Voce del Gambarogno
+1
ULTIME NOTIZIE Ticino
BEDRETTO
3 min
Venerdì riapre la Novena
«Le condizioni ambientali possono però ancora essere invernali», mette in guardia il DT
GIUBIASCO
34 min
«Quella volta che ho fatto nascere una bambina in ambulanza»
Giovani e volontariato: un rapporto difficile? Non è quello che pensa Adam Andreoli, volontario in ambulanza
CANTONE
36 min
Accompagnamento alla gravidanza: «Serve una figura di sostegno»
Il Partito Comunista ha presentato una mozione che chiede di introdurre la figura della doula all'interno dell'EOC
CANTONE
2 ore
Voglia di leggere dopo il lockdown
Anche in Ticino la riapertura dei negozi ha portato un aumento della vendita di libri
QUINTO
2 ore
Furia ad Altanca: auto demolita
Vandalismo in Leventina. Scatta la denuncia contro ignoti. E nasce #ripuliamolasvizzera.
LUGANO
8 ore
Il polo sportivo va in rete
Dopo lunghe discussioni il Consiglio comunale ha accettato la richiesta di credito da 14 milioni per il progetto.
FOTO
CANTONE
10 ore
Violenti temporali sopra il Luganese e il Mendrisiotto
Meteo Svizzera ha diramato un'allerta di grado tre di breve durata per oggi, e una più lunga per la serata di domani.
CANTONE
13 ore
Nuovo aumento dei premi: «Che ne pensa Berna?»
Il Consigliere nazionale Lorenzo Quadri sull'ipotizzato rincaro delle casse malati per il 2021.
LUGANO
14 ore
Prete arrestato: resterà in carcere almeno per le prossime 6 settimane
La decisione del giudice dei provvedimenti coercitivi. Il 50enne è finito in manette sabato scorso per abusi sessuali
CANTONE
03.04.2020 - 20:100
Aggiornamento : 04.04.2020 - 01:23

Il Covid-19 ad alcuni non fa paura: tante case secondarie "prese d'assalto"

Ecco la fotogallery pubblicata dal blog "La Voce del Gambarogno". Perché il messaggio non passa?

Matteo Cocchi, capo dello Stato Maggiore Cantonale di condotta, ribadisce: «Non c'è nulla da fare qui da noi al momento. Non ha senso che la gente scenda a sud delle Alpi».

Case secondarie "prese d'assalto" nel Gambarogno. A poco sembrano essere valsi gli appelli delle autorità ticinesi (e non solo) in merito alla delicata situazione legata al nuovo coronavirus nel nostro cantone. Come dimostrano le foto raccolte da un noto blog della regione, "La Voce del Gambarogno", la situazione è ancora piuttosto fuori controllo. 

L'appello sul Blick – E pensare che Raffaele De Rosa, direttore del Dipartimento della sanità e della socialità, era addirittura intervenuto sul Blick, una specie di "istituzione" mediatica oltre San Gottardo, per spiegare ai confederati che questo non è assolutamente il momento di recarsi in Ticino. Un appello, evidentemente, non recepito da tutti. 

Controlli nei Grigioni e nel canton Uri – Segnali preoccupanti anche da altre valli della Svizzera italiana. Come, ad esempio, la Vallemaggia o la Verzasca. Come è possibile che i proprietari di case secondarie possano agire liberamente, nonostante gli ammonimenti, dall'alto? «Il problema è conosciuto – ha evidenziato Matteo Cocchi, capo dello Stato Maggiore Cantonale di condotta, direttamente da Palazzo delle Orsoline, a Bellinzona –. Lo ripeto: non vale la pena scendere in Ticino ora. Non c'è niente da fare qui. È tutto chiuso. Ci saranno dei controlli di polizia nei Grigioni e nel canton Uri. Esorteremo chiunque abbia intenzione di trascorrere le ferie in Ticino a tornare indietro. Questo invito vale solo per questa situazione particolare. Passata la pandemia, il Ticino sarà sempre pronto ad accogliere qualsiasi turista». 

Un aiuto da nord del Gottardo – Cocchi aggiunge: «Da giorni si sta bombardando tutta la popolazione della Svizzera tedesca e della Romandia su questo tema. Chi si è recato in Ticino perché ha una casa secondaria deve rispettare le regole vigenti attualmente in Ticino. Per prima cosa deve annunciarsi ai Comuni». E poi stare a casa, appunto. «Forse in alcune zone ci sono più persone di quelle che ci aspettavamo. Sono convinto, però, che a nord del Gottardo ci aiuteranno ancora di più a fare passare i nostri messaggi. E a disincentivare la gente: non si deve venire qui. Faremo dei controlli nelle valli ancora nei prossimi giorni». 

Gli Airbnb devono stare chiusi – Sempre in merito al turismo, ci sono segnalazioni legate anche agli Airbnb. Appartamenti e affini, messi a disposizione dei turisti da parte di privati. Emblematico il caso dell'appartamento di un milanese in Valle di Blenio. L'uomo avrebbe continuato a lungo ad affittare il suo rustico ai turisti senza farsi alcun problema. Solo dopo la segnalazione di un cittadino alle autorità, avrebbe smesso. «Gli Airbnb – replica con chiarezza il presidente del Consiglio di Stato Christian Vitta – non rientrano nelle attività che possono essere aperte attualmente. Anche queste strutture devono dunque restare chiuse». 

Voce del Gambarogno
Guarda tutte le 5 immagini
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-06-03 08:37:17 | 91.208.130.87