Ti Press (archivio)
Dopo l'ingresso si saluta il pubblico, ma non gli avversari
CANTONE
06.03.2020 - 06:000
Aggiornamento : 08:10

Il coronavirus scende in campo: nessun saluto prima della partita

Anche sui campi da calcio la stretta di mano è stata abolita. Eppure le contraddizioni non mancano

Abbracci dopo i gol e marcature strette sulle palle ferme sono solo degli esempi. Ma per ora neppure la nuova raccomandazione di mantenere le distanze sociali ferma il calcio regionale

GIUBIASCO - Le regole d'igiene e di comportamento fornite dall’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) per proteggersi dal coronavirus valgono ovunque, anche sui campi da calcio. E così precauzionalmente si è deciso di abolire una consolidata consuetudine: la stretta di mano che le due squadre si danno prima di dare il via alla contesa.

Un provvedimento che se da un lato è legittimo - considerati i casi in aumento sia nel nostro Cantone, sia nel nostro Paese -, dall’altro appare quanto meno un po’ contraddittorio. Si evita di toccarsi con la mano, ma durante i 90 minuti di gioco i contatti di certo non mancano. Abbracci dopo i gol e marcature strette sulle palle ferme solo per fare due esempi.

Terzo tempo problematico - «In effetti un certo controsenso c’è - conferma il presidente della Sezione tecnica dalla Federazione ticinese di calcio Silvano Beretta - ma d’altronde è una direttiva dettata dalle autorità e di conseguenza indichiamo agli arbitri di farla rispettare». Un discorso simile vale per la fine della partita - il famoso terzo tempo - dove però i giocatori sono più liberi di fare ciò che vogliono.

Mantenere le distanze - Ieri l’UFSP ha aggiunto una nuova raccomandazione: mantenere le distanze. Una misura che va evidentemente a cozzare con quello che è un incontro calcistico. «Al momento non abbiamo ricevuto nessuna comunicazione. Le partite del prossimo weekend - una sessantina in tutto - sono state autorizzate qualche giorno fa dall’Ufficio del Medico cantonale, quindi salvo nuove indicazioni saranno mantenute», spiega Beretta.

Per scongiurare ulteriormente la trasmissione del coronavirus, meglio quindi che le sfide finiscano 0-0 e che si opti per una difesa a zona anziché a uomo.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Hardy 11 mesi fa su tio
Vabbe, vorrà dire che in barriera dovranno stare 1 metro di distanza uno dall'altro!
skorpio 11 mesi fa su tio
Questo un conteosenso? E allora il fatto che , fino a ieri e solo dopo i 3 positivi tra i medici, non era obbligatoria la mascherina in ospedale , soprattutto per quelli che lavorano al pronto soccorso o in accettazione? Il mio datore di lavoro mi ha proibito i viaggi all estero, ci ha tutti distanziati a piu di 2 metri, ma mi lascia prendere il treno, viaggio piu di 20 minuti a contatto ravvicinato con 3, quando sono seduto, fino a 6-7 in piedi, e con l 80 % di viaggiatori provenienti dall Italia...
tazmaniac 11 mesi fa su tio
...assurdo controsenso... :oI
bimbogimbo 11 mesi fa su tio
buffonate... piuttosto insegnategli a lavare le mani appena prima di scendere in campo.
cle72 11 mesi fa su tio
Tutto quanto assurdo...o si ferma tutto o non ha senso. Come la storia dei 15 minuti, i virus si sono evoluti ora hanno lo smartwatsch al polso e calcolano esattamente i 15 minuti.parlate chiaro alla gente.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-03-01 02:50:10 | 91.208.130.87