BELLINZONAQuante lacrime alle medie per la religione cattolica

09.10.18 - 08:00
Lezioni sempre più disertate. Solo il 41,8% le frequenta. Campanelli d’allarme anche nelle scuole comunali. Lo specialista don Rolando Leo: «Famiglie senza interesse, sono preoccupato»
Tipress
Quante lacrime alle medie per la religione cattolica
Lezioni sempre più disertate. Solo il 41,8% le frequenta. Campanelli d’allarme anche nelle scuole comunali. Lo specialista don Rolando Leo: «Famiglie senza interesse, sono preoccupato»

BELLINZONA – Educazione religiosa cattolica sempre più in crisi nelle scuole medie ticinesi. Nell’anno scolastico 2006/ 2007, gli iscritti rappresentavano il 62%. Nel 2017/ 2018, il 41,8%. Un crollo verticale di oltre il 20%, che sembra destinato a incrementarsi. Nell’anno scolastico appena iniziato, infatti, il numero di iscritti sarebbe calato di altri punti percentuale. «I fattori che ci stanno portando a questa situazione sono molteplici – commenta don Rolando Leo, direttore dell’Ufficio per l’istruzione religiosa scolastica in Ticino – l’erosione è regolare. Ed è frutto di un andamento generale contraddistinto dalla secolarizzazione e da una certa insoddisfazione».

Elementari, ultimo baluardo – Mentre all’orizzonte (probabilmente da settembre 2019) si profila l’introduzione dell’ora obbligatoria di storia delle religioni, in quarta media, l’istruzione religiosa classica facoltativa è confrontata con una situazione senza precedenti. Alcuni campanelli d’allarme arrivano anche dalle scuole comunali, settore in cui al momento circa il 70% degli alunni frequenta le lezioni. Nel caso specifico delle elementari, a finire sotto accusa sarebbe il metodo di insegnamento di diversi sacerdoti.

Al passo con i tempi – Lo stesso problema, con altre sfumature e in maggiori dimensioni, lo si ritrova alle medie. «Un problema legato alla didattica c’è. In alcuni casi ci sono difficoltà nello stare al passo con i tempi. Eppure ci aggiorniamo regolarmente, abbiamo ottimi contatti con il Dipartimento formazione e apprendimento. Personalmente non darei tutta la colpa alla didattica. Uno può essere anche un mostro in didattica, ma se poi è arido nel rapporto umano tanto vale».

La cresima come spartiacque – Statistiche alla mano, si nota come il momento della cresima sia quello decisivo. Prima dell’appuntamento con la confermazione, i giovani sono ancora piuttosto legati all’istruzione religiosa cattolica. Poi si staccano. In prima media, circa il 57,1% dei ragazzi si iscrive ancora ai corsi di religione. In seconda media, si passa al 49,9%. Ma il tracollo arriva, in particolare, in terza media, dove la percentuale scende al 34,1%. In quarta media gli iscritti rappresentano, invece, solo il 25,51%.

Un’ora buca in più – C’è anche un altro aspetto da analizzare. E che alle medie ha un peso importante. Essendo l’ora di religione facoltativa, saltarla significa per gli allievi avere un’ora buca da dedicare ad altro. Sempre più spesso, inoltre, l’ora di religione viene confinata in momenti della giornata scomodi, come la pausa pranzo o il tardo pomeriggio.

Manca lo stimolo delle famiglie – Dettagli non da poco, secondo Don Leo. Anche se il responsabile cantonale per l’istruzione religiosa scolastica analizza la questione da una prospettiva ancora più ampia. «Ce la mettiamo tutta per rendere i corsi interessanti e attrattivi. Ma ci troviamo spesso di fronte all’incapacità delle famiglie di cogliere un senso valoriale nelle lezioni di religione. Gli allievi non sono stimolati, dai genitori in primis, a iscriversi ai nostri corsi purtroppo».

Non si vuole approfondire – Tradotto: se una lezione è considerata importante per la crescita personale dell’individuo, la famiglia dovrebbe essere in prima linea nel promuoverne la frequentazione. Così, in molti casi, non è. Anzi. «Viviamo in un’epoca in cui non c’è più tempo – conclude don Leo – sono preoccupato per il futuro. Ci si scattiva verso il mondo e verso quello che ha a che fare con la Chiesa, non si vuole più approfondire. È un peccato».

