Immobili
Veicoli
AFD
ULTIME NOTIZIE Ticino
BELLINZONA
10 ore
Furto con scasso alle scuole Semine
L'autore si è introdotto nello stabile durante la notte e ha rubato un paio di computer
MENDRISIO
11 ore
Il Parco di Villa Argentina accoglie i neo architetti
La consegna dei diplomi dell'Accademia di architettura dell'USI ha avuto luogo questa mattina
CANTONE
13 ore
Mezzo pesante in avaria nel San Gottardo, forti disagi sull'A2
La panne si è verificata poco prima delle 10 di questa mattina. Il tunnel è già stato riaperto
CANTONE
1 gior
Ecco dove saranno posizionati i radar in Ticino
I controlli della velocità saranno sparpagliati in sei degli otto distretti cantonali.
FOTO
GAMBAROGNO
1 gior
I cantieri stradali alterano il traffico a Magadino
Durante i prossimi mesi la via Cantonale della frazione del Gambarogno sarà soggetta a importanti lavori di manutenzione
AIROLO
1 gior
Auto contro camion, San Gottardo riaperto
L'incidente, avvenuto in territorio urano attorno alle 14.15, ha provocato la chiusura della galleria per circa tre ore.
CONFINE
1 gior
Auto ticinese si schianta a Maccagno, gravissimo un 15enne
L'incidente è avvenuto ieri sulla strada statale del Lago, a non molti chilometri dalla dogana di Dirinella.
CANTONE
1 gior
Le polizie sensibilizzano i centauri sul passo del San Gottardo
Domani si svolgerà la Giornata intercantonale prevenzione moto con un controllo di veicoli ed equipaggiamento
BELLINZONA
1 gior
Nuove nomine ai vertici delle scuole elementari di Bellinzona
Il Municipio ha scelto una nuova direttrice e tre vicedirettori. La Zona Blu è l'unica ancora senza vicepreside.
LOCARNO
1 gior
Un'educazione a contatto con la natura
I Verdi di Locarno, tramite un'interpellanza al Municipio, vogliono sviluppare nuove attività didattiche all'aperto.
LOCARNO
1 gior
«Spero che la giustizia mi dica chi ha ucciso mio figlio»
Parla la mamma del ragazzo di 23 anni trovato morto nell'appartamento di via Muro della Rossa
CONFINE
1 gior
L'acqua bassa fa saltare alcuni attracchi nel lago Maggiore
La società di navigazione ha sospeso certi scali a causa della siccità di questi giorni.
CANTONE
1 gior
STEG chiude le sue filiali in Ticino
I negozi di Lugano e Giubiasco cesseranno l'attività dal prossimo 9 luglio
LOCARNO
1 gior
L'uomo ritrovato nell'appartamento di Solduno aveva un taglio sul volto
La lacerazione sarebbe stata così evidente da rendere la vittima quasi irriconoscibile.
CANTONE
1 gior
Il vaiolo delle scimmie in Ticino? «Era solo questione di tempo»
In virtù del primo contagio registrato martedì in Ticino, abbiamo scambiato due parole con il medico cantonale.
FOTO
BELLINZONA
2 gior
Auto contro auto in centro a Bellinzona
L'incidente è avvenuto intorno alle 18.
CANTONE
2 gior
Governo sull'imposta di circolazione: «Criticità nel controprogetto»
Il Consiglio di Stato si è espresso sui due testi approvati dal Parlamento
LIGORNETTO
2 gior
Marcel Dupertuis in mostra al Museo Vincenzo Vela
Le opere dell’artista vodese saranno esposte presso il museo di Ligornetto dal 26 giugno fino al 12 febbraio.
CAPOLAGO
2 gior
Lugano e Ambrì si sfidano nella raccolta dei rifiuti
Sul Monte Generoso le due squadre ticinesi si affronteranno in una competizione insolita: il Clean Up Derby.
CANTONE
2 gior
Di nuovo sole, ma l'instabilità è dietro l'angolo
Temporali in arrivo, anche nel fine settimana.
CANTONE
2 gior
Presunto taccheggio sul Tilo, fermati
Sono in corso accertamenti su due richiedenti l'asilo.
CANTONE
13.01.2020 - 19:010
Aggiornamento : 23:50

Salumi, olio e limoncello raggiungevano tutto il Ticino

Ma c'è il segreto dell'inchiesta e non è possibile avere informazioni sui 13 esercizi pubblici. Una mozione leghista al Consiglio di Stato chiede i nomi

CHIASSO - «Sono distribuiti su tutto il territorio cantonale» i 13 esercizi pubblici ticinesi finiti sotto inchiesta per avere contrabbandato generi alimentari provenienti dall’Italia tra il 2016 e il 2017. Ipoteticamente, da Chiasso fino ad Airolo. Impossibile conoscerne i nomi. «Per ragioni legate al segreto professionale dell’inchiesta non possiamo fornire informazioni», taglia corto l’Amministrazione federale delle dogane (AFD).

