+3
ULTIME NOTIZIE Ticino
LUGANO
1 min
In Svizzera aumentano gli impieghi, ma in Ticino calano
Il nostro, è l'unico cantone dove l'occupazione è calata: 224'000 posti di lavoro in meno
LUGANO
55 min
Effetto Covid: servono «risposte rapide» per cultura e sport
Un'interrogazione, sottoscritta da oltre 20 consiglieri comunali, chiede al Municipio di intervenire in prima persona
CANTONE
56 min
Due nuovi casi e nessun decesso
Dall'inizio dell'emergenza i casi positivi registrati nel nostro Cantone si attestano a 3'308. I morti restano 348
CANTONE
1 ora
Nuovo viceprimario di ematologia allo IOSI
Il CdA dell'EOC ha nominato il PD Dr. med. Bernhard Gerber
CAMPIONE D'ITALIA
2 ore
Abuso d'ufficio, sotto accusa due sindaci
La Procura del Tribunale di Como ha concluso le indagini sulla gestione di Comune e Casinò.
BEDRETTO
2 ore
Annullata anche la "Mangia e Cammina sugli Alpi della Valle Bedretto"
L'appuntamento è rimandato all'8 agosto del prossimo anno
LUGANO 
4 ore
Un tampone pagato a caro prezzo
Un infermiere indipendente finisce in quarantena, ma non gli concedono l'indennità
CANTONE
4 ore
Lockdown più “felice” con le videochiamate, ma ora ci vuole «igiene digitale»
L'impiego dello smartphone è aumentato, anche per attività che in precedenza ritenevamo come secondarie
CANTONE
13 ore
Le interpellanze accompagnano il Gran Consiglio ben oltre le 23
Alcune risposte procedono veloci, per altre invece (soprattutto sulle case anziani) si accende la polemica in aula
CANTONE
13 ore
«In casa anziani 75enni morti, Marco Solari è stato curato»
Botta e risposta in Gran Consiglio tra Matteo Pronzini e Raffaele De Rosa. Dibattito acceso sui morti in casa anziani.
LUGANO/MARTIGNY
16 ore
La pelle come ingrediente indigesto
Un cuoco ticinese si vede rifiutata la candidatura per non indisporre un altro dipendente che non sopporta gli arabi
SVIZZERA
16 ore
Ferie elvetiche per gli Svizzeri, soprattutto per i ticinesi
E resta la speranza nella riapertura delle frontiere: in molti vorrebbero passare le vacanze in Italia
LUGANO
19 ore
Besso, partono i lavori in via Basilea
Gli interventi per il rifacimento stradale inizieranno il prossimo 2 giugno
SONVICO
20 ore
Strada chiusa tra Sonvico e Maglio di Colla
Lavori di pavimentazione tra venerdì e sabato 30 maggio
CANTONE
20 ore
Indagine su cinquemila aziende per capire l'effetto Covid
Il progetto nasce su incarico del Cantone ed è stato sviluppato dalla SUPSI
FOTO
CANTONE
21 ore
De Rosa: «Eravamo pronti», Vitta: «Saranno anni difficili»
Pronzini parte subito all'attacco, ora tocca ai consiglieri di Stato prendere la parola.
LUGANO
21 ore
L'ufficio postale di Besso chiude: «Delusione e sconcerto»
La presa di posizione dell'associazione Besso Pulita in merito alla decisione di PostCom
CANTONE
22 ore
«Ogni franco speso sul territorio è un franco che genera nuove opportunità»
Il Centro di competenze agroalimentari Ticino partecipa all'iniziativa a sostegno dell'economia locale
CANTONE
22 ore
AET, dopo 4 anni le cifre si tingono di nero
L'Azienda Elettrica Ticinese ha chiuso il 2019 con un utile di 9 milioni di franchi
MENDRISIO
11.06.2019 - 06:000

Il campus SUPSI come fabbrica di idee per il territorio

La sede del Magnifico Borgo aprirà nel 2020. Nel frattempo “Mendrisiopernoi” propone oltre cinquanta progetti per valorizzare la città. Ecco una selezione

MENDRISIO - È lungo 130 metri, largo 40 e alto 17. Ma l’edificio che sta prendendo forma in via Catenazzi a Mendrisio, e che sarà inaugurato il prossimo anno, non sarà soltanto un contenitore per la sede del futuro campus SUPSI. La struttura intende infatti diventare una fabbrica di idee utili alla valorizzazione del benessere collettivo e alla promozione sostenibile del territorio. Una fabbrica di idee da cui sono già uscite le prime proposte.

Stiamo parlando del progetto “Mendrisiopernoi: percorsi interdisciplinari tra la terra e il cielo”, promosso dal Dipartimento ambiente costruzioni e design (DACD): un percorso didattico orientato a favorire lo sviluppo identitario della città e dei quartieri di Mendrisio «attraverso un’attenta analisi dei suoi luoghi della memoria e di aggregazione, coinvolgendo in dialogo virtuoso 150 studenti e trenta docenti SUPSI, la municipalità e la popolazione locale» spiega la professoressa Nicla Borioli Pozzorini, responsabile della formazione DACD.

