ULTIME NOTIZIE Ticino
MENDRISIO
44 min
Il giallo della biblioteca Torriani
La sinistra del Magnifico Borgo chiede lumi su una convenzione stipulata nel 1990 con un privato cittadino
FOTO E VIDEO
CAMPIONE D'ITALIA
1 ora
Coronavirus, nell'enclave la scuola resta chiusa
Si tratta di una delle misure preventive messe in atto dalla Regione Lombardia
CANTONE
1 ora
Coronavirus, mascherine e disinfettanti introvabili anche in Ticino
Diverse farmacie del Luganese li avevano finiti già questa mattina. E non è dato sapere quando arriveranno nuove scorte
LUGANO
1 ora
Incentivi per le e-bike: tutte le informazioni
Ecco come effettuare la richiesta di contributo e chi ne può usufruire
CASLANO
2 ore
Ciclista a terra, la polizia cerca testimoni
Chi avesse assistito alla collisione o avesse informazioni in merito è invitato a telefonare alla Centrale d'allarme
FOTO E VIDEO
LUGANO
2 ore
Altro che psicosi coronavirus: in tanti alla risottata
La gente è accorsa numerosa alla classica risottata di carnevale organizzata in Piazza Riforma
BERNA / TICINO
2 ore
Coronavirus: la Svizzera prende provvedimenti supplementari
Le misure dovranno servire ad impedire o ritardare il più possibile un'ondata della malattia nella Confederazione
FOTO E VIDEO
LOCARNO
3 ore
Schianto all'incrocio. Disagi e un ferito
Sul posto Polizia e un'ambulanza del Salva
FOTO
CANTONE
3 ore
Lugano 2040: ci sposteremo con droni e bus su richiesta
È una riflessione che si pone come punto di partenza per definire il futuro del nostro territorio
CANTONE
4 ore
Una conserva artigianale su due presenta una caratterizzazione non corretta
Analizzate conserve alimentari artigianali. In un caso rilevata scarsa igiene
LUGANO
5 ore
Mettono in scena un incidente per truffare l'assicurazione
Quattro persone sono finite in manette. Una di loro deve rispondere pure di falsità in documenti
FOTO
CADENAZZO
5 ore
Una sostanza grigia in un canale
Sul posto i Pompieri per scongiurare un eventuale inquinamento
CANTONE / SVIZZERA
5 ore
Suicidi assistiti in crescita in Ticino
Il dato è in controtendenza rispetto alla Svizzera tedesca. Forte aumento in Romandia
LOSONE
7 ore
Cantiere in Via Mezzana, ecco quando parte
Iniziano a breve i lavori di sottostruttura che dureranno circa un anno
CANTONE
7 ore
I divorzi sono in aumento, soprattutto in Ticino
È quanto si evince dai dati provvisori per il 2019 dell'Ufficio federale di statistica
FOTO
ITALIA / CONFINE
7 ore
Coronavirus, quarto morto in Italia
Scaffali dei supermercati di nuovo pieni, ma latitano i disinfettanti. E c'è chi manifesta in dogana
MENDRISIO
8 ore
«Non spegniamo la passione per le stelle in vetta al Generoso»
Il gruppo Insieme a Sinistra e dei Verdi chiede al Municipio di intercedere per salvare l'osservatorio
FOTO E VIDEO
CONFINE
9 ore
Mercato del falso nel centro di Como
Sequestrati 650 capi d'abbigliamento contraffatti
LUGANO
10 ore
Le trappole del finanziamento facile
La trappola delle cauzioni per ottenere denaro che non arriverà mai.
FOTO
BELLINZONA
20 ore
Un corteo da record: oltre 25.000 spettatori
La tradizionale sfilata, cuore del carnevale Rabadan, è stata baciata dal sole. Podio tutto biaschese tra i carri
FOTO E VIDEO
BELLINZONA
22 ore
I Früsa Takia perdono il carro sulla via San Gottardo
Dopo avere partecipato al corteo, l’incidente di ritorno a Biasca
LUGANO
23 ore
La paura dei treni affollati. «Io lavorerò da casa»
L’effetto Coronavirus si fa sentire anche in alcune aziende ticinesi.
LUGANO
1 gior
Emergenza coronavirus, interpellanza anche alla Città
Il PLR chiede al Municipio se ha previsto delle misure per informare la popolazione e gestire eventuali casi di contagio
FOTO E VIDEO
BELLINZONA
1 gior
È iniziato il mitico corteo del 157esimo Rabadan
Fra Guggen, gruppi e carri un pomeriggio di festa (e baciato dal sole) in quel di Bellinzona
BELLINZONA
1 gior
Quanta adrenalina, prima del super corteo
È il momento clou del carnevale Rabadan. Il backstage delle ore che lo hanno preceduto
CANTONE
1 gior
Coronavirus: «Nessun caso sospetto in Ticino. Ma siamo pronti»
Lo riferisce il DSS. Domani il gruppo di coordinamento allargato deciderà se attivare nuove misure
LUGANO
1 gior
L'Arcobaleno splenderà anche sul bike sharing?
Il gruppo PPD e GG in Consiglio comunale propone di integrare il servizio nell'abbonamento per i mezzi pubblici
CHIASSO
1 gior
Volevano entrare in Svizzera con 225 chili di hashish. Arrestati
Le manette sono scattate per due cittadini stranieri. Entrambi residenti all'estero
CANTONE
1 gior
Coronavirus: «Servono informazioni chiare e puntuali»
Il gruppo parlamentare socialista ha interpellato il Governo ticinese sulla gestione di un eventuale focolaio in Ticino
CANTONE
1 gior
«Rassicurazioni poco credibili. Saremo pronti quando arriverà?»
Tiziano Galeazzi interpella nuovamente il Consiglio di Stato sul coronavirus. 19 domande a tutti i Dipartimenti
MENDRISIO
1 gior
Sono due gli infermieri dell'Obv sotto inchiesta
Oltre all'uomo accusato dell'omicidio di 17 pazienti malati terminali è indagata un'infermiera per tentate lesioni gravi
VIDEO
TORRICELLA-TAVERNE
1 gior
Treno diretto al Rabadan fermo in stazione
In (almeno) un vagone è partito l’allarme antincendio. Forse si tratta di «una bravata»
CANTONE / SVIZZERA
1 gior
«Nessuna limitazione all'ingresso»
L'Ufficio federale della sanità pubblica non intende intervenire alle dogane. «L'Italia segue la strategia comune»
CANTONE / SVIZZERA
1 gior
Coronavirus in Lombardia, Quadri pensa ai frontalieri
Il consigliere nazionale leghista si rivolge al Consiglio federale
FOTO
BELLINZONA
1 gior
Musica, divertimento e colori: sfilano 19 Guggen
Un bagno di folla ha accolto il tradizionale corteo
FOTO E VIDEO
CASLANO
1 gior
Ciclista a terra dopo un volo di alcuni metri
L'impatto è avvenuto con una Smart proveniente da Agno che stava svoltando a sinistra
FOTO E VIDEO
GIUBIASCO
2 gior
Tamponamento a catena a Giubiasco: 3 persone sono rimaste ferite
L'incidente è avvenuto a ridosso del mezzogiorno in Via Monte Ceneri, importanti disagi al traffico
FOTO
MORCOTE
2 gior
Fumo da una cantina a Morcote, polizia e pompieri sul posto
Il sinistro, non lontano dal carnevale comunale, sarebbe già stato risolto
FOTO E VIDEO
BELLINZONA
2 gior
Alterco finisce a pugni questa mattina al Rabadan
È successo sabato mattina attorno alle 10 in Viale Stazione, la polizia è in cerca del responsabile
CONFINE
2 gior
Voleva passare la dogana con 1,5 milioni in orologi
Fermato al Gaggiolo un cittadino italiano che stava andando a Parma per una fiera con un tesoretto nel baule
CONFINE
2 gior
Caso di coronavirus ricoverato al Sant'Anna di Como
È avvenuto nella notte al reparto Malattie Infettive, l'uomo si trova in buone condizioni di salute
VIDEO
BELLINZONA
2 gior
E così Piazza del Sole torna indietro negli anni Novanta
Grande serata con un foltissimo pubblico per gli Eiffel 65
FOTO E VIDEO
CANTONE
2 gior
Rivera: cade con la moto e si ferisce gravemente
Bloccata una corsia sulla A2 in direzione nord e chiusa l'uscita di Rivera almeno fino alle 11
FOTO
CONFINE
2 gior
Racchette di contrabbando fermate in dogana
La merce, dal valore di 13'000 euro, era stata acquistata in Ticino da un privato italiano che ora rischia grosso
FOTO E VIDEO
BELLINZONA
2 gior
Gli intrusi (mascherati) assaltano la stazione FFS
Al Rabadan coi mezzi pubblici? Un trend sempre più in crescita. Le mascotte di Tio/ 20Minuti lo hanno verificato
VIDEO
BELLINZONA
2 gior
Imboscata agli Eiffel 65 in hotel
Il mitico duo degli anni '90 si esibisce al Rabadan. La "non intervista" di Tio/20Minuti
RIVA SAN VITALE 
2 gior
Il missile di carnevale accende la polemica a scuola
Una rappresentazione in maschera viene interpretata come «discriminante». Il direttore: «Il messaggio era di pace»
CANTONE
2 gior
Coronavirus: «Se arrivasse in Ticino cosa succederà alle dogane?»
Tiziano Galeazzi interpella il Governo: «Opportuno monitorare la situazione con apparecchi specifici?»
CANTONE
2 gior
«Quale futuro per l'aeroporto?»
Prevedendo una bocciatura del credito cantonale Ghisletta e altri firmatari interpellano il Governo
CANTONE
22.10.2019 - 20:060

In bici al lavoro: «Un pieno di benzina adesso mi dura 4 mesi»

La proposta di Patrizia, che ha abbandonato l’auto per abbracciare il “bike to work”: «Sarebbe bello promuovere degli incentivi al chilometro». L'esperto: «Non dimentichiamoci della sicurezza»

LUGANO - Il tema dell'ecosostenibilità è più attuale che mai. In tutto il mondo si punta il dito contro le maggiori cause inquinanti e tra queste c'è, sicuramente, anche l'uso smodato di veicoli a motore.  Tra gli esempi virtuosi si possono contare coloro che scelgono la "mobilità green" anche per gli spostamenti quotidiani casa-lavoro. Come Patrizia, che da circa 2 anni Percorre la tratta Caslano-Bedano e ritorno sfruttando la sola forza delle sue gambe.  

