Tipress/Foto Tio-20Minuti
L'Istituto Fogazzaro (a sin.) e l'Atlante di Ponte
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
2 ore
Alzare le imposte? «Il Governo se lo scordi»
L'UDC ticinese prende posizione dopo le parole del direttore del DFE sulla tenuta finanziaria del Cantone
LOCARNO
2 ore
Ancora fiamme sopra Cardada
L'incendio attivo da settimane ha ripreso piede. I pompieri monitorano la situazione
FOTO E VIDEO
BLENIO
3 ore
Scontro sulla strada del Lucomagno
L'incidente è avvenuto poco prima di mezzogiorno. Il motociclista è stato trasportato al San Giovanni in elicottero
FOTO
CANTONE
3 ore
Le impressionanti foto dell'incidente di questa mattina sulla A2
Nel quale sono rimaste ferite in modo lieve 5 persone. Distrutte due vetture e una roulotte, gravi disagi al traffico
FOTO E VIDEO
LUGANO
5 ore
Un concerto alle 5.30 di mattina
Esperienza indimenticabile all'alba di oggi per un folto pubblico, in cima al Monte San Salvatore
CANTONE
6 ore
«Il Ticino rischia il dissesto»
Il direttore del Dfe Christian Vitta è preoccupato per il futuro dell'economia. «Un secondo lockdown sarebbe disastroso»
CANTONE
7 ore
Il piromane di Gandria a quanto pare era recidivo
Il 24enne lo scorso febbraio aveva già dato fuoco ad alcune vetture a Menaggio e aveva precedenti penali
CANTONE
9 ore
A2: traffico verso nord in crisi per un incidente a Faido
La causa è un tamponamento che ha causato 5 feriti leggeri, deviazione sulla cantonale e disagi ancora per diverse ore
FOTO
CANTONE / ITALIA
20 ore
In vacanza in Calabria, ha un terribile incidente
L'auto è uscita di strada ed è finita nel dirupo. Illeso, seppur scioccato, il conducente residente nel Bellinzonese
CALANCA
22 ore
Quanti rifiuti nei boschi della Val Calanca
Una cinquantina di volontari hanno raccolto 140 kg di mozziconi e plastica
LOCARNO / BERNA
23 ore
Le luci della pista tornano a far discutere
Interpellanza di Bruno Storni al Consiglio federale. Salta fuori che manca la vecchia licenzia edilizia
CANTONE / URI
1 gior
Le vacanze sono finite, nove chilometri di coda al Gottardo
Le auto sono incolonnate al portale sud della galleria con lunghi tempi di attesa.
FOTO
LUGANO
1 gior
Alla Foce la movida si è addormentata
Un pisolino lungo il Cassarate, dopo la festa del venerdì sera. E i passanti storcono il naso
FOTO
CANTONE
1 gior
Veicoli in fiamme vicino alla dogana di Gandria: c'è un fermo
Il presunto responsabile sarebbe un 24enne del Comasco, già finito in manette
LUGANO
1 gior
La photo challenge di Lorenzo: «Fatevi una foto con la scritta»
L'ex pilota di MotoGp in posa con il sindaco Marco Borradori invita i suoi follower a visitare Lugano
LOCARNO
1 gior
L'Astrovia di Locarno? «Da oltre dieci anni abbandonata a se stessa»
Un'interrogazione chiede al Municipio d'intervenire per sistemare il percorso didattico
CANTONE
1 gior
Ecco le località nel mirino del radar
Sono sette i distretti ticinesi in cui sono previsti controlli mobili della velocità
SLOVENIA / SVIZZERA
1 gior
La Slovenia mette la Svizzera sulla lista gialla
Ora è prevista una quarantena di 14 giorni per chi entra nel Paese
LAVENA PONTE TRESA
13.11.2019 - 19:450
Aggiornamento : 14.11.2019 - 09:47

Non riesci nei tuoi studi? Puoi attaccarti al tram

Da qualche mese l’Istituto Fogazzaro ha aperto una “filiale” italiana, il Centro Atlante, a due passi dal confine e dal trenino FLP. Altro nome, stessa preside. Lo scopo: garantirsi un piano B

LAVENA PONTE TRESA - Non hanno piacere di parlare con un giornalista. E c’è da capirli. Dopo il blocco forzato delle lezioni, ordinato lo scorso 29 gennaio dal Decs sull’onda di un’indagine sulle maturità facili, da inizio agosto l’attività didattica è ripresa all’Istituto Fogazzaro. Il ricorso della scuola privata, accolto dal Consiglio di Stato, non ha però rasserenato del tutto il cielo sopra Breganzona. La grande incognita è rappresentata infatti dalle modifiche di legge, al vaglio del Gran Consiglio, mirate a limitare le autorizzazioni alle scuole private che preparano ad esami che si svolgono in Svizzera... Per il Fogazzaro, che si appoggia per i diplomi sui licei italiani, sarebbe un grosso problema.  

«Altissima percentuale di successi» - Un’incertezza, in ogni caso, che ha spinto la direzione del Fogazzaro a predisporre un piano B. Da pochi mesi,  due grandi striscioni al primo piano di un edificio nel centro di Lavena Ponte Tresa pubblicizzano l’attività del Centro Studi Atlante. La proposta ricalca quella dell’Istituto Fogazzaro, soltanto la “location” sembra un po’ più casereccia: «La nostra mission - si legge sul sito del Centro Atlante - prevede un’offerta formativa completa ed aggiornata, un corpo docente d’élite ed un’altissima percentuale di successi». La scelta della posizione, a due passi dalla frontiera svizzera, «non è casuale, ma ben ponderata» si legge ancora sul sito della scuola. Dove si evidenzia in particolare la vicinanza del «trenino Flp a 8 minuti di cammino». Strizzando dichiaratamente l’occhio agli studenti ticinesi.

