Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Ticino
LOCARNO
1 ora
«Poca chiarezza sulle nuove antenne»
A Locarno saranno sostituiti tre impianti, ma non si sa se si tratti di 5G. Scatta l'interrogazione
CANTONE
1 ora
Brutti ma buoni contro lo spreco alimentare
«I due terzi dei consumatori sono disposti ad acquistare una quantità maggiore di questi prodotti»
CANTONE
2 ore
Cinque nuovi casi di Covid-19 in Ticino
Il totale d'infezioni da inizio pandemia ha raggiunto quota 3'458. Il numero di decessi resta fermo a 350.
LOCARNO
3 ore
Utilizzo del suolo pubblico: «Un successo da mantenere»
Diversi consiglieri comunali chiedono che l'eccezione introdotta dopo il lockdown diventi una nuova normalità.
CANTONE
3 ore
Un coleottero ci salverà dall'ambrosia?
Sta tornando il polline della pianta. Ma c'è un animale che in futuro potrebbe indebolirla
BELLINZONA
4 ore
Perchè il mercato di Bellinzona ha successo?
Carlo Banfi, responsabile del mercato, ci svela i segreti della popolarità dell’appuntamento all'ombra dei castelli
CANTONE
4 ore
Annegare è un attimo
La Società di Salvataggio mette in guardia sui pericoli in acqua. «Importante sensibilizzare»
CANTONE
6 ore
«Volevo bere qualcosa ma mi hanno mandato via»
Il gerente: «abbiamo dei divanetti lounge adibiti, ma erano pieni»
LUGANO
6 ore
Yoga nudi per accettare i propri difetti
Dawio Bordoli, 56 anni, fa il "ricercatore spirituale". Una figura su cui molti sono scettici. Ecco i suoi segreti.
CANTONE
17 ore
È morto Oviedo Marzorini
Classe 1945, è stato primo cittadino ticinese fra il 2004 e il 2005.
CANTONE
25.06.2020 - 06:400
Aggiornamento : 11:06

Quelle 1'400 operazioni in sospeso: «Le stiamo recuperando così»

Centinaia di interventi chirurgici “non urgenti” sono stati congelati durante il lockdown. EOC messo a dura prova.

Paolo Ferrari, capo dell’area medica: «Siamo riusciti a ottimizzare risorse, spazi e tempi. Il Covid ci ha dato un’opportunità e ne faremo tesoro».

BELLINZONA - Ben 1'400 interventi “non urgenti” da recuperare. È quanto si è ritrovato di fronte l’Ente Ospedaliero Cantonale (EOC) a partire da fine aprile. Il lockdown dovuto al Covid-19 aveva congelato tutta la cosiddetta chirurgia elettiva. Un blocco che riguardava i mesi di marzo e di aprile. «Al momento – fa notare Paolo Ferrari, capo dell’area medica dell’EOC – siamo riusciti a recuperare oltre un migliaio di interventi».

Come avete proceduto di fronte a questa situazione eccezionale?
«Già da inizio aprile, in previsione di una eventuale ripresa dell’attività chirurgica, abbiamo iniziato a fare le prime pianificazioni, suddividendo gli interventi in attesa in tre categorie, a seconda dell’urgenza. Ricordo comunque che si trattava delle operazioni che non comportavano un pericolo di vita o una determinata sofferenza del paziente».

Quando siete tornati effettivamente in pista?
«Il 27 aprile il Consiglio Federale ha revocato il divieto di eseguire interventi chirurgici elettivi. Ma bisogna calcolare che molti pazienti in attesa, dovevano prima sottoporsi a nuove visite, per stabilire se nel frattempo, durante il lockdown, fosse cambiato il quadro clinico. Quindi in pista siamo tornati dal 4 maggio».

Quali sono state le principali difficoltà?
«In realtà abbiamo assistito a qualcosa di sorprendente. Perché abbiamo pianificato l’uso delle sale operatorie come se avessimo a che fare con un unico ospedale. Non più pensando solo alle singole sedi. Certo, avevamo meno sale operatorie a disposizione, in quanto alcune risorse rimanevano attive presso l’ospedale Covid di Locarno. Ma siamo riusciti a gestire meglio i tempi. Prima magari un medico aveva il martedì come giorno per le operazioni. In questa situazione invece abbiamo assicurato ai medici più flessibilità, ad esempio concedendo a qualcuno la sala operatoria per tre ore al lunedì, poi per altre due al mercoledì, poi per altre tre al venerdì. Insomma, siamo riusciti a fare molte più operazioni in un lasso di tempo più ridotto di quello che riuscivamo a fare prima del Covid».

È una critica indiretta a come eravate organizzati in passato?
«Diciamo che il Covid-19 ci ha dato una nuova opportunità. E ne faremo tesoro. La metà degli interventi accumulati in due mesi è stata smaltita in tre settimane. Non è un dato irrilevante. Considerando che, almeno in una prima fase, l’ospedale di Locarno, adibito a sede Covid, non poteva essere calcolato».

A livello emotivo come avete vissuto questo accumulo di operazioni non effettuate?
«A un certo punto c’è stata un po’ di preoccupazione. In particolare quando si era prossimi all’appiattimento della curva dei contagi, ma in contemporanea si sentiva parlare di una seconda possibile ondata in arrivo a giugno. Ovviamente era nostro dovere poter garantire al maggior numero di pazienti di essere operati in modo tempestivo prima di un’eventuale seconda riduzione delle attività di sala operatoria». 

La tanto temuta seconda ondata del Covid, almeno per ora, non c’è stata.
«E infatti prevediamo di recuperare tutti gli interventi in sospeso a causa del Covid entro la fine di questo mese. Poi valuteremo quali aspetti di questo nuovo modo di procedere continuare ad applicare».    

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-11 12:47:54 | 91.208.130.87