Deposit
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
1 ora
A colloquio con due massoni, e le loro rivelazioni
Ne abbiamo incontrati due. Hanno rivelato ciò che accade nei gruppi massonici e chi sono. Qualcosa di inquietante è emerso
FOTO / VIDEO
LUGANO
4 ore
Il venerdì sera deserto della Foce
Prima serata di chiusura per lo sbocco del Cassarate. La zona sarà off-limits dopo le 20 anche domani e domenica
PORZA
5 ore
Qualche goccia di pioggia, un po' di sole... e spunta l'arcobaleno
La breve parentesi di temporale ha regalato uno spettacolo di colori in cielo
CANTONE
7 ore
Padre despota condannato a 8 anni
Il 48enne siriano è stato ritenuto colpevole di tre tentati omicidi intenzionali
CAPOLAGO
7 ore
I vecchi binari del Generoso hanno riaperto la chiesetta
Il restauro è stato finanziato con la vendita dei vecchi pali disseminati lungo il percorso che conduce in vetta
CANTONE
7 ore
La Galleria di Grancia è rimasta chiusa per «problemi tecnici»
È successo attorno alle 17:30 di questa sera per poi riaprire circa 15 minuti dopo con qualche disagio al traffico
CANTONE
8 ore
Radar sull'attenti in quattro distretti
L'elenco dei rilevamenti della velocità previsti per la prossima settimana
SONDAGGIO
CANTONE
8 ore
«Rilanciamo il turismo con un hovercraft tra Locarno e Bellinzona»
Una mozione UDC invita il Ticino a risollevare il settore con idee innovative
VEZIA
9 ore
Ecco come mantenere in vita i negozi di paese
Sono stati presentati i risultati di uno studio promosso dall'Ente regionale per lo sviluppo del Luganese
LUGANO
10 ore
Un giro di boa per la traversata ai tempi del coronavirus
La nuotata popolare avrà luogo il prossimo 23 agosto e la partecipazione è limitata ai residenti in Svizzera
CANTONE
11 ore
Poliziotti sotto tiro, il sindacato reagisce
Il sindacato Ocst funzionari di polizia segnala l'aumento di attacchi, fisici e verbali, contro le forze dell'ordine
LUGANO
19.02.2020 - 07:020
Aggiornamento : 12:27

Tensioni in casa Swica: quella donna può permettersi di tutto

Il recente articolo di Tio/ 20 Minuti ha sollevato un polverone. Diverse le nuove testimonianze. Tutte contro la responsabile vendita

LUGANO – Altro che tutto a posto. Altro che nessuna situazione particolare. Le parole di Silvia Schnidrig, portavoce dell’assicurazione Swica, rilasciate a Tio/ 20 Minuti in occasione di un recente articolo, hanno avuto l'effetto di un boomerang. Il servizio riportava di importanti malumori, tra licenziamenti e partenze, nelle sedi ticinesi a causa della responsabile vendita, basata a Lugano e operativa anche a Bellinzona. Schnidrig, dalla sede centrale di Winterthur, ha negato tutto. Dopo la pubblicazione dell’articolo, la nostra redazione è stata inondata di testimonianze che, al contrario, rafforzavano la teoria del clima torrido in casa Swica.   

Un clima pesantissimo – «Mio marito è scappato, dopo poco più di un anno che la persona in questione è stata nominata responsabile vendita», racconta una signora. Aggiungendo: «Confermo tutto quanto scritto nell'articolo». Un altro ex dipendente si sfoga. «Ho vissuto io stesso la situazione descritta. Ritengo che si tratti solo della punta dell’iceberg. La persona in questione non ha solamente messo in pesanti difficoltà tutti i suoi collaboratori e colleghi, ha altrettanto e spesso messo in difficoltà la clientela di Swica con metodi discutibili». 

Da tempo si attendeva che qualcuno parlasse – «Ho lavorato sotto le grinfie di questa persona per un paio d’anni, ho ricordi tremendi», aggiunge un’altra ex dipendente. «Finalmente si muove qualcosa anche sui media», esulta una persona che ha lasciato il suo posto nel corso dell’ultimo anno. «Era ora che il caso venisse a galla», sostiene un altro ex collaboratore dell’assicurazione malattia.

Dal paradiso all’inferno – Arriva un’altra testimonianza. «Lavorare per Swica inizialmente era come essere in paradiso. Poi, dal momento in cui la signora in questione (già attiva in precedenza nell’assicurazione) è stata nominata responsabile vendita, tutto si è trasformato in un inferno. Almeno venti persone hanno dovuto abbandonare Swica. C’è chi è andato in burnout, chi in malattia. La signora può permettersi veramente tutto, visto che viene coperta dai piani alti. Fortunatamente io sono riuscito ad andarmene». 

Quei contratti a tempo determinato – I casi di mobbing, pressioni, minacce legati a questo personaggio sarebbero innumerevoli. La donna, da qualche anno, non farebbe altro che assumere nuovo personale con dei contratti a tempo determinato. In questo modo, il povero dipendente, una volta spremuto fisicamente e mentalmente, viene semplicemente accompagnato alla porta senza che la situazione arrivi in direzione generale come un licenziamento. È per questo che alla portavoce di Swica non risultano particolari fluttuazioni del personale? 

Questionari poco realistici – Non è finita. Ai colloqui annuali la signora in questione, per quanto concerne il questionario inerente la valutazione del superiore, obbligherebbe il collaboratore stesso a compilare il tutto assieme a lei. Con risultati evidentemente e ovviamente falsati.

Immobilismo inspiegabile – Stando a più fonti, il direttore regionale e la responsabile delle risorse umane, nonché assistente dello stesso direttore, farebbero da spettatori. E, nonostante la situazione sia stata fatta notare più volte anche a loro, non tenterebbero minimamente di redarguire la responsabile vendita. Perché? 

Segnalazioni gravi ai sindacati – Tio/ 20 Minuti ha contattato il sindacato OCST. Il consulente sindacale che ci risponde è al corrente di quanto sta accadendo all’interno del colosso assicurativo. «Abbiamo ricevuto delle segnalazioni gravi – sostiene –. Al momento non possiamo dire di più. Ma possiamo confermarvi che la situazione è sotto la nostra lente». 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-11 01:28:51 | 91.208.130.85