«Ma con un piccolo aiuto», precisa. Patrizia, infatti, è tra i tanti passati alla bici elettrica. «L’idea è venuta a mio marito - spiega -. Lavora ad Agno. Dopo l’introduzione della tassa di collegamento l’azienda gli ha chiesto il pagamento del parcheggio. Ha deciso di passare alla bicicletta. “non spendo e prendo aria”, ha detto. E io ho seguito il suo esempio». 

Solo che per Patrizia il tragitto è meno breve: «Sono circa 24 chilometri al giorno. Ma la situazione era diventata insostenibile. Una volta, in auto, ci mettevo mezz’ora per fare 12 chilometri. Adesso ci vuole un’ora salvo imprevisti. Con la bicicletta in 30 minuti sono a casa». 

Da qui la decisione di passare all’elettrico. Senza però poter usufruire di nessun contributo per l'acquisto: «Purtroppo Caslano non rientra tra i comuni che prevedono incentivi in questo senso. L’attrezzatura completa mi è costata sui 3’000 franchi. Ma l’anno scorso sono riuscita a sfruttarla anche nei mesi invernali. Basta coprirsi bene. E poi ho la fortuna di avere vicina la ciclopista».

Il risparmio, così, si fa sentire: «Prima facevamo un pieno a settimana. Adesso ci dura anche 4 mesi». A tal proposito Patrizia si fa portatrice di un altro buon proposito, prendendo spunto dalla vicina Penisola, precisamente dalla regione Piemonte: «Si chiama "bike to work". Ti pagano i chilometri compiuti nel tragitto tra casa e lavoro. Ovviamente se usi la bicicletta. Precisamente, chi aderisce all'iniziativa può contare su 25 centesimi per ogni chilometro percorso».

Un'idea, questa, che vedrebbe bene anche in Ticino: «Lo trovo un progetto all'avanguardia. Spero possa stuzzicare la fantasia dei nostri politici... Chissà».

La parola all'esperto: 
Dello stesso parere è anche l'esperto di mobilità ed economia della bici, Alex D'Agosta: «Un'ottima proposta. Anche se per l'utente svizzero sarebbe forse più importante godere di uno scenario di maggiore sicurezza. Ricordiamoci che il desiderio di risparmio non è sempre prioritario quando si sceglie uno switch modale a favore della mobilità sostenibile».

«Ogni iniziativa "bike to work" è pregevole - aggiunge D'Agosta -. Ma bisogna fare un distinguo fra incentivi diretti e indiretti. A mio parere i fronti migliori su cui lavorare sono le organizzazioni datoriali o le autorità fiscali. Credo che i maggiori benefici si possano apprezzare con gratificazioni dirette in busta paga o defiscalizzazioni. Ne è un esempio virtuoso la Germania, leader in Europa per quanto riguarda il leasing delle biciclette, pagate per metà dal lavoratore e per metà dal datore di lavoro».

Commenti
 
Calotta Polare 4 mesi fa su tio
I TUOI vissuti sono appunto tali. Se li generalizzi mortifichi la discussione e il tuo contributo risulta inutile. Tutto qui. Il comportamento di alcuni ciclisti che descrivi sarà sicuramente reale ma non rappresentativo della categoria. Quindi ha il solo scopo di buttare fango su un mezzo (o il suo utente) che può e dico "può" essere una soluzione ad uno dei principali problemi attuali.
Curzio de Maria 4 mesi fa su fb
Vuoi una medaglia ?
Claudia Manna 4 mesi fa su fb
Articolo davvero poco esaustivo e decisamente un po' banale perché questo discorso è quasi ovvio per chi percorre un tragitto TUTTO piatto, come appunto in questo caso, oppure corto, quindi non vedo dove sìa la notizia....Francamente io non capisco perché chi può non lo faccia già da anni, o da sempre...Il problema in Ticino è la morfologia del Territorio. Chi abita in valle o fuori dai centri con affitti carissimi, cioè quasi tutti, non può fare questo discorso, o lo può fare con molta difficoltà, come si legge anche dai commenti. Fra l'altro nell'interessante proposta del Piemonte del "bike to work" nell'articolo non si dice nemmeno CHI darebbe questo rimborso al dipendente, perché con la malaimpresa che si è insediata in Ticino ed il reclutamento di parecchia manodopera dall'estero, se dovessero essere le aziende la vedo dura, visto che NON vogliono pagare gli spostamenti dei dipendenti, sennò mica avremmo tutto questo intasamento sulle strade. Questa dell'articolo è una soluzione per alcuni, per altri dovrebbe quasi essere obbligatoria, ma qua bisognerebbe risolvere il problema per TUTTI, obbligando cioè le aziende a provvedere al trasporto dei dipendenti e poi vedi come si dimezza il traffico!
Tato50 4 mesi fa su tio
Se prende in curva una lastra di ghiaccio il pieno gli dura 8 mesi ;-)
Calotta Polare 4 mesi fa su tio
@Tato50 He, che buffo.
Anna Rabogliatti 4 mesi fa su fb
ma che bella favola...brava principessa Patrizia!!ma facciamo qualcosa di concreto ,sarebbe ora anzi è già tardi
Giuseppe Caradonna 4 mesi fa su fb
Quartino-Grancia e Quartino- Arth-Goldau hanno gli stessi tempi di percorrenza, se facessero dei mezzi pubblici con dei criteri logici lascerei anche io la macchina a casa
Homer_Simpson 4 mesi fa su tio
Dovesse arrivarmi in ufficio o reparto vendita a contatto con la clientela un/una dipendente sudato/a perchè recatasi al lavoro in bici, il giorno dopo può andare sudato/a in bici all'ufficio collocamento!!! Voglio vedere una donna in tailleur andare in bici al lavoro sotto la pioggia o con 35 gradi..., o un uomo in giacca e cravatta...
Paolo Cappelletto 4 mesi fa su fb
Fa in tempo a marcire quella benzina
Elena Re 4 mesi fa su fb
Io sono fortunata e abito vicino al mio ufficio (Lugano su Lugano). Non ci sono i mezzi pubblici e onestamente mi piacerebbe tantissimo poter andare in bici a lavoro, ma dovrei fare degli stradoni che già mi vedo spiaccicata all'asfalto. 😥 Quindi mi armo di pazienza e mi faccio una bella passeggiata avanti e indietro tutti i giorni 😁 Certo che questi sono discorsi che hanno senso se il luogo lavorativo dista pochi km da casa oppure se non si deve raggiungere qualche collina etc. Sotto l'aspetto salutare, onestamente non so quanto faccia bene camminare/pedalare in mezzo al traffico e respirare tutto lo smog che la città offre.
Alex D'Agosta 4 mesi fa su fb
Grazie anche del suo commento. Si, la distanza è prioritaria. Per le colline però l'e-like dovrebbe bastare. Sul fronte salute ho una bella notizia. Di inquinamento ne "beccano" di più gli automobilisti in coda. Per la community dei ciclisti è noto da tempo, mentre ultimamente appaiono studi e articolo anche generalisti e autorevoli. Guardi questo articolo e si segni questa frase "cyclists have far less exposure to air pollution than drivers while traveling through traffic.": https://usa.streetsblog.org/2019/10/08/report-drivers-arent-safe-from-air-pollution/ Mi permetto di aggiungere infine che in una progettazione urbana ampia e ben fatta le piste ciclabili permettono inoltre di separare maggiormente il traffico veicolare dai pedoni, di conseguenza gli utenti più deboli guadagnano il "doppio" dalla presenza di più ciclisti. Più bici, meno auto e comunque meno inquinamento anche per la maggiore "distanza".
Elena Re 4 mesi fa su fb
Alex D'Agosta verissimo, ma al momento non mi sembra che esistano piste ciclabili 🤔 incrocio le dita per il futuro.
anndo76 4 mesi fa su tio
a prescindere che sia un articolo un po' sterile, mi viene da chiedere a Patriza : 1- costo della bici, 2° dove e' il risparmio se tieni comunque la macchina ? ( ci sono costi di manutenzione, assicurazione, deprezzamento, taghe etcetc ) per cui auto +bici elettrica a mio avviso hai aumentato costi e inquinamento ( forse non sa' il processo e le materie che servono a fare le batterie ) Lodevole comunque l'impegno, ma, come hanno scritto in molti, ci sono anche i "pericoli" ( molte volte causati dai ciclisti )da consiederare. NON esiste , ad oggi, un vero percorso ciclabile, per cui molti non optano ANCHE per questo motivo , ad abbandonae l'auto. Aggiungiamo poi : le distanze casa-lavoro- interperie varie neve , acqua, ghiaccio etc ) il NON potere ( per alcuni settori ) NON avere un abbigliamento da biker al lavoro..... Se sommo TUTTO , personalmente, NON vedo risparmi sia economici che di inquinamento, ALLO stato attuale. Anche se, ripeto, lodevole la SUA scelta ( probabilmente perche' puo' farla )
Paolo Mac 4 mesi fa su fb
Lodevole certo, ma io sono 30 anni che utilizzo la bici......che premio mi danno?
Sofi Dino 4 mesi fa su fb
Paolo Mac 😁👍🤗
Alex D'Agosta 4 mesi fa su fb
Paolo Mac è una bella domanda. Li deduce i 700 franchi nella dichiarazione? Sono molto pochi rispetto agli altri trasporti pubblici e privati. Mi batterò per ottenere benefici a riguardo a ogni livello.
Paolo Mac 4 mesi fa su fb
Alex D'Agosta gliene sarei grato😊
Litapeppino 4 mesi fa su tio
Adesso ho capito perché l'aria di Caslano e Bedano è migliorata, c'è Patrizia che va in bicicletta " elettrica ." Ma bisognava andare a dirlo al giornale con foto ? Scrivi che il risparmio si fa sentire, ma se hai speso fr. 3000 per acquistare una bicicletta ( non si sa il costo della bicicletta di tuo marito ) . Ci spieghi quanti hanni devi usarla per ammortizzare 3000 franchi, visto che dici che fai 12 km al giorno ? Non credo che fare 12 km al giorno sia poi un consumo spropositato di benzina. Prima che non c'era la bicicletta elettrica e bisognava pedalare, andavi in auto, giusto ?Ha ragione Milani, quando nevica, le strade sono ghiacciate, quando piove, come si fa in bicicletta. Per non dire di quegli idioti che creano seri pericolo con la bici elettrica, passano con il rosso, sui marciapiedi zizagando tra le persone senza rallentare, orgogliosi di essere ecologisti, con una bici che alla fine è come circolare con un motorino l'unica differenza che spinge elettricamente. Comunque tranquilli " ecologisti " presto arriverà la tassa anche sulla bici elettrica, i verdi e socialisti, aspettano che ve ne siano parecchi poi giu la tassa anche li. Questo stuzzichera' i nostri politici, vedrete piu avanti.
