radar
Sono sette i distretti ticinesi in cui sono previsti controlli mobili della velocità
SLOVENIA / SVIZZERA
1 gior
La Slovenia mette la Svizzera sulla lista gialla
Ora è prevista una quarantena di 14 giorni per chi entra nel Paese
CANTONE
1 gior
Richiesta di miglioramento del progetto Tram-Treno
Auspocato il mantenimento della linea di collina e il riassetto dello snodo di Cavezzolo
FOTO
BELLINZONA
1 gior
Corbaro ha ritrovato la libertà
La Spab si è presa cura del rapace, che ora riprenderà la sua vita nei boschi che sovrastano la Turrita
CANTONE
02.07.2020 - 09:580

Bellezze del bosco tutte da scoprire

In Ticino sono stati allestiti otto percorsi con alcune sagome

BELLINZONA - Il Dipartimento del territorio (DT), in collaborazione con enti e associazioni attivi sul territorio cantonale, aderisce alla campagna dell’Ufficio federale dell’ambiente (UFAM) “Diversità forestale” e invita la popolazione a scoprire il bosco e le sue bellezze.

Allo scopo, in Ticino e nel Grigioni italiano (Valle Mesolcina), si promuovono percorsi, animazioni ed eventi, invitando la popolazione a passeggiare nei boschi, per farsi un’idea delle multiformi e variegate forme di vita che lo compongono.

Sono stati allestiti otto percorsi in bosco con il motto “I nostri boschi: diversità che sorprende”, lungo i quali si incontrano una dozzina di sagome di specie legate al bosco: piante, funghi, licheni, insetti, anfibi, uccelli, pipistrelli e altri mammiferi, quali scoiattoli e caprioli. Sono solo alcune delle circa 30'000 specie che popolano il bosco svizzero.

La visita al percorso, con l’identificazione delle sagome e la ricerca del nome delle specie sul sito www.diversità-forestale.ch, permetteranno pure di partecipare a un concorso a livello nazionale.

È previsto che un percorso sosterà tre mesi in ogni località, ponendo l’accento sul ruolo delle diverse specie presentate: sia quelle più maestose, come l’abete bianco o la quercia, sia quelle più minuscole, come la formica e il cervo volante, sia di quelle a noi forse meno gradite, come il puzzolente gigaro scuro o il velenoso fungo delle favole, l’ovolo malefico. Tutte queste specie, indipendentemente da come le percepiamo, concorrono a preservare l’equilibrio ecologico e la resilienza dell’ambiente più prossimo allo stato naturale di cui disponiamo.

Grazie alla loro ricca biodiversità, i boschi ci proteggono dai pericoli naturali (scivolamenti e frane, alluvioni, valanghe, ecc.), sono una fonte di un’importante risorsa primaria rinnovabile, il legno, sono sempre più un luogo ricreativo e di ristoro, assorbono CO2 e mantengono pulite le acque d’infiltrazione, fornendoci acqua potabile di ottima qualità, ecc. Prestazioni, queste e altre, che sono racchiuse nel concetto di “servizi ecosistemici”.

La complessità e la ricchezza biologica dei nostri boschi è un bene da scoprire e da ri-scoprire, ma, soprattutto, è un bene che va preservato. Non a caso, uno dei messaggi della campagna informativa è legato all’emergenza climatica: “I boschi diversificati sono quelli meglio preparati al futuro”. Affinché il bosco possa continuare a fornire i “servizi ecosistemici” che gli sono propri, va preservata e valorizzata la diversità di specie e ambienti che lo compongono.

In Ticino e nella Valle Mesolcina (GR), da luglio a ottobre, i percorsi saranno esposti nelle seguenti località:

• Lucomagno (Dipartimento del territorio e Pro Natura Lucomagno)
• Faido (Dipartimento del territorio e Comune di Faido)
• Capriasca (l’alberoteca e Museo cantonale di storia naturale)
• Cevio (Museo di Valmaggia e Fondazione Valle Bavona)
• Lodano (Centro Natura Vallemaggia e Patriziato di Lodano)
• Monteceneri (federlegno.ch)
• Soazza (Ufficio foreste e pericoli naturali, Regione Grigioni centrale / Moesano)
• San Bernardino (Ufficio foreste e pericoli naturali, Regione Grigioni centrale / Moesano)

Tutti gli altri percorsi in Svizzera sono consultabili direttamente sul sito web federale www.diversità-forestale.ch. Presso il Museo cantonale di storia naturale di Lugano, vi sarà un richiamo alla campagna nazionale e un invito a visitare i nostri boschi.

Durante l’autunno i percorsi si sposteranno in altre località per far conoscere e apprezzare altre zone e peculiarità del bosco. Venite anche voi a fare una passeggiata e scoprite in prima persona che cosa significa diversità nel bosco www.ti.ch/biodiversita-bosco.

DT
Guarda tutte le 10 immagini
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-08 20:31:59 | 91.208.130.85