Significa quindi che un ticinese potrebbe tranquillamente trovarsi a cena, magari come cliente fisso, in uno di questi 13 esercizi pubblici, senza sapere nulla? «Non sussiste alcun obbligo legale circa il fatto di comunicare ai propri clienti il loro coinvolgimento in un’inchiesta doganale».

Non è quindi possibile sapere se vi fossero legami di alcun genere tra i locali, né sui loro gerenti e proprietari. Nessun dettaglio viene fornito neppure sulla regione di provenienza della merce. L'unica informazione fornita è il numero di persone finite sotto la lente degli inquirenti: 15 in tutto. Il trasportatore e il suo complice, che rifornivano tutti, e i 13 esercenti. «A tutti vengono contestate ripetute infrazioni alla Legge doganale e alla Legge sull’Iva. Ciascuno, poi, dovrà rispondere per il ruolo che ha avuto nel traffico illegale. Per tre di loro non si è proceduto».

Dall’Italia arrivavano salumi, carne fresca, olio d’oliva e limoncello. Senza essere annunciati. L’Amministrazione federale delle dogane ha richiesto tributi doganali per poco meno di 40mila franchi. «Sette in totale gli atti d’accusa che rischiano pesanti sanzioni. La multa viene calcolata in funzione dell’importo dei tributi che vengono elusi. Si può arrivare a un massimo di cinque volte i tributi elusi. Cinque, invece, i destinatari sanzionati con decreto penale nella procedura semplificata».

Da tutto il Ticino i gestori ordinavano la merce direttamente al trasportatore che, con l’aiuto di un complice, portava gli alimenti da questa parte del confine. Attraversava i valichi incustoditi, la consegnava e incassava in contanti, senza ricevuta.

Dopo il 2017 il contrabbando si è fermato? «La scoperta e le sanzioni normalmente giocano il ruolo di forte deterrente per quanto riguarda un potenziale fenomeno di recidiva - precisano dall’AFD - che tuttavia non può essere esclusa a priori».