Igor Gogo 4 mesi fa su fb
beh, se lavori seduto ci puo anche stare... ma se hai la sveglia alle 6 del mattino e passi la giornata a fare lavori che pesanti.... non'e una grandissima idea....
Alex D'Agosta 4 mesi fa su fb
Igor Gogo buongiorno Igor, in realtà uno può anche svolgere un lavoro pesante ma desiderare di arrivare prima al lavoro evitando il traffico oppure arrivare più lucido oppure risparmiare qualche soldino oppure approfittare del tragitto per fare movimento o addirittura allenamento sono argomenti già consolidati da anni. La prego di contestualizzare il suo commento nell'articolo, che parlava di una scelta di bici elettrica. Se di buona qualità, annulla quasi del tutto la fatica quindi la variabile "lavoro pesante" non sussiste. Resta da valutare la distanza è difficoltà/pericolosità del percorso. Quello è il tema. In Ticino la sicurezza dei ciclisti è molto migliorabile. Guardi i commenti di tanti in questo post: I ciclisti vengono ancora disprezzati, invece andrebbero apprezzati e, anzi, valorizzati e rispettati ben di più rispetto agli utenti a motore.
Igor Gogo 4 mesi fa su fb
Alex D'Agosta mi scusi per la risposta, ma lei mi fa morire dal ridere.... venga lei a tirare cavi 5x50 e 5x95 PUR della lunghezza minima di 150m... mi dica se ha ancora voglia di andare e tornare in bicicletta.... saluti da uno che adora il propio lavoro ma non condivide le idee di chi non conosce il lavoro degli altri 👋👋👋
Alex D'Agosta 4 mesi fa su fb
Igor Gogo ma con quelle manine si sente superiore perché fa un lavoro pesante? Ha tutto il mio rispetto ma lei rientra nel caso tipico di chi giustifica i propri comportamenti magari migliorabili perché più facile rispetto a sforzarsi di cambiarli. Se invece non si sentisse superiore e decisse di ascoltare opinioni ma sopratutto fatti oggettivi che vengono riportati magari capirebbe qualcosa di più della situazione. Nessuno vuole dire che con la bici deve "peggiorare" la propria condizione di vita, anzi, si vuol far capire che migliora in una vastità enorme di aspetti rispetto all'auto SPECIALMENTE nei percorsi brevi. Comunque per carità, se fatica troppo di giorno magari non è in target, ci sono "n mila" molto pigri prima di lei. Importante che non faccia però solo pochissimi chilometri nel casa/lavoro per poi andarsi a chiudere in una palestra per ore e andarci in macchina sentendo la coscienza a posto.
Igor Gogo 4 mesi fa su fb
Alex D'Agosta io non mi sento superiore a nessuno... ho solamente detto che chi fa un lavoro "leggero" puo permettersi di andare in bicicletta...
Egzon Sadrija 4 mesi fa su fb
Igor Gogo e comprati sta bici!! 😂😂 se non fossi uno che si sveglia all’ultimo la comprerei 😂😂
Bryan D'Amico 4 mesi fa su fb
Egzon Sadrija lui le bici le ruba
Igor Gogo 4 mesi fa su fb
Bryan D'Amico poi le carico sullo sprinter del 97 e le smonto in magazzino
Fernando Romitelli 4 mesi fa su fb
Io io ...
Patrik Josef Gächter 4 mesi fa su fb
detrazione fiscale per chi va in bici e chi in machina, come è la situazione? a chi viene aiutato? altra domanda: avete notato il traffico aumentato da quando sono aperte le scuole? per non far camminare i bambini...
Gianluca Günther Dominici 4 mesi fa su fb
A me 4 giorni
shooter01 4 mesi fa su tio
quindi il suggerimento sarebbe che io dovrei andare in bicicletta da Chiasso a Lugano e i frontalieri in auto ? Per piacere.
Jozo Perkovic 4 mesi fa su fb
Per tutti quelli che dicono che è cara ci sono e-bike che costano molto meno, io la mia l'ho pagata la metà e la utilizzo tutti i giorni da più di 4 anni. Grazie alla bici ho potuto vendere una delle due auto che avevamo in famiglia, quindi meno tasse di circolazione, assicurazione, manutenzione, la benzina è solo una piccola parte del risparmio. Ovvio che chi abita lontano dal lavoro non può farlo e che ogni tanto bisogna uscire anche con temperature glaciali ma molto sta nel voler farlo, io ad esempio mi sono anche trasferito vicino a dove lavoro.
Alex D'Agosta 4 mesi fa su fb
Grazie della testimonianza. È tutto comunque relativo anche sul prezzo. Se la vediamo solo nell'ambito dell'insieme "mezzi di trasporto" un'ottima bici costa nella maggior parte dei casi, lussi a parte, decisamente meno di uno scooter. Con la differenza che la manutenzione delle bici si restringe a frequenti cambi di pastiglie e a rarissimi controlli meccanici, perchè non c'è granché "consumo" e l'usura è limitata prevalentemente a freni e pneumatici come per qualunque altro veicolo. Con la differenza che anche quei componenti costano decisamente meno rispetto agli equivalenti dei motore endotermico.
Jozo Perkovic 4 mesi fa su fb
Alex D'Agosta Io infatti in più di 4 anni ho cambiato solo le pastiglie e tra un po dovrò cambiare una gomma che ormai è consumata, una gomma la si trova a una ventina di franchi, le pastiglie circa 40.- con il montaggio. C'è da dire che faccio un tragitto dove riesco a frenare relativamente poco anche se c'è un bel discesone però molto scorrevole. Poi ognuno sceglie quello che meglio crede, io non felice così, niente code,niente problemi di parcheggi, niente preoccupazioni per radar (dove passo io spesso lo mettono) ed essendo appassionato di bici mi diverto! 🙂 La pecca più grande è la mancanza di ciclabili, capisco la mancanza di spazio però secondo me nelle città o dove il traffico è congestionato si dovrebbe fare in modo che le bici abbiano la precedenza sugli altri veicoli a motore, restringendo ad esempio la strada agli altri veicoli invece di eliminare le strisce della "ciclabile".
Alex D'Agosta 4 mesi fa su fb
Jozo Perkovic bravo, osservsxioni tutte corrette. Visto che lei è uno che ascolta mi permetto di aggiungere che nel suo racconto emergono anche gli aspetti di miglioramento di qualità della vita, che quasi tutti dimenticano.
Igor Petralli 4 mesi fa su fb
Che novità....
Mario Steinemann 4 mesi fa su fb
La soluzione è "semplice" : permettere più impieghi a lavorare una percentuale da casa tramite vpn. Molti impieghi del terziario è sufficiente un PC ed essere reperibili telefonicamente. Una buona fetta della settimana lavoro 2 metri dal mio letto 😁
castigamatti 4 mesi fa su tio
non posso certo presentarmi al lavoro con l'abbigliamento da bici... le aziende dovrebbero mettere a disposizione armadietti e docce per chi desidera pedalare o recarsi al lavoro a piedi...
Mattiatr 4 mesi fa su tio
@castigamatti Cosa intelligente sarebbe creare delle mini strutture (come i bagni pubblici per intenderci) dove si ha la possibilità di lasciare il veicolo in sicurezza, depositare il proprio materiale in armadietti e lavarsi per il lavoro. L'entrata sarebbe garantita da una chiave o una tessera magnetica che si ha a disposizione pagando un abbonamento. Alla fine non tutti i capi hanno la possibilità di creare docce o altri servizi, sopra tutto se sono in affitto. Questa struttura per città come Lugano o Bellinzona sarebbe un chiaro segnale di apertura alla mobilità lenta e quasi rivoluzionaria a livello nazionale.
Jonathan Busolini 4 mesi fa su fb
Non ci sono le infrastrutture.
Evelyn Cavalli-Caviezel 4 mesi fa su fb
Complimenti a chi va in bici, gli incentivi andrebbero comunque dati anche per l’acquisto di una bici non elettrica a mio parere.
Alex D'Agosta 4 mesi fa su fb
Ottimo punto, solo che le bici elettriche sono state considerate più universalmente risolutrici mentre su quelle "tradizionali", a seconda del tipo, sono viste in gran parte come oggetto di fitness e tempo libero, quindi più difficile da discriminare per un regolamento eventuale a riguardo.
Evelyn Cavalli-Caviezel 4 mesi fa su fb
Alex D'Agosta concordo con lei, Comunque sia viva la bici, con o senza elettricità 😀💪🏻💪🏻
Maurizio Roggero 4 mesi fa su fb
Spero possa stuzzicare la fantasia dei nostri politici?!?! Per carità non svegliamo il can che dorme!!
Alessandro Milani 4 mesi fa su fb
Bella la bici elettrica ma cmq..visto che con i prezzi che girano nn tutti possono permettersela.. vorrei poi vedere con la neve..acquazzoni vari ecc...poi visto che la bici eletrrica raggiunge facilmente i 30/40km/dovrebbero essere ecquiparate ad 1 motorino quindi targa ed assicurazione...poi parliamo anche dei ciclisti che fanno zig zag vanno sui marciapiedi...passano con il rosso..ecc..ecc..
Fabio Orlando 4 mesi fa su fb
Io sono due anni e mezzo che vado al lavoro a piedi, di conseguenza il mio pieno di benzina è durato due anni e mezzo 😜😜😜. #hovintoqualchecccosa?? 😂😂😂😂😂
Michel Resegatti 4 mesi fa su fb
Il ragionamento va bene se uno abita in città.Ma se uno abita a Cadro, Carona o Brè, o nell`alto Malcantone, ed in più ha 50 anni, che fa? incominciamo a fare auto con piccole cilindrate è 25-40 cavalli che bastano!
Gianni Berr 4 mesi fa su fb
Dovrebbero obbligare i frontalieri a venire in bici!
Joelle Piffe 4 mesi fa su fb
Ma lo capite che stare a più di 5km 7km dal posto di lavoro è da dementi! Con il traffico e i mezzi pubblici scadenti in ticino. Si inquina, si butta via tempo libero! Cambiate casa! Volere è potere. L'arugizia invece si compera????
Giancarlo Baffa 4 mesi fa su fb
Joelle Piffe che stupidaggine
Giovanni Abate 4 mesi fa su fb
Quanto è costata la bici?
Vincenzo Maresca 4 mesi fa su fb
3000chf..... un inezia insomma....😏
Nicole Delprete 4 mesi fa su fb
Ottima alternativa! È fattibile basta riconoscere le proprie esigenze e organizzarsi di conseguenza. Ci sono persone che usano la bicicletta elettrica nei mesi miti e caldi mentre i mezzi pubblici nei mesi freddi. Anche su tragitti come Brè-Lugano.