Una polizza contro la legge - L’apertura di un’attività didattica direttamente in Italia rappresenta di fatto una polizza d'assicurazione nel caso in cui l’autorità cantonale dovesse in futuro negare l’autorizzazione al Fogazzaro. «È esatto» si limita ad annuire la preside Silvana Giunta. La quale però nega che l’Atlante si sia caricato sulle spalle il Fogazzaro durante il blocco delle lezioni a Breganzona: «No, non è così. Non c’era ancora il Centro Atlante che è nato dopo. Non ho piacere di aggiungere altro». Che l’arrivo a Ponte Tresa sia recente è confermato peraltro da chi abita lì accanto.

Foto Tio/20Minuti
Ingrandisci l'immagine
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Alessandro Milani 8 mesi fa su fb
Bloccare subito le scappatoie!
vulpus 8 mesi fa su tio
Ma quale rischio, ce li ritroviamo poi a insegnare nelle nostre scuole medie e superiori, con il relativo certificato ottenuto all'estero, senza ulteriori verifiche. mentre i nostri tarlüc, il DECS li obbliga alla famosa scuola , molto selettiva che ha sede a Locarno e che non fa che ostruzionismo verso i nostri laureati che ottengono master in Svizzera interna e non possono esercitare in Ticino. Così abbiamo le insegnati di asilo che passano all'insegnamento della matematica nelle scuole medie.
Polifemo 8 mesi fa su tio
È la dimostrazione che non sono seri, anzi anche di più... Dovrebbe tuttavia far pensare se ci sono genitori che sostengono i loro figli in percorsi di studio di questo tipo. Sicuramente non dimostrano molta intelligenza e senso di responsabilità considerato che ritengono il pezzo di carta più importante delle conoscenze acquisite dai propri pargoli... Non vogliono studiare i vostri figli? Mandateli nei campi a raccattar patate o pomodori...
Fran 8 mesi fa su tio
Imbroglioni.
bimbogimbo 8 mesi fa su tio
@Fran Non è altro che l’ennesimo esempio del non funzionamento del paese Italia. Che vergogna...
navy 8 mesi fa su tio
@Fran Non riesci a pagare la cassa malati diventi un appestato da condannare. Metti su una scuola privata alla napoletana, fotti il sistema e soprattutto la buona fede e te la giochi sempre e comunque alla faccia delle istituzioni! Comportamento sicuramente da condannare ma.....io condanno sempre più la classe politica e le istituzioni di questo cantone! Ipocrisia all’ennesima potenza senza scuse! Altro che attaccare la trasmissione Falò che tirò fuori la verità! Loro fanno il loro lavoro di giornalismo di investigazione (chiamiamolo così), gli altri dormono e la preside se la ride! VERGOGNATICINESE!
miba 8 mesi fa su tio
La sostanza non cambia: formano asini (non è tuttavia colpa loro ma dei genitori) con il diploma/laurea.....
gigipippa 8 mesi fa su tio
Il rischio è che poi questi ragazzi trovano lavoro solamente in aziende che hanno la stessa filosofia, costretti a giocare carte false per 50 Fr in piu nella busta paga.
comp61 8 mesi fa su tio
@gigipippa il rischio è che facciano il loro percorso a Lugano, li boccino e li mandino in Italia: et voilà il diplomà…..
Gus 8 mesi fa su tio
@gigipippa Tanto poi li assumono all'USI o alla SUPSI o in una delle innumerevoli ditte italiane presenti in Ticino (tra di loro si sostengono)
MrBlack 8 mesi fa su tio
Visto gli scandali degli esami fasulli, vorrei vedere uno dei nostri inviati a Berna a proporre, perlomeno come provocazione ed attirare l’attenzione sul problema, a sospendere il riconoscimento dei titoli di studio italiani!
Rusky 8 mesi fa su tio
azz adesso i „diplomi“ si ottengono a 50 metri dalla dogana in Italia. Berna: dichiara? Bussenghi: un diploma ahaaa
Bayron 8 mesi fa su tio
Schifezza all’italiana esportata in Svizzera!! Grazie a chi alla nostra politica...
RV50 8 mesi fa su tio
@Bayron Non alla nostra politica ma all'avocato che difende questa struttura e che ha fatto il diavolo pur di difendere i suoi interessi ... pensare che é stato anche procuratore contro la corruzione.... il dio soldo non guarda in faccia a nessuno
Bayron 8 mesi fa su tio
@RV50 Sono d’accordo ma alla base sono le nostre leggi che permettono questo obbrobrio. Ok alle scuole private ma gli esami devono essere di competenza cantonale. Troppo comodo altrimenti..
RV50 8 mesi fa su tio
@Bayron Condivido totalmente la tua risposta ....scuola privata in Ticino esami di matura universitaria presso i nostri esaminatori ; e non mandarli al sud per una vacanza premio con ritorno da laureato.... diplomi da non tenere in considerazione a livello Svizzero.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-09 17:14:42 | 91.208.130.86