La mozione leghista - «I consumatori hanno il diritto di sapere». Il gruppo Lega dei ticinesi ha inoltrato al Consiglio di Stato una mozione affinché vengano resi pubblici, tramite un elenco disponibile in rete, i nomi degli esercenti pubblici che commettono reati gravi. «Consumatori e onesti professionisti sono indignati. È un ingiusto danno d’immagine per tutto il settore». La mozione - firmata da Robbiani, Rückert, Minotti, Guscio e Tonini - chiede inoltre un elenco «con indicazioni di chi opera nel totale rispetto delle leggi e delle regole, di chi è stato sanzionato per questioni minori o si sta adoperando per ripristinare una situazione di totale correttezza, e di chi invece si è reso protagonista di gravi mancanze anche in relazione al versamento degli stipendi nei confronti dei collaboratori, rispetto delle norme contrattualistiche, delle norme d'igiene, pagamento di imposte e oneri sociali, ecc.».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Disà 2 anni fa su tio
Quando entravano con le valigette a portare gli euro però tappeto rosso e tanta omertà ..... adesso fuori i nomi per i prosciutti e il lemoncino ....
Meck1970 2 anni fa su tio
Tutto fuori di testa.... povero Ticino. Politici ..... sveglia prima che tutto il Ticino collassi....
bubi_67 2 anni fa su tio
Visto che i nomi sono top secret.... a sto punto partiamo dal presupposto che sono tutti e 2000 colpevoli e non andiamo più al ristorante, nessuno! Tempo 1, max 2 settimane i nomi dei furbi saltano fuori!
Equalizer 2 anni fa su tio
Se smettessero di far strapagare la carne, certe cose non succederebbero, ma fintanto che dal produttore al banco la merce moltiplica x4 il proprio valore, non lamentatevi se poi se la gente cerca alternative.
ciapp 2 anni fa su tio
@Equalizer esatto ! concordo !
Mattiatr 2 anni fa su tio
@Equalizer Sul prezzo della carne non mi esprimo. Però rimane il fatto che se molta gente infrange una legge o un limite, vuol dire che essa non si adatta al popolo. Sperare in comprensione e buona volontà di auto miglioramento in Ticino è come aspettare la buzza nel Sahara. A sud delle Alpi siamo oramai conosciuti per le multe pro repressione, ai posti di blocco in aumento alla ''stato di polizia'' e alla burocrazia inutile. Diciamo che dopo aver speso qualche cartella da mille per una patente inutile pure a me passerebbe la voglia di fare le cose come imposte dallo stato.
anndo76 2 anni fa su tio
ahahah non bastava andare ai supermercati dopo confine ?? e dovrei comprare in ticino ???? ahahah ridicoli
bledsoe 2 anni fa su tio
@anndo76 Ma lei perché non se ne va del tutto? Non sentiremmo la mancanza, questo è certo, visto che non spende, sputa nel piatto in cui ha mangiato e mangia e si sente così superiore a tutto e tutti (a giudicare dal tono delle aue frasi perlomeno)?
centauro 2 anni fa su tio
@bledsoe Beh, per quanto costa la carne non ha torto, poi ognuno è libero di fare ciò che vuole, anche di farsi fottere a casa propria!
Border_Line 2 anni fa su tio
Che segunda mi: - La sospensione della patente di esercente sarebbe una cosa giusta. Che poi loro (gli esercenti) forse imparano. E noi (i clienti) capiamo.
Orso 2 anni fa su tio
Se eravamo nella ue queste cose sarebbero costate 3 volte meno :) avremo amazon, le medicine e le casse malati consterebbero il 30% di meno, ecc ecc
marco17 2 anni fa su tio
@Orso Non è così semplice: i Paesi scandinavi sono tutti nella UE (a parte la Norvegia), eppure il costo della vita è più elevato che in Svizzera.
bimbogimbo 2 anni fa su tio
@Orso Povera Svizzera, se ci sono dei sempliciotti come lei che si illudono che se entrassimo nell’UE tutto andrebbe meglio. Basterebbe leggere un po’ per capire che non è così!!!
centauro 2 anni fa su tio
@marco17 Vero ma hanno anche stipendi più alti.
marco17 2 anni fa su tio
Se in Svizzera avessimo dei salari da Terzo Mondo, molto probabilmente anche la carne costerebbe meno ma sarebbe in ogni caso sempre troppo cara.
ciapp 2 anni fa su tio
se nei nostri negozi e macellerie carni e salumi costerebbero la metà , questi problemi non ci sarebbero . o no? 95 fr al kg per una carne ceca , vardii pö vialtri !!!!
anndo76 2 anni fa su tio
@ciapp infatti da me 1 frs non li prendono da oltre 10 anni i vari supermercati e negozianti ticinesi. tutti bravi a fare i fenomeni con il c....o degli altri hahahah
BP69 2 anni fa su tio
@anndo76 Ci sono i negozi specializzati per i ristoratori, tipo Prodega, e hanno prezzi molto convenienti. Ma si capisce chi sono gli esercenti. Ci credo poco che siano ticinesi....
centauro 2 anni fa su tio
@BP69 L'occasione fa l'..... pecunia non......
fakocer 2 anni fa su tio
Considerando che "la Legge" non porta a conoscenza i nomi dei fuori legge mancando di onorare i cittadini e gli esercenti che si caratterizzano nell'onestà, quest'ultimi dovrebbero rendere pubblica la dichiarazione "Noi non abbiamo frodato ne voi ne le dogane, affiggendola ben i in vista e con tanto di firma. Vi è uno stile in via d'estinzione: è quello dei "galantomm". Se la legge è dall'altra parte, ci arrangiamo noi.
Um999 2 anni fa su tio
@fakocer Hai fatto uno considerazione eccezionale e degna di nota, ottimo. La legge non onora i cittadini onesti, veramente semplice, essenziale, diretta ma soprattutto vera. A parer mio i galantuomini non hanno necessità di mettere il cartellino alla giacca, l’uomo ha il sesto senso per questo, comunque in assenza di giustizia la trovo anch’essa un’ottima proposta. Complimenti veramente un post senza insulti ma coinciso. Il mio rispetto.
fakocer 2 anni fa su tio
@Um999 Grazie Um999. Mi fa piacere sapere d'essere in compagnia.
don lurio 2 anni fa su tio
Terminata l'inchiesta fuori i nomi e revoca la gerenza di esercizi pibblici.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-06-26 01:03:51 | 91.208.130.87