Vincenzo Maresca 4 mesi fa su fb
beh.....se non dovessi fare 70km tra andata e ritorno....e poi puoi farlo se stai seduto a una scrivania...chi deve lavorare davvero...dopo fatti 35km voglio vederti a fare 8 ore di lavoro duro....e dopo riuscire pure a tornare a casa....
Alex D'Agosta 4 mesi fa su fb
Caro Vincenzo, è un tema ripetitivo. 70km di A/R in bici nel casa/lavoro è ovviamente a portata di territori e culture più "attrezzate" con infrastrutture ciclabili addirittura "veloci" e meglio se con la possibilità di utilizzare le e-bike di ultima generazione da 45 km/h. Non si pone il problema. Se si risolvesse in modo sostenibile un traffico di lunghezza inferiore ai 5 (C-I-N-Q-U-E, non 35 km) di pendolari di Lugano, avremmo fra il 60 e le 70% di auto in meno. Però ad esempio Lugano è in Svizzera la seconda "bandiera nera" nell'utilizzo dei mezzi pubblici e la rete ciclabile è ancora di livello "inclassificabile" poiché del tutto "a macchia di leopardo" e concretamente molto corta. Questi sono i temi caro mio.
Vincenzo Maresca 4 mesi fa su fb
le e-bike sono come le auto elettriche....una fregatura....inquinano diversamente anche se non si vede....e per quel che riguarda i mezzi pubblici....da bellinzona a bioggio facendo i turni 6:00/14:00 14:00/22:00 e 22:00/6:00 non esiste nessun treno o autobus che mi farebbe arrivare in orario o poter tornare a casa almeno nel 50% dei casi.....secondo te ho tanta voglia di rottamare un auto ogni 5 anni perche' la sfondo di km? oltre a ampliare le corse....andrebbero ridotti i prezzi almeno della meta'....perche' facendo 2 conti con l'auto che ho tra andata e ritorno consumo meno di 3 litri di gasolio....voglio vedere se esistono biglietti che rientrano in quella fascia di prezzo per fare bellinzona bioggio/bioggio bellinzona.....
Palmira Bianchi 4 mesi fa su fb
Vincenzo Maresca ma andare ad abitare nei dintorni di lugano/bioggio?
Vincenzo Maresca 4 mesi fa su fb
Palmira Bianchi eh....trovare un 4.5 con garage piu' posto auto esterno e lavanderia gratis a 1500 come il mio ......solo un sogno....ho cercato e continuo a cercare....ma mi sono rassegnato che non trovero' mai un altra occasione simile....
Alessio Nesurini 4 mesi fa su fb
Vincenzo Maresca chi deve lavorare davvero... Come se il cosiddetto lavoro intellettuale non valesse nulla! Chi ti dà la paga? Chi ti gestisce i soldi? Chi ti gestisce il telefono?
Silvano Giulini 4 mesi fa su fb
Vincenzo Maresca aldilà dei costi eccessivi sicuramente, il calcolo va sicuramente fatto sulla durata di vita del veicolo, benzina, assicurazione, targhe, gomme, collaudi, prezzo di acquisto (con costi annessi) ... credo che se tieni conto una linea temporale di 5 anni con gli ammortamenti su un auto modesta da 20k chf (nuova) stando stretti ti costa 3500 l’anno (benzina targhe assicurazioni...) su 5 anni significa 17500 + l’acquisto = 37500
Vincenzo Maresca 4 mesi fa su fb
Alessio Nesurini sai..quando uno lavora con le braccia e le gambe se si fa 35km prima tra salite discescese e pianure poi voglio vedere se ce la fa....chi sta seduto ad una scrivania non compie lavoro fisico...e quindi anche se si stanca x andare a lavorare con la bici poi sta seduto e non deve alzare pesi.....impara a capire quello che scrive la gente...
Vincenzo Maresca 4 mesi fa su fb
Silvano Giulini certo ma come ho specificato non esiste una corsa che mi faccia arrivare in orario al lavoro da dove abito....io sono praticamente obbligato ad andarci in auto....
Alessio Nesurini 4 mesi fa su fb
Vincenzo Maresca capisco ciò che scrive la gente, ma: - tu sei stato alquanto offensivo verso chi fa un lavoro diverso dal tuo - conosco persone che vanno a lavorare in bici sebbene facciano un lavoro più fisico e non avendo più 20 anni
Polifemo 4 mesi fa su tio
Al di là del tema ecologico che condivido al 100%, ma chi pensa di poter andare in bici in una campana di vetro sulle nostre strade è un illuso. Con tutto il rispetto, non si riesce a creare delle corsie preferenziali per i mezzi pubblici a causa della mancanza di spazio e vogliamo creare piste ciclabili dedicate e blindate? 2 volte illusi... Ciò che veramente manca è il rispetto tra tutti gli utenti delle strade, nessuno escluso! Quanti ciclisti non rispettano il codice della strada, quanti automobilisti non lasciano libero il lato destro, quanti scooteristi eseguono gimcane allucinanti tra il traffico? Carissimi, le regole e le convenzioni servono appunto per creare maggiore sicurezza nella convivenza di tutti i giorni. Poi ognuno è libero di scegliere...
Dany Rose 4 mesi fa su fb
David Rodriguez Canales
Tristano 4 mesi fa su tio
Si, idea ottima., ma prima di tutto biaogna cdeare le piste ciclabili perché il trafgixo motorizzato ti sfiora ed è pericoloso. Troppo! Soprattutto negli orari di punta. Vado anche io in bici e spesso non mi sento sicuro.
dan007 4 mesi fa su tio
In Cina c’erano migliaia di biciclette all era comuni sta oggi solo capitalismo e inquinamento
Manuel Marioni 4 mesi fa su fb
Buon per lei. Mica è l’unica.. Caslano- bedano è quasi tutto in piano e non è lontano, capisco per il traffico. Se fai 30 km andare e 30 tornare salita discesa e curvoni è tosta in bicicletta se ci metti 40 minuti in macchina..
Alex D'Agosta 4 mesi fa su fb
Manuel buonasera. Mi pare sia molto meno della metà, purtroppo però con pochi chilometri veramente fuori dal traffico o in sicurezza su strade asfaltate. Si tratta di un "asse" molto promettente che meriterebbe interventi veloci!
Manuel Marioni 4 mesi fa su fb
Alex D'Agosta si io intendo la mia tratta 30 km. Chi ha la fortuna di lavorare vicino a casa ed è fattibile in bicicletta ben venga! Soprattutto su quella strada tra Lamone e ponte tresa che in certi orari è una coda infinita
Alex D'Agosta 4 mesi fa su fb
Già, una spina nel fianco che con la mobilità sostenibile (bici e treno, insieme) può risolversi ma l'altro aspetto sono i tempi: la burocrazia ha dei tempi un po' sconfortanti.
Manuel Marioni 4 mesi fa su fb
Alex D'Agosta per quello qua da noi ne deve passare ancora parecchia di acqua sotto i ponti..
Alex D'Agosta 4 mesi fa su fb
Mi consenta un'altra metafora: deve cambiare il vento. Finché le autorità riterranno sempre più strategica l'auto per qualunque spostamento, allora si che i progressi andranno a rilento. Oggi la mobilità sostenibile viene si considerata, ma non ancora perfettamente (e velocemente) attuata per mancanza di una vera visione COMUNE E CONDIVISA.
rubinuvi 4 mesi fa su tio
Dato il tenore e l’inutilità di molti commenti: redazione... delle agevolazioni per far rifare la prima elementare a parecchie persone?
Fabi Etto 4 mesi fa su fb
Brava. Io invece una bell'auto 🇺🇸.
Alessandra Rocca 4 mesi fa su fb
Che bello! Ma l’attuabilità dipende dalla presenza delle piste ciclabili Io abito a Besso da luglio e con la bici elettrica trovo comunque pericoloso il tragitto centro-casa perché le automobili e i bus vanno come se i ciclisti fossero trasparenti....
Alex D'Agosta 4 mesi fa su fb
Cara Alessandra, complimenti per lo sforzo: in effetti la copertura del suo quartiere è perfino scarsa nelle pianificazioni a lungo termine, mentre le strade per scendere sono particolarmente complesse oppure lunghe. Sarebbe preferibile quasi scendere da Massagno, se la tua destinazione finale fosse abbastanza "orientale".
Alessandra Rocca 4 mesi fa su fb
Alex D'Agosta si lo so e lo faccio ma per arrivare in centro allungo del doppio del tempo
Alex D'Agosta 4 mesi fa su fb
Alessandra Rocca me ne rendo conto. In effetti logica vorrebbe percorsi ideali ciclistici più corti ma se si compromette la sicurezza meglio allungare un po'.
Alessandra Rocca 4 mesi fa su fb
Alex D'Agosta assolutamente
Alessandra Rocca 4 mesi fa su fb
Io passo da massagno e poi vado giù verso civico/ Trevano
Offro & Cerco Lavoro in Svizzera 4 mesi fa su fb
Sarebbe la soluzione ideale per fare anche sport... come dire utile e dilettevole
Photoartjuse Switzerland Landscape 4 mesi fa su fb
🤣
Saskia Melissa 4 mesi fa su fb
Ho fatto pee diversi anni Mendrisio - Lugano in bici. Dopo un incidente causato da un buco nel manto stradale e per via di una crescente sensazione di insicurezza a causa del traffico motorizzato troppo spesso troppo poco rispettoso (sorpassi nelle rotonde, sorpassi ravvicinati, sorpassi x poi subito svoltare a dx,...), alla fine ho rinunciato. Servirebbe l'infrastruttura giusta per le biciclette usare come mezzo di trasporto: corsie separate sia dalla strada, che dal marciapiede, separate x direzione.
Alex D'Agosta 4 mesi fa su fb
Grazie della testimonianza. Si, lungo direttrici così sature non c'è dubbio che occorrono strutture dedicate. Ma dove non possibile, occorrono "provvedimenti" restrittivi, maggior sensibilizzazione e sanzioni particolarmente deterrenti e regolari.
Mirco Zabot 4 mesi fa su fb
Non mi sembra che i Ciclisti siano dei Santi! Passano dove non possono, passano con il rosso, circolano uno di fianco all'altro, ecc.! Da sanzionare ci sono entrambi i comportamenti e sarebbe ora che i Conducenti di Biciclette paghino una Tassa annuale per l'utilizzo della Strada e una piccola assicurazione oltre a fare un corso piccolo di sensibilizzazione al traffico!
