Ti-Press (archivio)
La società finanziaria è stata al centro di un crack da 131 milioni di franchi.
LUGANO
18.09.2019 - 07:270

La parola fine sul caso Sogevalor

I creditori non presenteranno ricorso contro la sentenza di proscioglimento dei vertici della società finanziaria

LUGANO - Si chiude la lunga ed intricata vicenda penale sorta attorno alla Sogevalor, la società finanziaria di Via Nassa al centro di un crack da 131 milioni di franchi tra il 1998 e il 2004.

Lo studio legale che ha rappresentato i creditori della società ha infatti annunciato che non presenterà ricorso contro la sentenza d’Appello che lo scorso mese ha prosciolto Otto Carl Meier e Giorgio Bernardoni, rispettivamente presidente e vice presidente della finanziaria luganese. Lo anticipa il Corriere del Ticino.

Una «fine amara», ha commentato l’avvocato Paolo Bernasconi. L'ultima sentenza ha infatti detto che non vi è possibilità di stabilire la responsabilità degli amministratori in quanto la contabilità non esiste più.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-05-30 08:11:19 | 91.208.130.86