COMMENTI
 
centauro 4 anni fa su tio
Quante parole versate in questo blog, semplicemente o magari intelligentemente lasciate che chi crede possa continuare a credere, frequentare le messe o magari in solitudine pregare il proprio Dio, poi che gli uni siano atei, credenti, miscredenti o attaccati al dio denaro l'importante è che ci sia totale rispetto reciproco e dialogo pacifico!!!!!!
Dioneus 4 anni fa su tio
Si l'ho letto altrimenti non parlerei, a differenza di quanto fai tu. Dimmi pure le sure ed i versetti che ti arrecano disagio e volentieri ti confuto. Attendo speranzoso
Dioneus 4 anni fa su tio
post inserito nel luogo sbagliato
Meno 4 anni fa su tio
E certi partiti nostrani continuano a martellare sulla nostra presunta cristianità.... certo quando c'è da andare contro ai musulmani stranamente si riscoprono tutti cristiani!
pillola rossa 4 anni fa su tio
Insinuare la paura, mostrare la via e offrire la soluzione in modo il più unificato possibile. Strategicamente ha sempre funzionato e anche ai giorni nostri temo che le persone siano troppo facilmente manipolabili.
El Jardinero 4 anni fa su tio
Noto con un pizzico di divertimrnto (per non piangere) che l'ateo ad ogni modo ha un bel dire di professarsi vittima e accusare la religione di indottrinamento quando è lui in prima persona a voler imporre la sua laicità. Da che pulpito viene la predica? Ha ragionissima don Leo!
pulp 4 anni fa su tio
A suo tempo avevo già fatto molti commenti sul tema e la conclusione è che non puoi parlare ad un sordo, sperando che ti ascolti. Resterà sordo. Solo un appunto - l'ateo (ce ne sono di 4 tipi) che è diverso poi dall'agnostico, concettualmente non diniega l'esistenza di Dio (almeno nel caso di ateismo debole o ateismo pratico). Qui in realtà (leggendo certi commenti) non stiamo filosofeggiando in maniera anche costruttiva sulla tematica, semplicemente ci sono degli anticlericali che ogni qual volta si cita la Chiesa, vomitano quintali di bile, senza voler sostenere un vero dibattito e senza nemmeno fari un po' di cultura su una storia millenaria che non si può ridurre a 4 corbellerie sul blog.
Mattiatr 4 anni fa su tio
Condivido, 2000 anni di cristianesimo e la chiesa è solo corruzione e pedofilia. Inoltre parlando di atei non mi pare che ci siano persone che vanno a lavorare a Natale (a parte lavori a turni) o durante tutti gli altri giorni festivi. Anzi mi pare che festeggino pure. IPOCRISIA
samarcanda 4 anni fa su tio
Ma non sai ancora che la festa del natale è la festa del sole?
rojo22 4 anni fa su tio
Il pensiero unico domina alla grande. Crimini della Chiesa, 2000 anni di barbarie, cannibalismo, .... hahaha il mainstream ha fatto bingo. Come sempre. Come 2000 anni fa quando, quel povero Cristo, ha osato dire come stanno le cose e lo hanno fatto secco. Almeno così credevano. Vabbé, nemm a lavurà che l'è ura.
samarcanda 4 anni fa su tio
Nessuno può far secco uno che non è mai nemmeno nato!
rojo22 4 anni fa su tio
Dio c’è, ma non sei tu. Rilassati. (Anonimo)
migheleto 4 anni fa su tio
Religione è importantissima per la cariera professionale! In Ticino certi uffici del cantone e della confederella o anche la RSI sono in mano ai CL.. Se volete che i vostri figli abbiano un futuro in Ticino, obbligateli alla chiesa. Più fondametalista cattolica è, meglio è. Se serve esaggerate nei metodi per obbligarli! Lo fate per loro e per il feudalesimo ticinese!
rojo22 4 anni fa su tio
hahahahaha. Questa è esilarante. Non sapevo che Canetta fosse ciellino. Forse anche spretato? Hahahahaha