Saskia Melissa 4 mesi fa su fb
Signor Mirco Zabot, i ciclisti pagano le imposte, come lei. Non quelle della circolazione, ma non credo nemmeno che siano le bici a rovinare l'asfalto. O lei credo di sì? E tra il comportamento spiacevole di alcuni ciclisti e quello di alcuni automobilisti, c'è comunque un'importantissima differenza: il ciclista non rischia la vita di nessun innocente con i suoi malfatti. Semplicemente perché il primo a lasciarci la pelle sarebbe lui stesso.
Saskia Melissa 4 mesi fa su fb
e la RC bici c'era fino ad alcuni anni fa, ma è stata abolita in quanto non più necessaria (tutti o quasi hanno già la RC privata che copre pure eventi in bici).
Mirco Zabot 4 mesi fa su fb
Saskia Melissa Delle volte ci rimettono le pelle per colpa loro, oltre che a rovinare la vita di chi li prende!
Saskia Melissa 4 mesi fa su fb
Conosco molta gente che ha subito infortuni in bici, ma non portava la colpa x essere stati investiti. Un classico un auto che svolta a dx subito dopo un sorpasso, un altro essere investiti da una macchina che venendoti incontro, svolta a sx e "non ti vede". L'unica loro colpa era di trovarsi in strada in bici, mentre secondo le auto la strada è solo di loro. Un caso in cui un ciclista è stato investito x colpa propria non lo conosco. Comunque me lo deve ancora far vedere il ciclista che si mette in pericolo volontariamente!
Mirco Zabot 4 mesi fa su fb
Saskia Melissa Molto semplice lo fa già passando con il Rosso o circolando in gallerie a lui chiuse! Non affermo che i Conducenti di Veicoli a Motore siano dei Santi, ma nemmeno i Ciclisti lo sono!
Paolo Mac 4 mesi fa su fb
Saskia Melissa E S A T T A M E N T E!👏🏻👏🏻👏🏻👍🏻👍🏻👍🏻
Paolo Mac 4 mesi fa su fb
Mirco Zabot però gli incidenti peggiori per i motivi più svariati ( alcool, disattenzione, uso del cellulare), li causano gli automobilisti.... che sono molto più indisciplinati dei ciclisti!
Mirco Zabot 4 mesi fa su fb
Paolo Mac Ho i miei dubbi su chi sia più indisciplinato! Che facciano più incidenti non centra con il fatto che siano più indisciplinati!
Saskia Melissa 4 mesi fa su fb
a cosa serve allora la disciplina, se non punta a evitare incidenti?
Paolo Mac 4 mesi fa su fb
Mirco Zabot mah i dubbi....anzi no, le certezze le ho io! Non credo inoltre si possa paragonare il numero di ciclisti con quello degli automobilisti Aggiungerei che a volte, la presunta indisciplina dei ciclisti non è altro che un modo x evitare la pericolosità del percorrere le nostre strade!
Saskia Melissa 4 mesi fa su fb
Chiaro, anch'io mi arrabbio se vedo un ciclista a crepuscolo inoltraro senza fari... per di più sono ragazzi, che non hanno mai imparato a muoversi in bici.... Dove sono cresciuta io, a 10 anni tutta la classe ha dovuto dare un esame pedalando in città e nella preparazione agli esami venivano insegnate le regole x andare in bici. Ma qua queste regole sono sconosciute... Soprattutto tra gli automobilisti che ti suonano se nella rotonda circoli in mezzo alla corsia o se al semaforo passi la colonna ferma sulla dx, mettendoti davanti a tutte le auto....
Saskia Melissa 4 mesi fa su fb
E quello che dici sempre che servirebbe: Tutti gli automobilisti, PRIMA di ottenere la patente, dovrebbero essere costretti a usare per due settimane la bicicletta x gli spostamenti quotidiani, soprattutto negli orari di punta. Sono sicura che il rispetto rivolto ai ciclisti aumenterebbe immediatamente.
Mirco Zabot 4 mesi fa su fb
Soluzione Piste Ciclabili cosi' noi Automobilisti non rompiamo più i coglioni a voi e voi non a noi!
Marko Vucic 4 mesi fa su fb
Dipende anche che lavoro fai..uno che lavora sul cantiere tutto giorno vorrei vedere se sale sulla bici dopo lavoro!!!!!
Alex D'Agosta 4 mesi fa su fb
Ha ragione, non si ha la pretesa che risolva TUTTI i problemi. Ma la prima barriera è psicologica, non fisica, ci pensi bene!
Filippo Mattei 4 mesi fa su fb
Io lavoro in cantiere e vado in bici...
Pepperos 4 mesi fa su tio
Tutto soggettivo
Mauro Mantovani 4 mesi fa su fb
Io vado con un maggiolone del 74 della volkswagen, problemi?
Sandrini Sirio 4 mesi fa su fb
A voi buonisti dell'ecologico vi metterei un sacco in spalla e per tutto il giorno vi farei trasportare legname e sassi. Ganase inquinate più voi con.le scorregge che fate sotto sforzo che un autocarro della prima guerra 🤣🤣🤣
Silverio della Rosa 4 mesi fa su fb
E il pieno di grappa?
Alex D'Agosta 4 mesi fa su fb
Garantito se arrivi a Cima Grappa dalla Cadorna senza mettere il piede a terra!
Quattropassi Roger 4 mesi fa su fb
Con la e-bike faccio Brissago-Bellinzona quasi tutti i giorni! Niente coda, niente problemi di posteggio e nelle ora di punta ci metto praticamente lo stesso tempo, tanto di guadagnato per il morale, oltre a far qualcosa per la mia salute! Comunque è fattibile senza troppi problemi, basta organizzarsi... tutto dipende dai chilometri che bisogna fare, dai dislivelli e dalla possibilità di fare la doccia/lavarsi all’arrivo.
Alex D'Agosta 4 mesi fa su fb
Grazie, bel contributo. -> le docce all'arrivo sono un gran tema nei paesi dove c'è già "tutto il resto", per il momento qua sarebbe gradito almeno accontentarsi di: - percorsi più continui e sicuri; - luoghi sicuri dove poter lasciare la bici e avere la (quasi) certezza di ritrovarla
Quattropassi Roger 4 mesi fa su fb
Alex D'Agosta percorsi sicuri e continui è un bel tema... la mia esperienza di tragitto mi permette di affermare che comunque anche le ciclabili non sono fatte per i ciclisti! Spesso sono miste (pedonabili o a bordo strada), interrotte da stop ridicoli o interrotte del tutto (basterebbe poco per renderle più scorrevoli) e malpulite (soprattutto d’inverno quando non ci sono i turisti).
Quattropassi Roger 4 mesi fa su fb
anche il comune di Brissago non prevede alcun incentivo! Laspesame la sono fatta al 100% a mio carico!
Alex D'Agosta 4 mesi fa su fb
Quattropassi Roger caro Roger, il problema è che all'interno dell'apparato pubblico ci sono degli ottimi tecnici che realizzano progetti formalmente ineccepibili e magari anche architettonicamente belli, SALVO poi dimostrare CARENZE INTANGIBILI sulla reale FUNZIONALITÀ. Io da tempo mi sto battendo per la necessità di integrare una figura di esperto che dia pareri vincolanti in tante tematiche che riguardano la mobilità lenta e il suo esempio cade a pennello.
Alessandro Ale Marra 4 mesi fa su fb
io dovrei fare 10km in mezzo a valli, e lavoro di notte dalle 22.30, penso posso andare solo il primo giorno, dopo dovrebbero fare delle ricerche, per trovarmi :-) é bello avere idee scontate, chiaro che se abiti in città e lavori di ufficio ed orari di ufficio,
Stefano Brambilla 4 mesi fa su fb
Complimenti.. Niente da dire. Considerando però La spesa x acquistare la bici, 3000cbf,considerando una media di 1.50chf al litro di benzina avrebbe percorso 30.000km in auto... Cioè 3 anni di lavoro... 🤔😜😝
Alex D'Agosta 4 mesi fa su fb
Caro Stefano, scherzi a parti, visto che le piace fare i conti, le faccio notare che per arrivare a fare 30.000 km con 3000 chf ha supposto che un'auto compia 15 chilometri al litro in media, mentre qua si sta parlando di sostituire l'auto per distanze corte nel traffico, dove si può presumere un consumo ben superiore, forse anche doppio. Però le cito alcuni vantaggi che ha dimenticato, ne cito solo alcuni e non necessariamente in ordine di priorità, molto soggettive: - guadagno di salute (si tratta sempre di un'attività fisica, anche se alleggerita); - guadagno di tempo sul percorso (su corte distanze, anche se questa è la nota dolente del territorio: con percorsi SICURI E CONTINUI, con auto che procedono a 13/17 km/h in media, una e-bike potrebbe percorrere anche altre 21/22 di media e su un tracciato che "teoricamente" dovrebbe essere più corto. quindi potrebbero perfino arrivare anche a DIMEZZARSI) e annullamento tempo della ricerca del parcheggio; - maggior concentrazione nel lavoro/studio -> maggior felicità e "lucidità"; - minor esposizione all'inquinamento (rispetto all'auto in coda, meglio se su corsie dedicate e anche grazie a percorsi alternativi alle dorsali trafficate)
Paolo Bianchi 4 mesi fa su fb
😂😂😂😂 .....e l'auto la regalano come pure le assicurazioni e i servizi dal meccanico,....
Stefano Brambilla 4 mesi fa su fb
Alex D'Agosta assolutsmente... Il mio era un calcolo simpatico, niente di che... Era solo per dire che con il costo di una ebike con l'auto andava avanti almeno 2 anni.... Avesse preso una bicicletta normale il costo era ridotto e più ammortizzabile...intendo nel mero soldo.... Salute e quant'altro sono il primo a dire che ha fatto benissimo... Potessi, lo farei pure io
Giuseppe Faretra 4 mesi fa su fb
Distanza ?
Antonio Scettri 4 mesi fa su fb
Fantastica idea per me fare Chiasso-Basilea-Zurigo-Chiasso in un giorno in bici. Potrei buttare via l'abbonamento generale del treno. Devo solo scegliere se fare l'andata via S. Gottardo e il ritorno via S. Bernardino.
nerone 4 mesi fa su tio
Io sono una persona anziana anche volendo in bici non ci posso andare..... punto. E molte altre persone sono nelle mie condizioni.... nessuno vieta alla signora di andare al lavoro in bici...ma da qui a far passare che questa è la soluzione , come tra le righe si anela a far credere ce ne passa.... un po' come quelli che credono di risolvere i problemi di traffico nei centri commerciali con i mezzi pubblici.. infatti tutti andiamo all' Ikea a cosa operare una poltrona e ce la mazzoliamo sul bus ma per piaseeeeeee nonfacciamo ridere i sassi con proposte assurde.
