Archivio Tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
BELLINZONA
28 min
Un 1. Agosto «contingentato» con Alain Berset
Chi primo arriva meglio alloggia per l'evento aperto alla popolazione, ma a numero chiuso per l'emergenza Covid.
CANTONE
1 ora
«Paghiamo le riaperture. I casi? Cresceranno ancora»
Le previsioni del direttore dell’Epatocentro Ticino, Andreas Cerny: «Troppo preso per parlare di ondata "benigna"»
CANTONE
1 ora
Un progetto per vivere il territorio, al via InTicino
L'idea è partita da tre giovani ticinesi, con l'obbiettivo di valorizzare il proprio territorio e i produttori locali
BELLINZONA
2 ore
Girava con l'erba, bloccato dagli agenti
La polizia ferma un uomo in Viale Stazione. Interrogatorio davanti a decine di presenti.
SAVOSA
4 ore
L'estate passeggiando con Scollinando
Ecco il prospetto per (ri)scoprire il territorio lungo i percorsi presenti nel comprensorio
AIROLO
6 ore
«Chiarezza sulla nostra opposizione»
"Basta tralicci sulle nostre montagne". Parla il presidente dell'associazione Luca Bolzani.
LOCARNO
7 ore
Piano particolareggiato: approvate le modifiche al Centro storico e urbano
Queste costituiscono importanti strumenti della pianificazione territoriale di un comparto di pregio
BISSONE
7 ore
Operaio ferito questa mattina a Bissone
Sarebbe stato schiacciato dal materiale usato per i lavori.
CANTONE
8 ore
Contagi sotto la decina nel weekend
Colpisce il numero delle ospedalizzazioni: il 50% di coloro che sono stati trovati positivi
MASSAGNO
8 ore
Massagno: le finanze vanno meglio del previsto
Il consuntivo 2019 presenta un avanzo d'esercizio di oltre 265'000 franchi
CANTONE
23.08.2019 - 07:000

Vuole fare il volontario: ma il curatore gli mette limiti

La vicenda di un cinquantenne bellinzonese, attivo nei City Angels, riapre il dibattito sulle persone sotto tutela. Fino a che punto si può spingere l’autorità?

BELLINZONA – Fa il panettiere per l’OTAF, beneficia di una rendita di invalidità. E nel tempo libero fa il volontario per i City Angels di Lugano. O meglio, vorrebbe farlo nel modo a lui più congeniale. Solo che il suo curatore, la persona che gli gestisce le finanze, gli mette il freno. «Mi viene imposto il volontariato solo al weekend – dice il cinquantenne, residente nel Bellinzonese – il motivo? Il mio curatore sostiene che altrimenti non sarei lucido sul lavoro. In più mi vieta le trasferte, sempre per volontariato, in Italia».

Voglia di un mestiere “normale” – La storia del nostro interlocutore è travagliata. Nel 2005, dopo il divorzio dalla moglie, da cui ha avuto due figli, è vittima di una grave depressione. Viene messo sotto tutela e ricoverato alla clinica psichiatrica di Mendrisio. «E pensare – dice il cinquantenne – che fino a quel momento la mia vita lavorativa era stata lineare. Io ora vorrei uscire dall’invalidità. Vorrei tornare a fare un mestiere “normale”».

Complimenti sul lavoro – L’uomo è parecchio abbattuto. Perché, parole sue, l’attività con i City Angels lo gratifica. «E mi piace fare i servizi serali anche in settimana. Sul lavoro mi hanno fatto anche i complimenti per questo. Non vedo perché il mio curatore debba decidere come occupare il mio tempo libero».

Un contributo importante – Giuseppe Modica, responsabile dei City Angels, rincara la dose. «La persona in questione con noi si trova bene. Dà un contributo importantissimo. E per le spese non ci sono assolutamente problemi, perché noi aiutiamo sempre i membri del nostro gruppo che si trovano in eventuali difficoltà economiche».

Le preoccupazioni del curatore – Tio/20minuti ha interpellato il curatore del cinquantenne. Per capire come è possibile che una persona venga limitata in un’attività di volontariato. «Io non sono contrario al fatto che lui faccia volontariato – ribatte – ben venga. Il problema si pone quando lo fa in settimana. Perché col suo mestiere si deve alzare presto. Non vorrei che ci fossero scompensi».

Le trasferte in Italia – Poi si parla delle trasferte in Italia. «Non si tratta tanto di spese. Ma del fatto che se dovesse succedergli qualcosa in questi frangenti ci sarebbero delle ripercussioni a livello di rendita AI. È una delle mie principali preoccupazioni. Questa è l’unica entrata che gli permette di vivere decorosamente. Non dimentichiamoci che il signore in questione è sotto cura psichiatrica».

Il farmaco sospeso – Già, lo psichiatra. Il cinquantenne da qualche mese ha deciso spontaneamente di non prendere più farmaci. Un fatto che preoccupa, e non poco, il curatore. «Si trova in una situazione di euforia, in cui pensa di potere fare tutto ciò che vuole. Nel suo caso specifico, non va bene. Io mi devo attenere agli ordini dei medici».

L’appello – Di tutt’altro avviso, Modica. «Da quando il nostro volontario ha smesso di prendere quei farmaci, lo troviamo più lucido e più attivo. Al di là di questo, chiediamo alle autorità, ai medici e al curatore maggiore flessibilità affinché il nostro amico non venga limitato in un’attività che gli fa bene e che gli piace. Qui trova affetto e amicizia».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-13 18:10:53 | 91.208.130.86