Cancelleria dello Stato
CANTONE
25.02.2019 - 16:000

Sorveglianza del mercato del lavoro, ecco i primi attestati

Con la cerimonia di consegna svoltasi questo pomeriggio a Bellinzona si è chiuso ufficialmente il primo percorso formativo sul tema

BELLINZONA - Con la cerimonia di consegna degli attestati di partecipazione svoltasi questo pomeriggio a Bellinzona, si è chiuso ufficialmente il primo percorso formativo sulla sorveglianza del mercato del lavoro promosso dal DFE e rivolto al personale attivo negli enti di controllo.

Nel 2018 il Dipartimento diretto da Christian Vitta ha promosso un piano di formazione sulle diverse tematiche rilevanti legate alla sorveglianza del mercato del lavoro, come ad esempio la Legge federale sul lavoro, la sicurezza e la tutela della salute sul posto di lavoro, la verifica delle condizioni di lavoro e di salario dei prestatori esteri di servizi e contratti di lavoro, le imposte alla fonte o la Legge federale sul collocamento del personale a prestito. A questa parte di formazione più teorica è stata affiancata anche quella pratica, legata ai controlli sui cantieri, all’applicazione concreta delle misure di accompagnamento e alla valutazione dei livelli salariali.

I corsi, che si sono svolti sulla durata di 12 mesi e che hanno coinvolto circa una settantina di persone attive nella tutela del mercato del lavoro ticinese, sono stati interamente gestiti attingendo alle risorse umane e logistiche dell’Amministrazione cantonale.

Con l’odierna consegna degli attestati di partecipazione si è quindi concluso il primo percorso formativo inerente alla sorveglianza del mercato del lavoro. Questa formazione permetterà al personale attivo negli enti di controllo di operare con la massima professionalità ed efficacia, a tutela del mercato del lavoro ticinese. L’Ufficio della sorveglianza del mercato del lavoro ha già previsto delle nuove formazioni a partire dal mese di settembre del 2019.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-03-28 16:51:44 | 91.208.130.86