Calotta Polare 4 mesi fa su tio
@nerone In realtà è una delle possibili soluzioni, non capisco il tuo fastidio. Una delle possibili. Punto. Non riesco a leggere in nessun punto che tutti gli anziani dovrebbero andare al lavoro (sempre che lavorino) in bici o che chi compra un armadio all'IKEA ci debba andare in bus. È incredibile come riusciate a fare polemica con opinioni altrui magicamente cristallizzate dal vostro immaginario.
Blobloblo 4 mesi fa su tio
Quanta negatività vedo nei vostri commenti!?!? Bici...stazione...treno...bici!!! Se la strada è troppa!! Un po’ di quella roba dai!!! Io vado tutti i giorni con il monopattino elettrico... 4 km circa...treno...1,5 km.... senza code ne stress
nerone 4 mesi fa su tio
Belle idee e parole. Io infatti voglio la pace nel mondo.... libera di dare quello che vuole ma non puo' pretendere che la soluzione che va bene per lei vada bene per tutti e soprattutto sia attuabile per tutti.... come ho detto io vorrei la pace nel mondo.....par piaseeeee basta con queste boutades da canvetto di persone che credono di poter salvare il pianeta con rimedi alla willy coyote.....
Calotta Polare 4 mesi fa su tio
@nerone Ma perché ti innervosisci? Non ha detto che debba essere la soluzione per tutti. Può essere la soluzione per alcuni, molti, diversi. Non mi pare ci sia motivo di polemica. È sicuramente un'ottima soluzione per chi la può attuare. Chi non può stia pure tranquillo.
Pedraita Maurizio 4 mesi fa su fb
Fai Carena (Morobbia) - Bellinzona e ritorno, la molli subito la bici 🙄
Paulo Ferreira 4 mesi fa su fb
Pedraita Maurizio dai Pedro prova te la bici kkkkk dopo Me dice come va
Pedraita Maurizio 4 mesi fa su fb
Paulo Ferreira lè düra🤣
Paulo Ferreira 4 mesi fa su fb
Pedraita Maurizio te credo 😂😂😂😂
Lorenzo Rega 4 mesi fa su fb
Pedraita Maurizio o Riva San Vitale-Pollegio...😬
Alex D'Agosta 4 mesi fa su fb
Caro Maurizio, lei cita un percorso meravigliosamente piacevole e godibile dal punto di vista paesaggistico e sportivo. Come tanti in questa discussione, anche lei cade della "trappola" di non concentrarsi sugli spostamenti dove la bici andrebbe "prescritta", cioè quelli più corti. Come lei tanti citano casi "estremi". A cosa serve sminuire, non vi porta da nessuna parte. È chiaro che salire a Carena in bici sia un gesto "sportivo": qui però si tratta di eliminare la pigrizia di persone che usano l'auto nonostante spostamenti corti e brevi assolutamente "possibili".
Pedraita Maurizio 4 mesi fa su fb
Lorenzo Rega almeno elettrica😎
Pedraita Maurizio 4 mesi fa su fb
Alex D'Agosta la rendiamo obbligatoria allora? I "trappoloni" scatteranno invece quando inizieranno a infilarci le mani in tasca con balzelli in nome dell'ecologia, incentivi niente per ora, quei pochi che c'erano li hanno ridotti
Alex D'Agosta 4 mesi fa su fb
Ma che discorso è il suo, finalizzato esattamente a dimostrare cosa? Il problema di base è che ci sono TROPPE auto in circolazione. Convincere le persone a usare l'auto senza abusi è sacrosanto, ma non vuol dire penalizzare gli spostamenti o il lavoro: si dice semplicemente di cercare di non eccedere in una libertà privata che costa MOLTO alla società per via dello spazio occupato, del traffico generato, della salute in peggioramento e dei soliti "n" problemi che conoscono in tanti.
Pedraita Maurizio 4 mesi fa su fb
Siamo in troppi😎... e anche l'ecologia è finalizzata a fare soldi... a palate
Alex Polli 4 mesi fa su fb
Alex D'Agosta che ci sia un abuso nell'utilizzare l'auto in determinate situazioni ok ma guardate che buona parte degli spostamenti non sono eccezioni. Quante persone vivono in zone periferiche con lavori che non permettono di utilizzare i mezzi pubblici? Togliamo pure alcune centinaia di casi dove l'auto non sarebbe necessaria ma l'incidenza sul problema sarebbe comunque molto bassa se si eliminassero questi casi
gluvi 4 mesi fa su tio
Bela fadiga , tuta piata e pista ciclabile Comunque brava
Daniela Sofia Battaglia 4 mesi fa su fb
Brava 👍
Benedetto Craco 4 mesi fa su fb
Contro proposta 🤮mezzi pubblici e treni locali a gratis visto che sono delle regioni e dello stato e quindi finanziati dal popolo .
Claudia Ranzanici 4 mesi fa su fb
Vinc-Enza Carrera 👍
Patty Medaglia 4 mesi fa su fb
Sarei ben felice di avere il lavoro vicino casa per poterci andare in bici...
Davide Franchi 4 mesi fa su fb
Patty Medaglia io dovrei farmi Roveredo-Montreux, meglio il veicolo aziendale 😂
Elena Re 4 mesi fa su fb
Davide Franchi Uh che bella Montreux 🥰
Davide Franchi 4 mesi fa su fb
Elena Re veramente, fantastica
Katia Alessi 4 mesi fa su fb
Dipende dove devi arrivare. Se fai la mia zona non duri! 🥵😭🤢
Giovanni Jovy Giacomini 4 mesi fa su fb
Katia Alessi anch'io ho trovato l'alternativa.....posso risparmiare anche di più 8...9 mesi...... Oooooo mi raccomando domani vieni a prendermi per andare a lavoro......🤣🤣🤣🤣
Katia Alessi 4 mesi fa su fb
Giovanni Jovy Giacomini ahahahah allora sci🤦🏻‍♀️😂😂😂
Luca Rino 4 mesi fa su fb
Io vado in scooter, è un mese che non faccio il pieno!!!
Giorgio Ferraro XIv 4 mesi fa su fb
Se lavori a pochi passi ok
Stefano Marotta 4 mesi fa su fb
Si ma non gasatevi...vi sono quelli che scelgono la bici e subito scatta l'ironia, siete incredibili Chiaro che per distanza o pesi da trasportare il discorso cambia!! Dovrebbero riflettere quei personaggi che per fare 1 kilometro per andare in ufficio utilizzano il 5000 di cilindrata
Mirco Zabot 4 mesi fa su fb
Stefano Marotta Conosco chi va dal Cova a Milano con 10 Cilindri ed é la persona più felice del mondo e fa bene a farlo! Lo farei e lo faccio anche io e farei e faccio bene!
Stefano Marotta 4 mesi fa su fb
Mirco Zabot qualcuno dice di non farlo?!?! Io rispetto di più chi ha iniziative di questo tipo e stop
Mirco Zabot 4 mesi fa su fb
Stefano Marotta Come mai dovrebbero riflettere? non devono! Come chi va in Bici!
Stefano Marotta 4 mesi fa su fb
Mirco Zabot dovrebbero riflettere ma non ci spero troppo, parere MIO PERSONALE e qui concludo...
Mirco Zabot 4 mesi fa su fb
Stefano Marotta Ma riflettere di cosa? Per me devono riflettere quelli che usano la Bici allora!
Stefano Marotta 4 mesi fa su fb
Mirco Zabot il mio discorso è appunto per quelli che non ci "arrivano", che hanno problemi di comprendonio...😊
Mirco Zabot 4 mesi fa su fb
Stefano Marotta Tipo quelli in Bici? 😂
Stefano Marotta 4 mesi fa su fb
Mirco Zabot adesso ne ho la certezza....😂😂😂😂
Mirco Zabot 4 mesi fa su fb
Stefano Marotta Non ne sarei tanto sicuro! 😂
Alex D'Agosta 4 mesi fa su fb
Peccato la vostra discussione sia finita nel nulla. Purtroppo, quando si scende nel "fanatismo", vien voglia di lasciar perdere. Stefano, sono tanti in questa discussione che tirano fuori casi assurdi. Manca in effetti una cultura di base. Il ciclista viene ancora visto come un ostacolo, come un fastidio. C'è tantissimo margine di miglioramento ma deve essere fatto con forza e volontà pubblica.
Stefano Marotta 4 mesi fa su fb
Alex...quando la gente non ascolta e non si forza di capire un concetto così elementare ,di regola,smetto di parlare(o di scrivere )😉 Il tuo discorso è perfetto, è anche un po’ il mio👍non ho approfondito anche perché se no mi “saltava”il match di Champions alla tele😁
Vincenzo Maresca 4 mesi fa su fb
quando andavo a scuola l'istituto che frequentavo distava 3km....e me li facevo a piedi....quindi non sono il tipo che non vuole camminare o usare la bici...ma quando fai l'operaio e devi farti 35km all'andata e 35 al ritorno....e fare pure 8 ore di lavoro...voglio proprio vedere quanti ci andrebbero in bici....
Stefano Marotta 4 mesi fa su fb
Vincenzo Maresca il mio primo commento l'ho forse scritto in Arabo?!?! Se lo rilegga per favore...
Myriam Tognetti 4 mesi fa su fb
Ma sì dai....da Chiasso a Lugano, con inizio turno alle 6.30...che vuoi che sia...? Una passeggiata.... 😆😅
Maurizio Lamberto Rapisardi 4 mesi fa su fb
Casa lavoro casa lavoro Nn usi la macchina vendila.. ..nn esci mai con la famiglia.. Mah che brutta vita in ticino
Neil Nussbaum 4 mesi fa su fb
Christian Fiorina quasi come te 1 pieno 4 mesi 😂😂😂
Christian Fiorina 4 mesi fa su fb
Neil Nussbaum hahahaha sicur da mi ie 4 pieni al mes😂
Neil Nussbaum 4 mesi fa su fb
😂😂😂
Hasan Karabašić 4 mesi fa su fb
Amici amici e poi ti rubano la bici
Luca Davì 4 mesi fa su fb
Che bike to work.... qui bisogna mettere una penale a chi assume personale oltre un tot di km!!! 🤷🏻‍♂️
Alessio Nesurini 4 mesi fa su fb
Luca Davì allora chi mi ha appena licenziato avrebbe preso millemila multe
David Meyerhans 4 mesi fa su fb
Gli abitanti nelle valli possono tanto morir di fame a sto punto...
Valentina Massaro 4 mesi fa su fb
Da 2 anni da qnd ci siamo trasferiti ad Agno mio marito tutti i giorni va al lavoro a Manno in bici
Alberto Pera 4 mesi fa su fb
Valentina Massaro beato!!!
