tipress
Il centro asilanti di Camorino
ULTIME NOTIZIE Ticino
BELLINZONA
25 min
Cassa pensioni dei dipendenti comunali: «I nodi vengono al pettine»
BELLINZONA
40 min
In Italia era ricercato, in Ticino prendeva l’assistenza
CANOBBIO
1 ora
Un anno di lavori per la nuova pista ciclabile
MELIDE
2 ore
«Io, donna non vedente, cerco qualcuno che venga in tandem con me»
LUGANO
3 ore
Tokyo? No, Lugano all'ora di punta
LUGANO
3 ore
"Opera per tutti" e "Tristar Triathlon Lugano", chiuse alcune strade
SANT’ANTONINO
3 ore
Prezzi italiani in Ticino: «Il test sta dando buoni frutti»
CANTONE / GRIGIONI
13 ore
Il Passo del Lucomagno è stato riaperto
CANTONE
13 ore
Un futuro più digitale per la SUPSI
LUGANO
15 ore
Quando vivevamo senza fili
LUGANO
15 ore
LAC: cibo, bevande e pulizie cambiano mano
LUGANO
16 ore
Tamponamento a Lugano Sud ed il traffico va in tilt
CAPRIASCA
16 ore
Cade da un muretto, interviene la Rega
CANTONE
16 ore
Approvvigionamento dell'acqua, una nuova ordinanza in caso di penuria
CAMPIONE D'ITALIA
16 ore
«I debiti di Campione li paghi l'Italia»
CAMORINO
20.03.2019 - 17:450

Asilanti: indagato un collaboratore della Croce rossa

La Procura ipotizza reati patrimoniali nel bunker già al centro dello scandalo Argo1. «No comment» dall'associazione

CAMORINO - Non c'è pace al centro asilanti di Camorino. Dopo lo scandalo Argo1, la polizia cantonale è tornata nelle scorse settimane nel bunker sotterraneo, dove alloggiano al momento una cinquantina di migranti. 

Indagini in corso - Durante tre interventi, gli agenti avrebbero acquisito materiale documentale e informatico. La Procura conferma di avere aperto un procedimento «per reati di natura patrimoniale». I reati ipotizzati «non riguardano i cittadini stranieri presenti nell’infrastruttura» precisa il Ministero Pubblico, bensì un collaboratore della Croce Rossa, responsabile della gestione del centro. 

Circa 20mila franchi - L'indagato è stato nel frattempo licenziato, a inizio febbraio. Sarebbe stato lui stesso ad auto-denunciarsi, raccontando ai superiori di avere effettuato vari prelievi dai conti bancari della ong a cui aveva accesso, per un totale di 20mila franchi nel corso di un anno. Soldi di cui aveva bisogno - ha raccontato - per far fronte a una situazione finanziaria personale difficile; e che aveva intenzione di restituire con il tempo. 

«No comment» - Da noi contattata la Croce Rossa si limita al "no comment". «Fintanto che le competenti autorità non si saranno determinate sul caso, l'associazione non può entrare nel merito» ha spiegato una portavoce a tio/20minuti. «Inoltre, tenuto conto dell’obbligo di tutela dei propri collaboratori la Crss non può rilasciare informazioni che riguardano i suoi dipendenti». 

Leggi il nostro approfondimento sullo scandalo Argo1
 

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-06-18 09:39:32 | 91.208.130.86