tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE / STATI UNITI
5 min
Notte travagliata per la New Orleans Jazz Orchestra e Nicolas Gilliet
CANTONE / BERNA
16 min
«Serve un rapporto sull’efficienza dell'Ministero Pubblico della Confederazione»
BEDRETTO
38 min
Il Passo della Novena è di nuovo aperto
CANTONE
39 min
Legge sugli aiuti allo studio, l'MpS ne chiede lo stralcio
CENTOVALLI
2 ore
Lavori notturni estesi fino alla stazione di Verdasio
CANTONE / ARGENTINA
11 ore
Blackout in Argentina, ma non a... Ticino
CANTONE
11 ore
Sisa: «Borse di studio: più soldi, ma anche più debiti?»
CANTONE
12 ore
Ecco i nuovi docenti della scuola ticinese
CANTONE
15 ore
Palpeggiò una disabile, frate a processo
BELLINZONA / BIASCA
17 ore
Rissa sul treno e volano bottiglie: «Abbiamo avuto paura»
LOCARNO
17 ore
Controlli al Fashion 2Shé: «Perché le guardie di confine?»
CANTONE
17 ore
Nominati tre vicedirettori alle scuole professionali
MEZZOVICO-VIRA
18 ore
Consuntivo positivo per il 14° anno consecutivo
BRUSINO ARSIZIO
18 ore
Il Consuntivo fa l'unanimità
CANTONE
18 ore
Addio ad Antonio Snider
BELLINZONA
13.06.2019 - 06:000
Aggiornamento : 14.06.2019 - 09:41

Che combina Caritas? Va a caccia dei vecchi donatori

La curiosa segnalazione arriva da Dario Zanetti, ex comandante della polizia comunale della capitale: «Sono infastidito». Ma ecco cosa si giustifica il portavoce Fabrice Boulé

BELLINZONA – «Sono infastidito. Fino a qualche anno fa donavo volentieri a Caritas 20 franchi all’anno. Poi ho smesso per motivi personali. Ora mi arriva una lettera in cui mi cercano soldi. Lo trovo inopportuno». La segnalazione arriva da Dario Zanetti, ex comandante della polizia comunale di Bellinzona. Altri ticinesi hanno ricevuto la stessa richiesta. Che succede a Caritas? Forse l’eccessiva concorrenza sta spingendo l’organizzazione a fare pressioni sui potenziali donatori, andando a recuperare anche chi donava in passato e ora non lo fa più? Di certo il “mercato” è sempre più spietato. Recentemente organizzazioni benefiche come Helvetas o Medici senza frontiere hanno lanciato raccolte fondi addirittura tramite call center. Ne abbiamo parlato direttamente col portavoce di Caritas Svizzera, Fabrice Boulé.

State effettivamente cercando di recuperare alcuni ex donatori?
Curiamo costantemente il legame con i nostri donatori privati. Rappresentano un tassello prezioso che contribuisce a garantire in gran parte la nostra indipendenza dai finanziamenti della Direzione della cooperazione e dello sviluppo o da altri enti pubblici.

Finanziamenti che tendono a diminuire.
Stiamo quindi ricontattando le nostre donatrici e i nostri donatori che non hanno più versato un contributo negli ultimi due anni per capire se ci sono cose che possiamo migliorare, se adempiamo correttamente alla nostra missione, se riusciamo a mantenere la loro fiducia.

Alcuni sembrano non avere gradito.
In generale queste persone apprezzano il nostro gesto. E coloro che non vogliono più essere contattati ce lo dicono apertamente.

Questa situazione è dovuta a un calo globale di donazioni negli ultimi anni?
In Svizzera c’è una elevata propensione a donare. Le donazioni private hanno registrato un forte aumento tra il 2016 e il 2017, mentre nel 2018 sono rimaste complessivamente stabili. Non possiamo quindi parlare di una diminuzione delle donazioni per quanto ci riguarda.

Oggi sono tantissime le associazioni e fondazioni che chiedono soldi. Ora anche via call center. Per Caritas c'è una grossa "concorrenza". Quanto vi pesa?
Per quanto la popolazione in Svizzera possa essere generosa, il Paese è piccolo e attira le ONG internazionali che hanno notato questa propensione alle donazioni. Tale dinamica rafforza ulteriormente la concorrenza già di per sé accesa. Dobbiamo intensificare ancora di più i nostri sforzi e dare ulteriore prova della qualità del nostro lavoro.

