tipress (archivio)
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE / SVIZZERA
33 min
I ticinesi guidano l'auto peggio di chiunque altro
A sud delle Alpi avviene il 20% in più di incidenti rispetto alla media nazionale, secondo i dati raccolti da Axa.
CANTONE
33 min
«Dobbiamo aggiornare i vostri dati...», ma in verità vi rifilano un contratto
Torna l'inganno che prova a far sottoscrivere un abbonamento indesiderato fingendo di aggiornare la mappa della città.
RIVA SAN VITALE
6 ore
«Sono semplicemente allibito»
Lo sfogo del proprietario del veicolo affondato nel Ceresio. «Ragazzate? Non è un'attenuante»
CANTONE
10 ore
«I ticinesi diffidenti all'inizio, ma poi aperti agli stranieri»
Il Delegato all'integrazione Attilio Cometta passa il testimone e traccia un suo personale bilancio
CANTONE
12 ore
Un nuovo presidente per Pro Natura Ticino
Si tratta di Daniel Ponti, che sostituisce Claudio Valsangiacomo
FOTO E VIDEO
BELLINZONA
12 ore
Le macerie dell'ex Macello davanti al Governo
Una cinquantina di persone hanno protestato davanti a Palazzo delle Orsoline durante la seduta di Gran Consiglio.
CANTONE
12 ore
Nicola Respini nuovo giudice del Tribunale d'appello
Il Gran Consiglio ha accolto con 60 voti la raccomandazione della Commissione giustizia e diritti.
LOSONE
14 ore
Il Tram ordina il divieto d'uso dell'ex Caserma
La sentenza è stata comunicata oggi. Soddisfatta la Lega, il sindaco Catarin: «Ne discuteremo domani in Municipio»
VIDEO
RIVA SAN VITALE
15 ore
Ecco il video del furgone rubato e poi affondato nel lago
Il filmato immortala l'ultimo atto della "bravata" compiuta da un gruppo di giovani
CANTONE / SVIZZERA
15 ore
Chef premiati, c'è anche un ticinese
Si tratta di Lorenzo Albrici della Locanda Orico di Bellinzona
CANTONE 
16 ore
Una barriera in panne blocca l’inizio della seduta
Il malfunzionamento della sbarra ha impedito l’accesso al parcheggio riservato ai deputati
CANTONE / SVIZZERA
17 ore
Dopo il temporale di ieri, ecco come proseguirà la settimana
L'ondata di caldo si è bruscamente interrotta grazie all'arrivo dei temporali.
LOCARNO
17 ore
Beach volley di alto livello in Largo Zorzi
Il Coop Beachtour farà tappa in riva al Verbano dal 24 al 27 giugno.
CANTONE
18.12.2019 - 21:000
Aggiornamento : 23:19

«Abbiamo creato un'arma di distruzione del tumore»

Allo IOSI si gioisce per il successo nel trattamento di un certo tipo di linfomi con le staminali. E le prospettive sono ottimistiche: «In futuro è probabile l'applicazione anche per altri tumori»

LUGANO - Ha suscitato scalpore il traguardo raggiunto dall'Istituto oncologico della Svizzera italiana (IOSI), riuscito a guarire un malato di cancro grazie a cellule staminali modificate geneticamente. Ma c'è davvero da esultare per questo successo? Lo abbiamo domandato a Luciano Wannesson, vice primario di oncologia medica proprio allo IOSI.

«È sicuramente un risultato importante - ci spiega -. Si tratta di un trattamento nuovo, che si sta iniziando ad applicare a livello mondiale, ma che si sta sviluppando già da una decina d'anni. I vari perfezionamenti hanno permesso oggi che questo diventasse routine per certe malattie oncologiche».

Quindi non è applicabile a tutti i tipi di tumori?
«Le malattie attualmente in trattamento sono in pratica due: i linfomi B aggressivi (tumori che si originano nei linfociti, che si occupano della difesa immunitaria) e le leucemie linfoblastiche acute della serie B».

Di che tipo di tumori parliamo?
«Si possono disseminare nel resto del corpo da un linfonodo. Crescono rapidamente, senza controllo. E portano alla morte».

Sono sempre mortali?
«Sono tumori molto aggressivi, ma curabili in una grande proporzione».

Qual è allora la novità introdotta con questo trattamento?
«Stiamo parlando di tumori già guaribili con trattamenti standard di chemioterapia associata a immunoterapia. Ma non tutti guariscono definitivamente. Solo per il 60% dei pazienti la terapia standard è risolutiva. C'è un 40% che recidiverà o sarà refrattario alla chemio. In questi casi bisogna offrire un trattamento di "seconda linea", fino a oggi il trapianto autologo di cellule staminali. Ma non guariscono tutti e non tutti possono riceverlo».

Per questi ultimi casi qual era la soluzione?
«Finora non avevano speranze terapeutiche. Questa tecnologia, invece, permette di guarire anche i casi più refrattari».

Con che percentuale di successo?
«Dal 40 all'80% a seconda della malattia».

In che cosa consiste la terapia?
«Si tratta di prelevare i linfociti T del paziente che a loro volta fanno parte del sistema immunitario. Bisogna prendere queste difese naturali, modificarle in laboratorio introducendo dei geni che le potenziano enormemente e le fanno diventare un'arma di distruzione del linfoma. Creiamo in pratica un super-linfocita capace di eliminare le cellule del linfoma. Una volta reinfuso nel corpo comincia a proliferare a moltiplicarsi».

Stiamo parlando di una tecnica ancora in fase di sperimentazione, giusto?
«Questo è il primo paziente trattato in Ticino. Ma negli Stati Uniti questo trattamento sta già prendendo piede. Proprio per questo da due anni stiamo lavorando per importare da noi la terapia. E non per studi clinici, ma per un utilizzo quotidiano».

Un obiettivo raggiungibile?
«Lo studio ci ha permesso di capire se la nostra infrastruttura fosse pronta. Con questo primo paziente abbiamo avuto un eccellente risultato, sia per tolleranza che per efficacia. Il linfoma è scomparso».

Era un malato terminale?
«No. Stiamo cercando di portare questa tecnologia non solo al paziente senza altre opzioni, ma anche a quello in fase più precoce».

Effetti collaterali?
«Ci sono, ma ci stiamo preparando per gestirli assieme al gruppo infermieristico. In ogni caso sono ben gestibili. Sappiamo come farlo».

E per gli altri tumori?
«Si sta testando questa stessa terapia in altri tipi di linfoma e altri tipi di tumore (polmone, ovaie...). Io prevedo che a breve potremo intervenire in questo modo anche nei casi di mieloma multiplo e poi chissà... È un ambiente ancora da esplorare. Nel mondo ci sono almeno 300 studi clinici che stanno valutando questa tecnologia sui tumori solidi. C'è speranza. Non sarà la terapia miracolosa per tutti, ma basta che lo sia per una buona proporzione di malati». 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Marta 1 anno fa su tio
Bravissimi, complimenti e auguri!!!
anndo76 1 anno fa su tio
un ringraziamento e augurio , che sia solo l'inizio per debellare questo brutto male
volabas 1 anno fa su tio
Bravi, complimenti, e grazie
dan007 1 anno fa su tio
In Quali altri centri si sperimentano queste tecniche
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-22 06:33:47 | 91.208.130.89