Foto Ti-Press
BERNA / BELLINZONA
14.02.2019 - 10:420

Con il «voice phishing» ruba milioni, arrestata

La donna faceva parte di gruppo criminale attivo in Svizzera. Identificata nei Paesi Bassi è stata fermata ed estradata

BELLINZONA - Il Ministero pubblico della Confederazione (MPC) ha concluso un procedimento penale nell’ambito della cibercriminalità e ha promosso l’accusa contro una persona dinanzi al Tribunale penale federale a Bellinzona. La donna accusata faceva presumibilmente parte di un gruppo criminale attivo in Svizzera tra marzo 2016 e luglio 2018 per mezzo del «voice phishing».

Dati rubati che hanno fruttato oltre 2 milioni - Nel procedimento penale, avviato a maggio 2017, la donna è sospettata di abuso per mestiere di un impianto per l’elaborazione di dati. Alla stessa è contestato di aver ottenuto dati di e-banking tramite telefonate nell’ambito di un gruppo attivo a livello internazionale. Con questi dati sono stati effettuati trasferimenti indebiti a scapito di circa 50 danneggiati in Svizzera per un importo superiore a due milioni di franchi.

Estradata in Svizzera - Grazie alla stretta collaborazione con le autorità olandesi e con il sostegno dell’Ufficio federale di polizia fedpol e di Eurojust, l’autrice del reato è stata localizzata e identificata nei Paesi Bassi. È stata successivamente arrestata a Rotterdam ed estradata in Svizzera, dove deve ora rispondere dei suoi atti dinanzi al Tribunale penale federale nell’ambito di una procedura abbreviata.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-04-16 04:46:51 | 91.208.130.85