Quale è la situazione attuale di Caritas Svizzera e su quali progetti sta lavorando? 
La nostra situazione finanziaria è ottima. In un’organizzazione di questa portata, le decisioni che prendiamo sono di natura strategica e frutto di una pianificazione, proprio come nel settore privato. Come reso noto alcune settimane fa, il nostro impegno nell’ambito della cooperazione internazionale sarà limitato, ma nulla è cambiato in termini di aiuti umanitari.

Dunque?
In Svizzera e nel mondo, Caritas è sinonimo di lotta alla povertà. Rimaniamo attenti alle politiche federali, cantonali e comunali in questo settore, agiamo sul campo e influenziamo il dibattito pubblico. 

Commenti
 
beta 6 gior fa su tio
Cestinare e problema risolto .
mary50 6 gior fa su tio
rispondo a ginoarrotino. ho fatto la tua esperienza a Pollegio, Chi mi nomina il nome di Cartitas Ticino....le loro richieste vanno direttamente nei rifiuti. Mi permetto di dire che son dei veri mangia soldi a scapito di persone disoccupate. Ho gia' detto il mio parere su questo sito a un'altra domanda e mi hanno risposto sei disoccupata e ti lamenti... non hai voglia di lavorare saluti mary
bananasplit 6 gior fa su tio
...buongiorno si si .... e piangina xdipiü, non si puó piú permettere fr. 20.- annui in beneficenza !? ... ma chi se ne frega ....
BillieJoe 6 gior fa su tio
La cosa patetica non è tanto il tizio che fa il piangina con i media, ma i media che pubblicano ste storielle... Ah per info, ieri ho trovato in buca lettere il giornalino della Lidl, Aldi e Conforama... Li ho buttati perché io faccio la spesa alla Migros... ;-)
anndo76 6 gior fa su tio
@BillieJoe della serie....quanto non ho notizie per riempire il giornalino.....
Arciere 6 gior fa su tio
La gente è sollecitata dappertutto, bucalettere, via pubblica, entrata degli autosili, Posta, centri commerciali (ieri alla Coop di Grancia il Tavolino magico). Tutte (quasi) nobile cause, non è la questione. Ma non se ne può più di non poter più spostarsi senza essere interpellati ogni 50 metri, per questo o per quello. Poi, senza voler essere cinico, è legittimo chiedersi dove vanno effettivamente i soldi raccolti. E do ragione a Tato, a Caritas fanno anche i difficili col materiale da regalare. Quando hai fame accetti il pane, non pretendi la brioche.
Tato50 6 gior fa su tio
Oh mamma, se adesso cominciano anche con in cal center, spunteranno organizzazioni caritatevoli come funghi. Qualcuno si sarà già organizzato e quasi quasi ci faccio un pensierino ;-))
anndo76 6 gior fa su tio
@Tato50 be' che sono piccole associazioni a delinquere lo si sa' da una vita....il business della carita', aiuti etc e' miliardario, per cui...essendo l'uomo la bestia piu' cattiva....ahhaha
Tato50 6 gior fa su tio
@anndo76 Per la camera mi hanno detto che per gli asilanti i mobili li acquistano da Lipo e Conforama-;((( Si vede che dove dormiva mia madre c'era il pericolo di beccarsi qualche virus. Quindi Caritas adios-;))
Tato50 6 gior fa su tio
Uella Fabrice Boulé, quella camera completa che volevo regalarvi ma avete ritenuto "troppo datata", l'ho portata in discarica neh ?
moma 1 sett fa su tio
Parto dall'idea che Caritas sia un'organizzazione DOC a favore dei poveri. Donarle soldi non dovrebbe infastidire nessuno. Io lo faccio quando decido di farlo, non importa sotto che forma. Donare soldi è un atto che è gigantesco se lo si fa in SILENZIO.
SosPettOso 1 sett fa su tio
@moma Caritas è una delle lunghe mani della chiesa. La parte devoluta a favore dei poveri è solo marketing, una foglia di fico dietro cui si nasconde un organizzazione elefantiaca...
anndo76 1 sett fa su tio
@moma concordo in pieno. sei uno/a delle poche persone che ha commentato con intelligenza. .-)
moma 1 sett fa su tio
@SosPettOso Non voglio credere alle tue parole, resto fiducioso di caritas, come lo sono per esempio nella croce rossa. Non sempre dono soldi, ma quando lo faccio spero vadano a chi ha bisogno, altrimenti non saprei.
Frankeat 1 sett fa su tio