Valentina Massaro 4 mesi fa su fb
Alberto Pera beh più o meno perché ha bucato 3 volte
Alex D'Agosta 4 mesi fa su fb
Valentina Massaro cara Valentina, intanto complimenti e grazie per averlo reso noto. Bucare in bicicletta fa parte del gioco. Le faccio presente che da un lato se ci fossero piste ciclabili ben realizzate, potrebbero essere anche pulite adeguatamente, mentre spesso si procede invece a bordo strada, congenitamente più "sporco". Infine c'è l'aspetto tecnico. Le gomme da bici a prova di foratura praticamente non esistono, anche se in realtà stanno tornando di "moda" delle ruote "piene" ma morbide, consigliabile però soprattutto a bike sharing e noleggi. In un'orizzonte di 20 anni comunque forse il mondo delle bici diventerà tutto "tubeless" con mescole ancora più resistenti delle attuali. Già oggi ci sono pneumatici molto resistenti, ma costano non poco.
Valentina Massaro 4 mesi fa su fb
Alex D'Agosta infatti la tratta agno Manno la maggior parte nn e una vera pista ciclabile anche se e segnalata come tale
Alex D'Agosta 4 mesi fa su fb
Valentina Massaro non è comunque tanto un problema di "autenticità" e corrispondenza a modelli di riferimento più virtuosi o spaziosi: l'utente dovrebbe aspirare in primis alla sicurezza e alla continuità, sperando che gli vengano evitati troppi incroci e rallentamenti. Ecco, spesso manca la logica della "qualità" dei percorsi , ma ancora di più la "cultura" nel realizzarli veramente BENE per il REALE BENEFICIO DELL'UTENZA.
Pierfrancesco Ferrari 4 mesi fa su fb
Hööööö che scopertona in Ticino! La bici per andare a lavorare, ma noooo...
Alessio Nesurini 4 mesi fa su fb
Certi commenti a sproposito... Ma è chiaro che lo spostamento deve essere sensato! Chi in bici e chi con i mezzi pubblici
Christian Rossini 4 mesi fa su fb
Alessio Nesurini anche tu sei ecologico
Alessio Nesurini 4 mesi fa su fb
Christian Rossini eh cert
Christian Rossini 4 mesi fa su fb
Greta di uno
Alessio Nesurini 4 mesi fa su fb
Christian Rossini ahahahah
Tommaso Berletti 4 mesi fa su fb
Alessio Nesurini io i mezzi pubblici li guido... come faccio andare a lavoro quando esco io a fare la prima corsa oppure faccio l’ultima? La macchina mi serve quindi. Fare Echallens - Moudon andata e ritorno sono quasi 50 km e non sono pianura. Diverso discorso è fare avanti e indietro dal Ticino visto che fino a un certo punto mi considero un pendolare e come conducente su linee Carpostal ho anche agevolazioni varie pure per il treno
Alessio Nesurini 4 mesi fa su fb
Tommaso Berletti appunto ho scritto “sensato”
Tommaso Berletti 4 mesi fa su fb
Alessio Nesurini mi è uscita la battuta ma se vuole cancello.
Deborah Deby 4 mesi fa su fb
Io se non lavoro,cammino volentieri, vado in bici. Ma andarci in bici la vedo dura,e tornare a casa alla sera pure,tralasciando che non abito in pianura e in auto ci metto 30 minuti.
Alex D'Agosta 4 mesi fa su fb
Cara Deborah, quando si parla di e-bike anche la salita non è più un problema (intende per caso Tesserete? Almeno fino a Canobbio dispone di una pregevole pista ricavata da un ex sedile ferroviario). E se i 30 minuti sono in colonna lenta, in bici potrebbe impiegare meno tempo. Per arrivare a questo, c'è bisogno di avere però migliori infrastrutture!
Fran 4 mesi fa su tio
Provate voi a muovervi in bici dal Gambarogno a Locarno. O anche solo a Cadenazzo. Riazzino. Il puro suicidio.
Fran 4 mesi fa su tio
Non è che le bici con le loro batterie che devono essere ricaricate tramite elettricità, non siano inquinanti. L'elettricità infatti... come viene prodotta ????eeeh. Cmq. Di recente ho seguito una ragazza che viaggiava sulla e-bike, da notare senza casco: andava a 45h, rigorosamente sul MARCIAPIEDE ad Ascona! Con i famosi motorini si andava a 30h con l'obbligo del casco, e soprattutto sulla STRADA! Senza parlare degli e-bike rowdi's anziani che ti sorpassano a palla da dietro (passeggiata Tenero-Burbaglio!!) e senza avvisare con questi marchingegni silenziosi e velocissimi. Non ci sono regole! In Italia le bici che ti si avvicinano da dietro usano il.... CAMPANELLO! Qui invece gli e-bikisti sono un orda di prepotenti e maleducati che fanno il casso che li pare. Tanto, avete mai visto un Polotto che multa un ciclista in contromano, o con e-bike sul marciapiede , o la notte senza luce (!!)? Io no!
Calotta Polare 4 mesi fa su tio
@Fran Io sono ciclista quando uso la bici, automobilista quando vado in auto, pedone quando sono a piedi. Vedo incoscienti, arroganti e maleducati in ognuna di queste tre categorie. Ma altrettante persone sensate (o ancor di più). La tua generalizzazione è semplicemente inutile al fine della discussione.
Lore62 4 mesi fa su tio
@Fran Ciao Fran, dipende sempre da come produci l'elettricità, visto che continuiamo a perdere tempo com le rinnovabili, lo sai che se in Svizzera ogni superficie abitativa, aziendale o altro, fosse coperta da pannelli fotovoltaici, si produrrebbe energia superiore a quella consumata dall'intero paese? Solo per casa tua, saresti autosufficiente e potresti anche accumularla per ricaricare la tua Tesla... Riguardo le ebike, lo sai che in molti paesi all'estero si vendono di SERIE a 2400Fr (e vanno a ruba), ebike che fanno ben 80km/h? E pensa che NON sono obbligati ad avere, patente, casco, o targa! Unico obbligo l'assicurazione RC!! Da questi paesi siamo derisi dal fatto che ci vogliono 3000 fr. per una bici da 25 orari con il "pedelec"(ca..ta pazzesca), che non riesce nemmeno a superare un piccolo dislivello (tipico del nostro territorio)se non con l'aiuto umano!! Da parte mia invece incontro molti pedoni che camminano appaiati sbarrando la ciclopista, e quando suono il campanello, saltano in aria, e poi mi guardano male...vedi un po' tu...
Fran 4 mesi fa su tio
@Calotta Polare E chi saresti TU per decidere se il mio contributo è utile o inutile? La mia non è una generalizzazione, ma una descrizione di vissuti MIEI in questo caso. Anche io sono ciclista, automobillista, e pure pedone. Ma in bici IO avvicinandomi a dei pedoni, aziono il campanellino, giusto per rispetto proprio nei confronti del... pedone. Per cui, non arrogarti il diritto a decidere chi porta dei contributi validi come il tuo :-))))) o il mio, ok, tesoro! Risparmia il fiato per contribuire in modo costruttivo piuttosto tu, ok ;-)))
Bayron 4 mesi fa su tio
Fuori testa!!
Mirco Zabot 4 mesi fa su fb
Le maggiori cause dell'inquinamento non sono di certo i Veicoli, informatevi! Globalmente incidono per il 14% meno di produzione di energia elettrica, settore Industriale e alimentare! Se proprio bisogna fare qualcosa per i Veicoli ci sono i carburanti e combustibili sintetici! Basta con sto lavaggio del cervello! Tra valvole EGR, Catalizzatori, ecc. i Veicoli per l'ambiente hanno fatto fin troppo occupatevi di altri settori! Vi ricordo che i Veicoliper molti non sono solo un mero mezzo di trasporto, ma anche una passione, lavoro, ecc.! Anche se non ci fossero più Veicoli a Motore l'inquinamento resterebbe più o meno invariato, proprio perché non sono una delle cause di maggiore responsabilità!
Alex D'Agosta 4 mesi fa su fb
Ne è proprio sicuro? Migliora si la tecnologia ma se si continua ad aumentare numero e massa di automobili non si fa molta strada per l'ambiente. Dia un'occhiata qui, è sempre bene parlare con numeri alla mano... https://www.bikeitalia.it/2019/10/22/i-suv-producono-piu-co2-dellindustria-pesante-di-tutto-il-mondo/
Garage Mariotti 4 mesi fa su fb
Mirco Zabot 👍
Mirco Zabot 4 mesi fa su fb
Alex D'Agosta Già la fonte mi da dei dubbi! La mia proviene da Greenhouse e in Europa le Auto incidono per il 6%, 9% per Greenpeace!
Alex D'Agosta 4 mesi fa su fb
Mirco Zabot anche i suoi dati sono (molto) attaccabili. Tanti soggetti interpretano a piacere o semplicemente si limitano a citare solo determinanti inquinanti. Per andare troppo fuori tema, la correggo con un 30% che viene dalla World Health Organisation, quindi in quanto ad attendibilità non si può dire nulla... "Transport is a significant and growing contributor to particulate air pollution exposures. Road transport is estimated to be responsible for up to 30% of particulate emissions (PM) in European cities and up to 50% of PM emissions in OECD countries – mostly due to diesel traffic" https://www.who.int/sustainable-development/transport/health-risks/air-pollution/en/
Mirco Zabot 4 mesi fa su fb
Alex D'Agosta Lei pero' adesso scrive di emissioni di Particolato, non di CO2! Comunque secondo uno studio il 52% di emissioni di PM10 proviene dal consumo dei Freni e Pneumatici! La fonte inoltre é del 2012, il valore potrebbe essere cambiato nel corso degli anni, come nelle mie di fonti! La sua fonte di prima era attaccabile in quanto si chiama bike italia, favorevoli probabilmente alle biciclette e ad una mobilità sostenibile! Greenpeace non é tanto amica dei Veicoli e Greenhouse suppongo sia neutrale! Non interpreto a piacere semplicemente non mi fido di una fonte come quella per quel/i motivi!
Alex D'Agosta 4 mesi fa su fb
Caro Mirco, è dal 2001 che mi occupo di mobilità e le posso tirar fuori tutte le statistiche e i grafici che vuole. Mi perdoni se nella fretta ho tirato fuori altro dato, oggi ho fatto 700 km in treno e mi si incrociano gli occhi. Ci aggiorniamo a domani o anche in privato, se vuole, senza problemi. cordialmente.
