Foto Tio/20Minuti
Il viaggio di Patryk
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
7 ore
Falsa partenza: anziani respinti al supermercato
Alcuni over 65 hanno tentato "l'assalto" già questa mattina, dopo l'annuncio del governo. «Ritornate il 14 aprile»
CANTONE
8 ore
In 2'500 in una piazza virtuale a sentire Davide Van De Sfroos
Riascoltatevelo su PiazzaTicino.ch
GAMBAROGNO
10 ore
La nuova Cinque Fonti non cambia idea
Il nuovo Consiglio di Fondazione segue il vecchio e respinge la richiesta di reintegro del direttore
CANTONE/URI
10 ore
In viaggio verso il Ticino: nessuno fa dietrofront
Gli appelli degli scorsi giorni avrebbero però portato a una netta diminuzione del traffico lungo l'A2
SVIZZERA
11 ore
Congedo paternità: «Il referendum non si può invalidare»
Il Tribunale federale non è entrato in materia sul ricorso. Deluso il Partito socialista neocastellano
AVEGNO-GORDEVIO
12 ore
Rimossi gli striscioni di Dadò: «Grave censura»
I messaggi mettevano in guardia i turisti sui rischi del nuovo coronavirus: «Popolo ticinese preso in giro».
VIDEO
CANTONE
12 ore
Merlani positivo al Covid-19
In questo momento il medico cantonale si trova in isolamento al proprio domicilio e continua l'attività professionale
GRONO (GR)
12 ore
Venerdì di passione sulle strade del Moesano
Ad ambo i portali del San Bernardino si registrano controlli. Grigliate vietate.
CANTONE
13 ore
Sei mozioni socialiste per contrastare il virus
Oltre all'emergenza sanitaria ed economica, la pandemia manda in crisi anche la socialità.
VIDEO
LUGANO
14 ore
Covid-19, il video della 29enne intubata
Mariella Montano torna a casa dopo la degenza, con tanto di cure intense, alla Moncucco. E lancia un nuovo appello.
BELLINZONA
05.02.2020 - 07:100
Aggiornamento : 11:29

Si muove a piedi o in autostop, e dorme in auto abbandonate

Chi è il giovane avventuriero che sta attraversando la Svizzera italiana? Si chiama Patryk, è polacco, ha 22 anni e una storia drammatica alle spalle

BELLINZONA – In molti lo avranno notato negli scorsi giorni mentre camminava o faceva autostop per le strade della Svizzera italiana. Un ragazzo giovane, dalla faccia pulita, con lo zaino in spalla e con la bandana blu. Una specie di avventuriero, all’apparenza. Questo ragazzo è Patryk Rozyoki, è polacco, ha 22 anni e sta conducendo una vita pazzesca. Fatta di notti all’aria aperta e di pochi soldi in tasca. «La mia infanzia è stata difficile – racconta –. A 18 anni mi sono detto: non posso continuare così. Voglio vivere e scoprire il mondo».  

Adulto troppo presto – È una storia per certi versi drammatica quella del 22enne cresciuto in una cittadina polacca a una ventina di chilometri dal confine tedesco. Tio/ 20 Minuti lo ha incontrato a Bellinzona. E lui ha aperto il suo album dei ricordi. Un giovane diventato adulto troppo presto, con un papà assente e una mamma “problematica”. Patryk ha vissuto i suoi primi 18 anni nei collegi polacchi. Poi, dopo una relazione amorosa finita male, la svolta. 

La partenza con un amico – «Fino a quel momento avevo sempre pensato che non avendo soldi, non avrei potuto avere prospettive altrove. Invece, mi sono messo a camminare e ho chiesto umilmente dei passaggi in auto. All’inizio sono partito con un amico. Poi lui, a un certo punto, si è fermato, perché ha trovato la ragazza. Io ho scelto di proseguire, da solo». 

Dal cameriere al contadino – Parla un italiano molto fluido, il 22enne polacco. Perché, ed è lui stesso ad ammetterlo, ha avuto diverse esperienze lavorative in Italia. «Ho fatto il cameriere, il contadino, di tutto e di più. Sono uno che non si tira indietro quando c’è da lavorare. I posti dove è più facile lavorare sono la Francia e l’Olanda. L’ultimo mio impiego l’ho avuto alle Canarie, a Fuerteventura, come collaboratore di una struttura turistica». 

Trova sempre un passaggio – Da lì, qualche mese fa, Patryk è ripartito. Col suo zaino e con le sue speranze. Fino ad arrivare in Svizzera. «Ho visto Ginevra, Lucerna, città fantastiche. E poi il Ticino. Pazzesco. Qui è bellissimo». La cosa assurda è che il 22enne riesce sempre a trovare qualcuno che gli dà un passaggio. «Mi basta alzare il pollice, e qualcuno mi apre la portiera della propria auto», ironizza.

Gira con pochissimi risparmi – Il suo equipaggiamento è dotato di due sacchi a pelo. Spesso Patryk dorme all’aria aperta. «Non ho freddo. Trovo sempre dei posti riparati. A volte mi è capitato di dormire in vecchie auto abbandonate. Non posso definirmi un barbone. Semplicemente ho fatto la mia scelta». Vivere la vita al massimo anche se si hanno pochi soldi. «Sì, i miei soldi sono contati. Pochi risparmi che mi faccio bastare per mangiare il minimo che mi serve. Chiaramente se trovassi un nuovo lavoro, dormirei volentieri anche in un letto comodo, ci mancherebbe».

Un sogno chiamato Svizzera – Oltre all’italiano, Patryk parla correttamente anche diverse altre lingue, tra cui un inglese perfetto. Di recente è stato intercettato, per caso, da un volontario dei City Angels residente a Bellinzona, che gli ha offerto ospitalità. «Qui in Svizzera la gente è davvero gentilissima e col cuore grande. Non so se mi fermerò. Mi piacerebbe lavorare qui e anche viverci. Saranno il destino e la fortuna a decidere».   

Foto Tio/20Minuti
Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-04-10 05:09:50 | 91.208.130.89