Ma veramente qualcuno riceve una lettera dalla Caritas e va addirittura a dirlo ai media? Mi da l'idea del classico vicino di casa anziano rompiballe che ti contesta quando posteggi l'auto sulle righe del posteggio invece che all'interno del rettangolo.
anndo76 1 sett fa su tio
@Frankeat questi sono i problemi del ticino....i posteggi !!!! capace che ti accoltellano se "invadi" di cm il posteggio di un altro....ahahahah
moma 1 sett fa su tio
Qualcuno vuol far capire che esiste ancora? Dubbio amletico. Se non vuoi più dare soldi a chicchesia, lo fai, punto. C'è bisogno di starnazzarlo sui media? C'è un virus che non muore mai, si chiama protagonismus.
anndo76 1 sett fa su tio
@moma no ! si chiamo " non so' come riempire il giornalino con articoli fammi vedere cosa scrivere " . della serie : non ho notizie, idee, suggerimenti etc ma devo vendere o fare leggere il mio giornale
Valerio Castellani 1 sett fa su fb
È semplice c’è troppa concorrenza e si attaccano ovunque se la va la ga i gamb 👁⏰🐺
Ginoarrotino 1 sett fa su tio
Per mia sventura ho dovuto fare un Programma Occupazionale alla Caritas di Pollegio tramite la disoccupazione e vi posso dire che è una Azienda a tutti gli effetti con reparti ecc con un piccolo particolare che gli operai sono a costo zero perche c'è la cassa disoccupazione che paga ma i dipendenti sono lautamente stipendiati!!! in un anno di media si smaltiscono 2000 tonnellate di materiale elettronico ecc. che viene riciclato e venduto ad altre aziende, la domanda da farsi è dove vanno i proventi di queste vendite??? nei costi di gestione!!!! e poi hanno il coraggio di chiedere contributi!!! se si ha voglia di fare beneficenza....farla direttamente e non con intermediari!!!!
SosPettOso 1 sett fa su tio
@Ginoarrotino Pare che la curia incassi affitti a 4 zeri per lo stabile che viene lasciato nell'incuria totale...
anndo76 1 sett fa su tio
@Ginoarrotino hai pienamente ragione. se vuoi ti dico cosa fanno con la filiera degli abiti, dove li vendono, cosa incassano etc......brutta gente....per non contare i mega stipendi che si danno.....da vergogna. la carita' dovrebbe essere una cosa diversa, mentre i grossi gruppi la hanno traformata in business...ps: un esempio..il 1° donatore di greenpeace sai chi e' ? la BP azienda petrolifera !! poi fanno ecologia ( dati pubblici che puoi trovare in rete)
Libero pensatore 1 sett fa su tio
La gente si infastidisce perché siamo bombardati di telefonate. Casse malati, telefonia mobile e servizi vari. Ora anche donazioni. Io ad esempio solo stato contattato da Greenpeace telefonicamente. Queste organizzazioni dovrebbero sfruttare di più le piattaforme di crowdfunding, che permettono di raccogliere denaro senza disturbare l’utenza.
Maxy70 1 sett fa su tio
Se Caritas non entusiasma più i donatori svizzeri, si faccia un esame di coscienza. Magari determinati obiettivi vanno riposizionati, un esempio (non a caso): i nostri anziani al minino AVS, le famiglie monoparentali, i nostri disoccupati over '50 che perdono il lavoro "grazie" alla libera circolazione, e così via...
Massimiliano Verdaglia 1 sett fa su fb
Matteo Caiata 1 sett fa su fb
Leggendo l'articolo si capisce che di tratta di Caritas Svizzera. Siate più precisi nel titolo, perché c'è una netta differenza con caritas Ticino e uno leggendo solo il titolo può prendere la via sbagliata nella sua opinione.
Mariano D'Andrea 1 sett fa su fb
Ciò che a me infastidisce non poco è il fatto che forse solo il 20% delle donazioni arrivano veramente a buon fine. Il restante 80% è utilizzato per coprire i costi di gestione e chissà magari a distribuire salari da nababbi.........non saprei.....magari mi sbaglio ma........
Alessandro Milani 1 sett fa su fb
Vai tra.....nn ti sbagli è tutta u a cricca
sedelin 1 sett fa su tio
con me non funziona, anzi più mi si rompono le scatole più mi defilo. se voglio donare lo faccio spontaneamente.
bananasplit 1 sett fa su tio
... Ma c'è bisogno che il mondo sappia della tua corrispondenza :- (( cestina e basta .... pirlotto
albertolupo 1 sett fa su tio
@bananasplit eh…, ma è l'ex capo della polizia di Bellinzona, mica uno qualsiasi...
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-06-20 10:08:48 | 91.208.130.86