«Non so veramente cosa fare, lo spettro del fallimento non mi fa dormire»
Keystone / Dan Harroch
ULTIME NOTIZIE Ticino
FOTO
MELIDE
13 ore
Fiamme da una canna fumaria, pompieri in azione
Il fuoco è stato domato prima che si propagasse al tetto
CANTONE
15 ore
Un paio di cose da sapere quando si prenota la terza dose
Da «Ci si può prenotare anche se vaccinati da meno di 6 mesi?» a «Siamo sicuri che mi danno il farmaco giusto?».
FOTO
MELIDE
19 ore
I pompieri di Melide festeggiano Santa Barbara
La messa è stata officiata ieri sera da Don Ernesto Ratti presso la Caserma di Melide
CANTONE
19 ore
Qualche fiocco di neve in arrivo in serata?
Sarà in ogni caso una breve parentesi. Ma la neve, fino a basse quote, potrebbe tornare durante la settimana
Lugano
1 gior
Più Donne chiede delucidazioni sul caso dell'ex funzionario del Dss
Dopo che la loro interrogazione non ha avuto seguito dai vertici, tornano con un'interpellanza che contiene 15 domande
CANTONE
1 gior
I più scattanti con il "booster" agli over16
A questa cifra vanno aggiunte le persone che si sono rivolte alle farmacie e agli studi medici
FOTO
MENDRISIO
1 gior
I diciottenni di Mendrisio al cinema
Ha avuto luogo oggi il consueto incontro con le autorità cittadine
RIAZZINO
1 gior
Al Vanilla la musica resta spenta
Il Consiglio federale è andato incontro alle discoteche. Ma la struttura di Riazzino mantiene la propria decisione
BELLINZONA
1 gior
Il villaggio natalizio di Bellinzona solo per vaccinati e guariti
Per il mercato del sabato e i mercatini in programma varrà invece l'obbligo di mascherina
Ticino
1 gior
Ecco dove verranno posizionati i radar la prossima settimana
La polizia ricorda che «la velocità elevata permane una delle maggiori cause d'incidenti»
LUGANO
08.05.2020 - 08:000
Aggiornamento : 10:01

«Non so veramente cosa fare, lo spettro del fallimento non mi fa dormire»

Post Covid-19. Lo sfogo dell'esercente Dan Harroch: «Regole troppo severe. Forse era meglio attendere giugno».

«Tanti di noi – tuona il 58enne – sono anche confrontati con proprietari che non sono disposti a fare sconti sull'affitto. Nemmeno di fronte a un'emergenza simile. In molti sono finiti sotto avvocato».

«Non voglio dare la colpa a nessuno. Solo che veramente non so cosa fare. E nella mia situazione ci sono tanti altri esercenti ticinesi». Dan Harroch, 58enne esercente di Lugano, non sa dove sbattere la testa. Il post Covid-19 per lui rischia di trasformarsi in un incubo. Tanto quanto lo era la pandemia. Lunedì 11 maggio, come tutti gli altri suoi "colleghi", potrebbe riaprire il suo snack bar. «Ma facendo due calcoli, mi viene da piangere». 

Le fragilità del sistema – La situazione di parecchi ristoranti e bar nella Svizzera italiana è drammatica. Due mesi di lockdown hanno messo a nudo tutte le fragilità del sistema. E ora che si tenta di ripartire, le misure igieniche e di distanziamento sociale imposte dalle autorità rappresentano un'incognita di non poco conto. «A tanti locali non conviene aprire. Perché ci sono così pochi posti che se poni limitazioni numeriche o di distanziamento alla clientela, non ti arriva nessuno. I ristoranti se la passano forse un po' meglio dei bar. Noi siamo davvero messi male».

Tante spese supplementari – Ma non è solo questo a inquietare Harroch. «Lo spettro del fallimento non mi fa dormire. Se decido di tenere chiuso, probabilmente fallisco. Ma rischio di fare la stessa fine anche aprendo. Le spese supplementari sono tante. Bisogna pensare ai disinfettanti, al plexiglas... A un sacco di cose. In 30 anni di lavoro non mi sono mai ritrovato in una situazione del genere. Non so se arrabbiarmi, se piangere... Tanti come me hanno investito tutto il loro capitale nel proprio esercizio pubblico. In giro c'è panico, c'è disperazione. Oltre che una grande confusione. Cosa faccio? Ordino la merce, col rischio che tra due settimane mi fanno richiudere di nuovo? Forse era meglio aspettare giugno. Vedo che la gente non è psicologicamente pronta per ripartire con serenità. Al momento non ci sono turisti. E i ticinesi hanno paura di venire al bar. Berna ci ha messo fretta».

Aiuti statali e prestiti – C'è poi un altro nodo da sciogliere. Gli esercizi pubblici che non apriranno non avranno diritto agli aiuti statali? «Aprire non deve essere un obbligo», aveva dichiarato a Tio/20minuti il presidente di GastroTicino, Massimo Suter. «Io non so cosa dire sugli aiuti pubblici – tuona Harroch –. Arrivano col contagocce. Capisco che a Bellinzona abbiano tanto da fare, ma c'è chi non ha ancora ricevuto i soldi di marzo. In questo sono stato abbastanza fortunato. Anche se poi bisogna contestualizzare anche la questione dei prestiti. Solo il primo anno gli interessi sono a zero. E per fortuna che me ne sono accorto leggendo bene tra le righe. I nuovi permessi per i frontalieri? Caos completo. E si sa benissimo che nella ristorazione c'è tanto personale italiano. Tanti di noi sono anche confrontati con un proprietario che non fa sconti sull'affitto. Nemmeno di fronte a un'emergenza di questo genere. E alcuni proprietari sono davvero benestanti, potrebbero chiudere un occhio, ma non lo fanno. In tanti sono finiti sotto avvocato».    

Il futuro nella nebbia – Sconsolato. Affranto. Dan Harroch non sa cosa lo aspetta nelle prossime settimane. Tutto è avvolto dalla nebbia. «Quest'anno ci sarebbero stati i campionati europei di calcio. Sono stati posticipati. Io avevo investito tanto sul "villaggio degli europei". Ho perso almeno il 70% della cifra d'affari annuale. Come faccio a rialzarmi? Mi sembra di non avere futuro. So che a breve dovrebbero arrivare nuove indicazioni. Spero che siano chiare. Perché finora di chiarezza non ce n'è stata».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-05 06:34:02 | 91.208.130.86