Deposit
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
8 min
Pronzini: «Aziende che lavorano... grazie agli amici?»
Il deputato Mps solleva ulteriori interrogativi sui trasporti di ghiaia in Val Bavona
CANTONE
43 min
I contagi aumentano ancora, ma un po' meno: altri 39 casi
Nelle ultime ventiquattro ore i malati sono arrivati a quota 1'727. E i morti complessivi legati al Covid-19 sono 87
CANTONE
1 ora
Le aziende potranno ripartire con l'autocertificazione
La possibilità potrebbe riguardare un centinaio di attività presenti sul territorio ticinese
CANTONE
2 ore
Colpo di coda dell'inverno
Sono stati giorni con temperature che normalmente si registrano a fine gennaio.
GRIGIONI
10 ore
Cantieri ancora aperti nel Moesano: «Ora basta, governo grigionese!»
Per Nicoletta Noi-Togni, è il «paradosso di essere praticamente ticinesi»: «Dovremo interrogarci e fare una scelta».
SONDAGGIO
CANTONE
12 ore
Quarantena: arriva il consultorio per la coppia ticinese che scoppia
Risponderà da Locarno e Mendrisio e promette un aiuto per affrontare la convivenza forzata.
ZURIGO / CANTONE
14 ore
Coronavirus: sempre più ticinesi si sentono minacciati dall'epidemia
Lo rivela un sondaggio nazionale. Che conferma: a sud delle Alpi la preoccupazione è nettamente maggiore.
CANTONE
14 ore
Quarantena australiana scampata per un soffio
L'odissea vissuta da una giovane ticinese per rientrare dall'Australia.
CANTONE
16 ore
«La passeggiata sotto casa va bene, le escursioni nel bosco no»
Il momento resta delicato e l'emergenza potrebbe durare ancora a lungo.
MANNO
16 ore
Cercasi nuove idee e soluzioni per affrontare il coronavirus
Dal 2 al 5 aprile al via una maratona di esperti informatici per lo sviluppo rapido di nuove soluzioni
CANTONE
17 ore
Radar ancora in quarantena
Le risorse della polizia devono essere impiegate altrove.
LUGANO
19.02.2020 - 07:020
Aggiornamento : 12:27

Tensioni in casa Swica: quella donna può permettersi di tutto

Il recente articolo di Tio/ 20 Minuti ha sollevato un polverone. Diverse le nuove testimonianze. Tutte contro la responsabile vendita

LUGANO – Altro che tutto a posto. Altro che nessuna situazione particolare. Le parole di Silvia Schnidrig, portavoce dell’assicurazione Swica, rilasciate a Tio/ 20 Minuti in occasione di un recente articolo, hanno avuto l'effetto di un boomerang. Il servizio riportava di importanti malumori, tra licenziamenti e partenze, nelle sedi ticinesi a causa della responsabile vendita, basata a Lugano e operativa anche a Bellinzona. Schnidrig, dalla sede centrale di Winterthur, ha negato tutto. Dopo la pubblicazione dell’articolo, la nostra redazione è stata inondata di testimonianze che, al contrario, rafforzavano la teoria del clima torrido in casa Swica.   

Un clima pesantissimo – «Mio marito è scappato, dopo poco più di un anno che la persona in questione è stata nominata responsabile vendita», racconta una signora. Aggiungendo: «Confermo tutto quanto scritto nell'articolo». Un altro ex dipendente si sfoga. «Ho vissuto io stesso la situazione descritta. Ritengo che si tratti solo della punta dell’iceberg. La persona in questione non ha solamente messo in pesanti difficoltà tutti i suoi collaboratori e colleghi, ha altrettanto e spesso messo in difficoltà la clientela di Swica con metodi discutibili». 

Da tempo si attendeva che qualcuno parlasse – «Ho lavorato sotto le grinfie di questa persona per un paio d’anni, ho ricordi tremendi», aggiunge un’altra ex dipendente. «Finalmente si muove qualcosa anche sui media», esulta una persona che ha lasciato il suo posto nel corso dell’ultimo anno. «Era ora che il caso venisse a galla», sostiene un altro ex collaboratore dell’assicurazione malattia.

Dal paradiso all’inferno – Arriva un’altra testimonianza. «Lavorare per Swica inizialmente era come essere in paradiso. Poi, dal momento in cui la signora in questione (già attiva in precedenza nell’assicurazione) è stata nominata responsabile vendita, tutto si è trasformato in un inferno. Almeno venti persone hanno dovuto abbandonare Swica. C’è chi è andato in burnout, chi in malattia. La signora può permettersi veramente tutto, visto che viene coperta dai piani alti. Fortunatamente io sono riuscito ad andarmene». 

Quei contratti a tempo determinato – I casi di mobbing, pressioni, minacce legati a questo personaggio sarebbero innumerevoli. La donna, da qualche anno, non farebbe altro che assumere nuovo personale con dei contratti a tempo determinato. In questo modo, il povero dipendente, una volta spremuto fisicamente e mentalmente, viene semplicemente accompagnato alla porta senza che la situazione arrivi in direzione generale come un licenziamento. È per questo che alla portavoce di Swica non risultano particolari fluttuazioni del personale? 

Questionari poco realistici – Non è finita. Ai colloqui annuali la signora in questione, per quanto concerne il questionario inerente la valutazione del superiore, obbligherebbe il collaboratore stesso a compilare il tutto assieme a lei. Con risultati evidentemente e ovviamente falsati.

Immobilismo inspiegabile – Stando a più fonti, il direttore regionale e la responsabile delle risorse umane, nonché assistente dello stesso direttore, farebbero da spettatori. E, nonostante la situazione sia stata fatta notare più volte anche a loro, non tenterebbero minimamente di redarguire la responsabile vendita. Perché? 

Segnalazioni gravi ai sindacati – Tio/ 20 Minuti ha contattato il sindacato OCST. Il consulente sindacale che ci risponde è al corrente di quanto sta accadendo all’interno del colosso assicurativo. «Abbiamo ricevuto delle segnalazioni gravi – sostiene –. Al momento non possiamo dire di più. Ma possiamo confermarvi che la situazione è sotto la nostra lente». 

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-03-28 10:50:21 | 91.208.130.86