FAIRMED
ULTIME NOTIZIE Ticino
LOSTALLO
2 ore
Contro la ringhiera, finisce nel prato
Ferite gravi per un'automobilista uscita di strada a Lostallo
LUGANO
4 ore
«Contenti loro, contenti tutti»
Fulvio Pelli dopo la sconfitta alle urne fa gli auguri al Polo Sportivo. «Non brontolo, staremo a vedere»
LUGANO
8 ore
Polo sportivo, ecco cosa accadrà da domani
Tutte le prossime tappe che porteranno alla costruzione del nuovo stadio e dell'intero progetto
CANTONE
8 ore
Votazioni federali: due "sì" e un "no" dal Ticino
Il 65,3% dei votanti ha dato via libera alla Legge Covid-19, mentre il 56,1% ha sostenuto l'iniziativa sugli infermieri.
LUGANO
9 ore
Paolo Beltraminelli è il nuovo presidente del PPD di Lugano
L'ex consigliere di Stato è stato nominato quest’oggi durante l'assemblea svoltasi a Pregassona
FOTO
CANTONE
14 ore
Bianco risveglio in buona parte del Ticino
A San Bernardino si misurano attualmente ben 25 centimetri di neve. Un centimetro anche a Lugano.
CANTONE / SVIZZERA
16 ore
Tre temi federali e il PSE: ancora poche ore per votare
Fino a mezzogiorno sarà possibile recarsi alle urne per esprimere la propria opinione sui tre oggetti federali.
FAIDO
1 gior
«Da sola non ce l'avrei mai fatta»
Morena Pedruzzi racconta la lunga strada per uscire dall'incubo dell'attentato di Marrakesh
FAIDO
1 gior
Marrakesh, il racconto dieci anni dopo
Morena Pedruzzi è l'unica sopravvissuta ticinese all'attentato terroristico del 2011. Si racconta in un libro
FOTO
CANTONE
1 gior
Inaugurato il nuovo stabile dell'Istituto di ricerca in biomedicina
Il centro è pensato come «una nuova casa comune per la ricerca in biomedicina».
CANTONE
1 gior
L'Udc non parla con la Rsi
«Troppo parziale». I democentristi domani non commenteranno le votazioni ai microfoni di Comano
AVEGNO-GORDEVIO
1 gior
Doppia meraviglia nei cieli sopra ad Avegno
Il fenomeno è stato provocato da una doppia riflessione della luce solare dentro le gocce di pioggia.
FOTO E VIDEO
CUGNASCO-GERRA
1 gior
Fiamme dalla canna fumaria, intervengono i pompieri
L'incendio, divampato questa mattina a Cugnasco, si è propagato anche al tetto.
RIVA SAN VITALE
1 gior
A processo per tentato omicidio
Rinviata a giudizio la 43enne che sei mesi fa accoltellò al collo il compagno.
BOSCO GURIN
2 gior
«Rabbia per l'ingiustizia subita...» da Frapolli
Fumata nera dopo gli incontri: niente sconti a maestri e bambini da parte del gestore degli impianti
CANTONE
2 gior
«Aumento delle indennità al Gran Consiglio? No, grazie»
Presentata un'iniziativa parlamentare che chiede lo stralcio dell'automatismo degli aumenti
LUGANO
18.11.2019 - 06:040
Aggiornamento : 07:45

Quando la strada per il medico è troppo lontana

Davanti alla stazione di Lugano sono comparsi alcuni cartelli con il tipico aspetto della segnaletica svizzera dei sentieri. Ma con località tutt'altro che nostrane...

LUGANO - Se siete passati dalla stazione di Lugano li avrete certamente notati. E magari siete rimasti perplessi davanti ai tipici cartelli dei sentieri escursionistici che indicavano distanze come “72 ore di cammino fino alla postazione sanitaria più vicina”.

La segnaletica, temporaneamente installata dall'organizzazione umanitaria Fairmed in quattro fra le principali stazioni svizzere (Berna, San Gallo, Lugano e Ginevra), ha quale obbiettivo quello di mostrare la distanza che separa molte persone da una buona assistenza sanitaria. Gli esempi provengono da Paesi africani (Camerun e Repubblica Centrafricana) e asiatici (Nepal, India e Sri Lanka) e dietro a ogni distanza si nasconde una storia vera.

140 chilometri per raggiungere l’ospedale - Come quella di Aka Julienne Mokongo, che abita con la sua famiglia nel villaggio di Londo, a 140 km di distanza dal più vicino ospedale di Mbaïki: «Ho sofferto per mesi di dolori alla pancia, che poi si è gonfiata come un pallone. I dolori sono diventati talmente insopportabili che non mi è rimasta altra scelta: ho dovuto mettermi in cammino».

72 ore con una cisti da due chili - Julienne Mokongo ha percorso a piedi 90 km in tre giorni, sotto un caldo soffocante, su strade polverose e senza un riparo sicuro per la notte. «Quando finalmente sono arrivata alla postazione sanitaria di Bagandou, l’assistente del posto mi ha detto che lì non c’era possibilità di operarmi, dovevo proseguire per raggiungere l’ospedale di Mbaïki, distante 50 chilometri. Nelle mie condizioni, non ce l'avrei mai fatta a mettermi in cammino per altri due giorni».

I collaboratori Fairmed hanno accompagnato Julienne Mokongo all’ospedale di Mbaïki con la motocicletta. Lì è stata operata: le hanno asportato una cisti di due chilogrammi e le hanno donato sei litri di sangue.

Le distanze determinano la vita e la morte - «La storia di Julienne dimostra che il tragitto per raggiungere la più vicina struttura medico-sanitaria può essere determinante per la vita o la morte», spiega il direttore di Fairmed René Stäheli. Nelle zone più remote, questo è però solamente uno degli innumerevoli ostacoli che le persone povere devono superare per poter accedere a una buona assistenza medico-sanitaria.

Fairmed
Nessuno deve soffrire o morire a causa di una malattia curabile. Fairmed, ex Emmaus svizzera Lotta alla lebbra, va in capo al mondo per mantenere questa promessa. Lotta contro le malattie tropicali trascurate che affliggono oltre un miliardo di persone al mondo, in primo luogo i più poveri dell’Africa e dell’Asia. Dal 1963 Fairmed è munita del marchio di garanzia ZEWO.

FAIRMED
Guarda le 3 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Mag 2 anni fa su tio
Benvenuti sul pianeta Terra, un pianeta dove c'è chi ha tutto e chi ha niente; un pianeta dove a qualcuno viene dato tutto e ad altri nulla, neanche la dignità. Qualcuno di cui non ricordo il nome una volta scrisse: ... e se cercando l'infermo qualcuno si fosse imbattuto nel pianeta Terra, si sarebbe sicuramente fermato li.
Mag 2 anni fa su tio
@Mag (l'inferno)
GIGETTO 2 anni fa su tio
@Mag Solita carnevalata per attirare l’attenzione......nulla più
tip75 2 anni fa su tio
ma basta....
F.Netri 2 anni fa su tio
Questo terzomondismo esasperato comincia veramente a infastidire.
bimbogimbo 2 anni fa su tio
Ma questi non hanno niente di meglio da fare nella vita? Se ci tengono cosi tanto che vadano in Africa, o dive ritengono più opportuno, e aprano un centro medico... basta che la smettano di rompere. Addio signori, fate buon viaggio..
Frankeat 2 anni fa su tio
@bimbogimbo Mangiato pane e filo spinato a colazione?
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-11-29 00:54:36 | 91.208.130.89