Il risultato? Oltre cinquanta progetti per la valorizzazione del territorio di Mendrisio (qua sotto ne proponiamo una piccola selezione), interpretandolo «come spazio fisico e concettuale di trasformazioni, incontro di tradizioni, saperi, culture e modi di vivere, ma anche di strade, edifici, segni e tracce del paesaggio». Una visione che ne ha voluto cogliere l’unicità.

Le oltre cinquanta proposte saranno presentate dal 12 al 15 giugno nell’ambito della mostra “Mendrisiopernoi” al Mercato Coperto di Mendrisio. E anche in alcuni luoghi del borgo cittadino. L’inaugurazione dell’esposizione è in programma domani alle 16.


SUPSI

Reperti archeologici da valorizzare

Il sito archeologico di Tremona avrà un Antiquarium, uno spazio di circa 260 metri quadri che accoglierà i reperti in possesso della Città. Ma come allestire l’esposizione? Gli studenti SUPSI propongono un percorso che valorizzi il patrimonio mettendo al centro la connessione tra passato e presente. Con l’esposizione dei reperti si vuole dimostrare che Tremona è stata abitata per diverse epoche e ha subito molti cambiamenti, ma anche ricostruire la vita degli abitanti e mostrare le tecniche di scavo recenti.


SUPSI

Un museo dedicato all’acqua

Il pozzo di captazione situato in zona San Martino in un futuro sarà dismesso. Perché non cogliere l’occasione per realizzarvi un Museo dell’acqua? Un progetto, questo, che si propone di esplorare il tema dell’acqua quale filo conduttore del rapporto uomo-ambiente, e di promuovere la conservazione e la valorizzazione della risorsa, in riferimento alla morfologia del territorio di Mendrisio, alla vita del comune, al lavoro e al divertimento. L’edificio sviluppato su un piano riutilizza l’acqua del pozzo di captazione e del fiume Laveggio.


SUPSI

I fossili prendono vita sul tablet

Ritrovarsi faccia a faccia con creature vissute oltre duecento milioni di anni fa. Questo è l’obiettivo di un progetto che riflette sull’esperienza del fruitore all’interno del Museo dei fossili di Meride. Si parla quindi dell’adozione di nuove tecnologie (tra cui anche la realtà aumentata) per introdurre nuovi sistemi di relazione tra oggetto, persona e spazio. Gli studenti, in stretto contatto con la direzione della struttura espositiva e i curatori, hanno sviluppato idee visive e scenari multimediali che propongono esperienze ludiche e immersive.


SUPSI

Un luogo di ritrovo attorno al camino

Il Camino Spinirolo, a circa un chilometro da Meride, sarà un luogo d’incontro, svago e dialogo. Nel 2014 una fondazione ha dato il via, con un cantiere sociale, alla ristrutturazione di alcuni edifici del complesso. Il progetto degli studenti SUPSI si è occupato di analizzare le strutture esistenti per proporre un’idea generale d’intervento di conservazione dei manufatti ritenuti significativi e l’integrazione di nuovi elementi. Il nuovo complesso di Camino Spinirolo, oltre alle camere, propone spazi di ritrovo, sia all’interno che all’esterno, e in particolare nel cortile, dove l’identità dell’insieme è rappresentata dal camino della vecchia fabbrica.


SUPSI

Verso l’intervento conservativo della lunetta dell’oratorio

La lunetta dipinta all’interno dell’Oratorio della Madonna delle Grazie a Mendrisio necessita di un intervento conservativo. Da qui il lavoro svolto da una studentessa del master di conservazione e restauro che ha come obiettivo lo studio approfondito della tecnica artistica e dello stato dell’opera. La prima fase prevede un’indagine archivistica e bibliografica, seguita da una documentazione fotografica dettagliata e dalla restituzione grafica dello stato di conservazione e della tecnica esecutiva della pittura. I risultati saranno utili per produrre una proposta mirata di intervento.


SUPSI

Il traffico autostradale si trasforma in luce

Sono migliaia le vetture che ogni giorno percorrono l’asse autostradale che attraversa il territorio di Mendrisio. Una via di transito internazionale che è una presenza contrastata e dibattuta dalla popolazione. Il progetto “La grazia del flusso” propone un’installazione luminosa (già inaugurata nei giorni scorsi) che rappresenta e reinterpreta questo elemento identificativo di Mendrisio, con l’obiettivo di stimolare nuovi punti di vista. Alla sera il nuovo edificio SUPSI si illumina con una coreografia di luci Led che ripropone metaforicamente il traffico autostradale di un anno.

SUPSI
Guarda tutte le 6 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-05-26 11:14:45 | 91.208.130.86