Keystone
Daniel Koch Capo della Divisione malattie trasmissibili
ULTIME NOTIZIE Svizzera
ZURIGO
1 ora
Il bagno notturno nella Glatt finisce in tragedia
Un 48enne è deceduto dopo aver tentato di soccorrere un altro natante sorpreso dalle correnti
SVIZZERA
1 ora
In Svizzera 152 nuovi contagi
In calo rispetto a ieri i nuovi positivi, ma il Covid continua a diffondersi
SVIZZERA
3 ore
Exit non assisterà più gli svizzeri residenti all'estero
Lo ha confermato la stessa organizzazione in una lettera ai suoi soci, le motivazioni sono di carattere pratico
BERNA
3 ore
Schianto dello Ju-52: Berna vuole vederci chiaro
L'autorità per l'aviazione olandese è stata incaricata d'indagare sull'incidente e su eventuali manchevolezze dell'UFAC.
GRIGIONI
3 ore
A 143 km/h sugli 80, e dice ciao alla sua Mini (e alla patente)
Un sabato di controlli di velocità in Val Müstair con diversi “flash” e ben 9 patenti ritirate
SVIZZERA
4 ore
«Il riscaldamento climatico sta bruciando le nostre Alpi»
Fra ghiacciai in fusione, siccità e frane l'allarme dell'Iniziativa delle Alpi: «Non si può più tergiversare»
SVIZZERA
5 ore
«La pandemia ha logorato i nervi degli svizzeri»
Che sono più stanchi e facili alla rabbia (anche sui social), ne è convinto Alain Berset: «Anche per noi è difficile»
SVIZZERA
6 ore
Hai cibo in valigia? Potresti rischiare una multa
Per importare vegetali, frutta, verdura, fiori recisi, sementi e altri prodotti freschi serve un certificato.
FRIBURGO
15 ore
Tre feriti in uno scontro frontale
Il conducente ha perso il controllo del veicolo, trovandosi di fronte l'auto che procedeva in senso contrario
SVIZZERA
04.03.2020 - 13:510
Aggiornamento : 21:05

«Quasi 100 casi, ma nessuno è davvero grave»

L'ha detto il Capo della Divisione malattie trasmissibili Daniel Koch durante la conferenza stampa odierna

Il coronavirus è però decisamente più mortale della normale influenza, secondo l'Organizzazione mondiale della sanità

BERNA - «È chiaro, la situazione è grave e non bisogna sottostimarla. Anche perché presto non saremo più in grado di avere una tracciatura dell'epidemia». Così Daniel Koch, Capo della Divisione malattie trasmissibili si è espresso oggi pomeriggio durante la conferenza stampa indetta per fare il punto della situazione sull'emergenza coronavirus.

«Finora sono i giovani a essere stati i più colpiti, perché viaggiano di più e hanno più contatti», ha aggiunto. Precisando che a oggi «non ci sono però casi davvero gravi». «Il rischio di morte aumenta però enormemente dall'età di 65 anni», secondo Koch. La strategia riguarda quindi in particolare la protezione di questo gruppo di persone.

Prima gli anziani - «In futuro le persone più giovani potrebbero dover rinunciare a effettuare i test per lasciarli a disposizione delle persone più anziane», ha ammesso Koch sollecitato dai giornalisti presenti alla conferenza stampa.

Il punto della situazione - In Svizzera ci sono 54 casi confermati e 39 casi che sono stati testati positivamente da un laboratorio iniziale. Ciò significa che centinaia di persone sono già in quarantena. I numeri ora stanno aumentando rapidamente. Per quanto riguarda l'Europa, i Paesi colpiti sono al momento 33. In Italia, lo Stato europeo con più contagiati, i casi sono registrati sono 2500 (79 decessi). 

Gli effetti sull'economia - «Abbiamo avuto molte domande per introdurre il lavoro ridotto», ha detto dal canto suo Boris Zürcher, capo della Direzione lavoro della Seco. Lo scopo è quello di compensare le perdite dovute al coronavirus e mantenere i posti di lavoro. Zürcher ha poi spiegato quali requisiti devono essere soddisfatti prima che un'azienda possa richiedere questo tipo d'indennizzo.

Svizzeri all'estero - Hans-Peter Lenz del Dipartimento degli affari esteri ha riassunto la situazione degli svizzeri all'estero. «Non abbiamo informazioni sui cittadini svizzeri che sarebbero colpiti dal virus». Anche il personale delle ambasciate sta bene. A destare preoccupazione è in particolare la situazione in Iran: «Il DFAE è in stretto contatto con la rappresentanza di Teheran».

Più mortale dell'influenza - Il coronavirus causa «una malattia più grave dell'influenza stagionale: a livello globale, circa il 3,4% dei casi riportati di Covid-19 è deceduto, mentre l'influenza stagionale generalmente uccide molto meno dell'1% di quelli infetti».

Lo ha sottolineato l'Organizzazione mondiale della sanità, spiegando che «mentre molte persone in tutto il mondo hanno accumulato immunità ai ceppi stagionali» questo «è un nuovo virus a cui nessuno è immune». «Abbiamo vaccini e terapie per l'influenza stagionale, ma - ha aggiunto l'Oms - al momento non esiste un vaccino e nessun trattamento specifico per il Covid-19».

Leggi il nostro Focus sul coronavirus.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-09 14:19:24 | 91.208.130.85