Mirco Zabot 4 mesi fa su fb
Alex D'Agosta Nessun problema! Come scrivevo in studio ci sono anche Carburanti e Combustibili sintetici che abbassano le emissioni sembrerebbe non solo di CO2! Affermo fermamente che i Veicoli non sono il problema maggiore di questo mondo lo sono ben altri settori e che misure contro di essi non salveranno il mondo! Ma se proprio si deve fare qualcosa ci sono appunto questi Carburanti e Combustibili che citavo prima!
Alex D'Agosta 4 mesi fa su fb
Mirco Zabot lei afferma fermamente... da persona molto "di parte", le manca la visione obiettiva e generale del problemi. Non passerà un giorno per perdere la dipendenza dai "fossili" senza dubbio. Si tratta di smetterla di NEGARE il problema. Il suo è un atteggiamento molto pericoloso e che la storia ha già ampiamente verificato in varie occasioni. I trasporti, terrestri e molto anche quelli marittimi, sono una GROSSA FETTA del problema e incidono direttamente sulla qualità della vita delle persone. Non solo per il fattore inquinamento atmosferico, ma anche per altri enormi effetti collaterali particolarmente evidenti. Se volesse informarsi meglio sono a disposizione.
Mirco Zabot 4 mesi fa su fb
Alex D'Agosta Dal punto di vista della CO2 ne emettono il 14% globalmente stando a Greenhouse, mentre gli altri inquinanti non lo so di preciso, so che il PM10 emesso dai Veicoli proviene per il 52% dal consumo di freni e pneumatici! Se prendessero piede i combustibili e carburanti sintetici questi effetti collaterali sarebbero ridotti in maniera significativa! Un problema altrettanto grande sembrerebbe essere il consumo di carne che risulta essere cancerogena, oltre che il fumo passivo e attivo delle persone, un altro problema sono i riscaldamenti basti vedere Milano: i blocchi dei Diesel avvengono sempre d'inverno e stranamente i valori di PM10 non si abbassano, dimostrazione che a Milano il grosso problema non sono i Veicoli ma i riscaldamenti! Da appassionato di Motori, io ho portato una soluzione appunto Carburanti e Combustibili sintetici che presentano molti vantaggi rispetto a quelli fossili! I Veicoli tra Catalizzatori, FAP che sembrerebbe essere più dannoso per quello che serve, Valvole EGR, Centraline, ecc. hanno già ridotto questi inquinanti in maniera significativa! Come mai invece centrali a carbone, centrali a gasolio, ecc. non devono contribuire su niente? Il problema dell'inquinamento ed effetti collaterali dei Motori, va secondo me diviso in Settori vale a dirsi: Emissioni di C02 dove essi non sono responsabili in maniera significativa, emissioni di PM10 e PM 2.5 dove lo sono e si puo' intervenire e altri inquinanti, come intervenire? Con Veicoli che funzionano appunto con i Carburanti prima citati, con la sostituzione dei componenti dei freni e pneumatici, ecc.! Petizioni per carburanti e combustibili sintetici ne sono state lanciate una di queste chiede alla F1 di cominciare ad uttilizzarli a partire dal 2025, un'altra chiede alla Svizzera di investire più risorse in essi!
Maria Walther 4 mesi fa su fb
Poi chi ci pensa a coloro che sono vicini all’età di pensionamento e magari non sono mai andati in bicicletta.
Palmiro Salvati 4 mesi fa su fb
Ma gli appassionati di automobilismo,dove sono finiti
Val Caste 4 mesi fa su fb
Non tutti lo possono fare 🌿🌺🌿🌿tutte misure con il sale 🧂 sulla coda 🌿🌿
Luisa Patà 4 mesi fa su fb
Lo farò anche io se avrei strade pianeggianti , e molto meno chilometri da fare! Lo farei davvero volentieri!
Maria Walther 4 mesi fa su fb
Luisa Patà ti credo io ho cessato ad andare in bici a causa del traffico motorizzato. E non sono neanche le macchine che mi fanno più paura ma le moto.
Alessio Nesurini 4 mesi fa su fb
Luisa Patà “lo farei se avessi”
Stefano Belotti 4 mesi fa su fb
ti voglio vedere alzarti tutte le mattine alle 6 e andare sopraceneri da viganello e tornare alle 16 trenta dopo 8 ore trenta di lavoro ma lavoro non scrivania a scusa ne non avevo letto caslano bedano che fadiga hahaha
Alex D'Agosta 4 mesi fa su fb
Caro Stefano, in effetti è bene precisare che l'obiettivo di migliorare la mobilità ciclistica quale protagonista (ma non unico strumento) della sostenibilità si intende principalmente sostituire l'auto per quell'enorme quota di spostamenti urbani o suburbani particolarmente corti, anche sotto i 5 km, che sovente sono 2 a volte perfino meno di 1. Nel suo caso no, non sarebbe consigliabile anche nel migliore dei casi perchè servirebbero infrastrutture ciclistiche per traffico "ad alta velocità" (quindi per s-pedelec da 45 km/h) che si stanno costruendo principalmente in Germania e Benelux.
Stefano Belotti 4 mesi fa su fb
Alex D'Agosta ok ma allora specificate una bella idea per tragitto corto e orari comodi in quel caso ok se no non sta in piedi ne a livello fisico ne orari e il tempo neve acqua eccetera
Alex D'Agosta 4 mesi fa su fb
Stefano Belotti caro Stefano, io non ho scritto l'articolo, mi è stato chiesto solo un parere molto breve. Si, è giusto come dice lei: quando si parla di trasporto urbano, la bici al momento si consiglia solo su distante brevi e medie, anche se ci sono paesi più virtuosi che si stanno attrezzando per rendere confortevoli anche i pendolari a due ruote di percorsi abbondantemente sopra i 15 o anche 30 chilometri per tratta.
Treccani Danilo 4 mesi fa su fb
Sandrini Sirio 4 mesi fa su fb
Giusto perfetto, io domani devo andare a prendere una paletta di mattoni sui 6/700 kg. Vi aspetto con le bikers.
Alex D'Agosta 4 mesi fa su fb
Caro Sirio, vedo ilarità nei commenti. Non si ha la pretesa certo di sostituire le macchine dove hanno permesso di risparmiare tanta fatica e salute all'uomo. Nel suo caso è difficile trovare "beneficio". Ma le faccio presente che oggi ci sono bici cargo che superano il quintale di carico e, in alcuni casi, anche i 2 quintali. Ovviamente sono sempre da considerare per spostamenti di distante corte o medie.
Sandrini Sirio 4 mesi fa su fb
Alex D'Agosta bici sicuramente elettriche e con una buona batteria al Litio vero?? Allora prima di parlare di ecologia vada a informarsi bene da dove si ricava il Litio e tutto il necessario x fare una batteria ? Naturalmente questo materiale viene procurato nelle cave in Sud Africa dove lavorano centinaia di Boldozer e escavatori che l'Europa vende a questi paesi del terzo mondo visto che da noi non sono più utilizzabili perche' inquinano troppo.Per poi non parlare del loro smaltimento. Si informi bene prima di parlare di ecologia le garantisco che un veicolo a diesel degli anni 70/80 inquina molto meno. Ma questo le lobby del mercato non ne parla. Per voi Non inquinano perche' dalla batteria mon esce il fumo. Complimenti !!
Hans Bandi 4 mesi fa su fb
Sandrini Sirio Mentre il suo smartphone va a pedali vero?
Alex D'Agosta 4 mesi fa su fb
Sandrini Sirio le sue garanzie non sono suffragate da alcun numero, io invece sono perfettamente in grado di dimostrarle che la batteria delle bici elettriche è certamente un "tema", ma è (del tutto) accettata dal mercato e anche dai "migliori" ecologisti in quanto i benefici sono TALMENTE GRANDI che la contropartita dell'impatto ambientale di una piccola batteria per e-bike è quasi "trascurabile".
Pedraita Maurizio 4 mesi fa su fb
Alex D'Agosta ah si? Si inizia a parlare di mercato allora, i veri "affari" dell'ecologia
Sandrini Sirio 4 mesi fa su fb
Alex D'Agosta per fortuna che qualcuno ci crede ancora 🤣🤣
Alex D'Agosta 4 mesi fa su fb
Sandrini Sirio le consiglio un migliore inquadramento spazio temporale. Non è che qualcuno ci crede Ancora, qui siamo di fronte a "n" problemi urbanistici da affrontare e la bici può avere parte di meriti. E poi bisogna finirla con l'assenza di comprensione delle reali e dimostrate opportunità per il commercio e l'industria del turismo.
Hans Bandi 4 mesi fa su fb
Pedraita Maurizio Caro Maurizio, guadagnare con le buone idee non è peccato!
Alex D'Agosta 4 mesi fa su fb
Pedraita Maurizio con molta calma, qua non siamo a spingere la vendita di bici. Quelle fra l'altro vanno già molto bene da sole o quasi, anzi ci si sta preoccupando del calo delle vendite di bici muscolari. Il problema è che lei sembra non voler capire e accettare che andare in bici è anche e sopratutto Bello. Lo diceva già Hemingway: "non hai un ricordo tanto accurato del paese che hai attraversato in macchina come ce l'hai passandoci in bicicletta".
sedelin 4 mesi fa su tio
idealmente é un bel mondo ma non tutti hanno la possibilità di usare la bici. la configurazione del paesaggio non permette a chiunque di pedalare in pianura. per la cronaca: oggi ho rischiato di investire una ciclista idiota che mi é sbucata davanti attraversando le strisce pedonali (rosso!) . oca!
Laika1 4 mesi fa su tio
@sedelin Bravo ben detto !!! Vogliono la bici per fare gli ecologisti e poi non osservano il traffico e tagliano a destra e sinistra come se niente fosse!!! Poi se li investi è ancora colpa nostra degli automobilisti!!!
Calotta Polare 4 mesi fa su tio
@sedelin Infatti, nessuno dice che lo debbano fare tutti. Chi può bene, chi non può, non riesce o non vuole, bene comunque. Nessuna necessità di polemica. Per la cronaca: oggi ho rischiato di essere investito mentre attraversavo le strisce pedonali da un'autista idiota che guardava il suo cellulare mentre ero già sulle strisce. oca!
sedelin 4 mesi fa su tio
@Calotta Polare certo, le oche sono ovunque. il problema con i ciclisti - non tutti ma una grande fetta - é che spadroneggiano prepotentemente senza rispettare il codice stradale: passano con il rosso, vanno sui marciapiedi e scampanellano per far spostare i pedoni, sbucano all'improvvviso e si immettono sulla strada senza guardare, attraversano le strisce pedonali senza preoccuparsi del traffico, pedalano in mezzo alla strada a 20 all'ora. non ti pare troppo?
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-02-24 16:42:12 | 91.208.130.85