Dioneus 4 anni fa su tio
ahaha, taluni vedono la sinistra come la madre di tutti i mali: esilarante:) pensavo che i tempi delle fantasie dei comunisti che mangiano i bambini non avessero superato lo scoglio del XXI secolo, son stato ottimista :) Comunque la sinistra non scomparirà mai, si rassegni ;)
lollo68 4 anni fa su tio
I miei figli frequentano le lezioni di religione fino alla terza media compresa. Purtroppo vengono mostrati dei film non adatti alla loro età e mia figlia è rimasta scioccata da diverse immagini. Inoltre l'insegnante non conosceva nemmeno il nome degli allievi: è stata data la nota a chi non frequentava religione e chi si comportava bene otteneva la nota di chi disturbava regolarmente e viceversa. Questa non è serietà!
LAMIA 4 anni fa su tio
La chiesa può farsi il mea culpa a partire dal Santo Padre in giù Ma non è la sola. Dalle nostre parti la colpa è anche della politica che mette in discussione le tradizioni oltre che la costituzione. IN NOME DI DIO AMEN... e se non ti va bene vai dove ti trovi a tuo agio
gabola 4 anni fa su tio
Un po dell'idea che ognuno raccoglie cio che semina,a qualcuno fa piacere il raccolto ad altri no
leopoldo 4 anni fa su tio
io a mio figlio gli ho insegnato rispetto onesta e guadagnarsi il pane con le proprie mani.poi la chiesa é tutta una setta come le altre
marcopolo13 4 anni fa su tio
Grande!
El Jardinero 4 anni fa su tio
Inizi benino la frase e la termini molto male dando un giudizio. Non vorrei essere tuo figlio...perchè non gli lasci nemmeno la libertà di essere cristiano ?
leopoldo 4 anni fa su tio
come puoi credere in dio se la maggior parte di chi lo rappresenta è peggio di chi su dio ha dei dubbi.
rojo22 4 anni fa su tio
La maggior parte? Certo che ne conosci tantissimi allora. E tutti degli emeriti pezzi di emme. Ma, con un piccolo sforzo, potresti conoscerne altrettanti (almeno) che si fanno da fare per qualcosa di positivo. Poi, i difetti li abbiamo tutti. Io per primo. E anche tu, credo.
centauro 4 anni fa su tio
Io credo in Dio ma lo trovo in linea diretta senza passare per chi lo rappresenta, funziona!
leopoldo 4 anni fa su tio
scusa ,se un pedofilo lo consideri un difetto allora ti do ragione,in quanto conoscerne tanti potremmo discuterne perchè io certa gente non la frequento.preti buoni ok ma non fanno notizia .
rojo22 4 anni fa su tio
Concordo. E quindi non capisco il tuo post sopra. Il marcio c’è senz’altro. Ma come dici tu, quelli buoni non fanno notizia. Sinceramente credo che sto blog, come al solito, sia solo una trappola per i click. Pazienza.
samarcanda 4 anni fa su tio
Una persona buona non intraprende la carriera ecclesiastica e non persevera per tutta la vita su quella strada. Una brava persona si rifiuta di rappresentare 2000 anni di crimini peggiori del nazismo. Le persone perbene non odiano quelle di sesso opposto.
El Jardinero 4 anni fa su tio
E redaje ancora con ste baggianate... adesso perché la storia si è macchiata di misfatti in nome della chiesa (ma che non c'entrano nulla con essa specialmente a livello di Fede) bisogna rinnegare la propria credenza? Se in una banca succede uno scandalo tra 2 dipendenti che colpa ne ha la tua banca stessa?
samarcanda 4 anni fa su tio
Ho letto attentamente tutti gli interventi. Preti, rassegnatevi dunque e state alla larga dalle scuole! Vorrei aggiungere: soprattutto dall'infanzia e a Bertoli: volevi una scuola proiettata nel futuro, ma tolleri ancora i pregiudizi nelle scuole.
MIM 4 anni fa su tio
@Samarcanda: l'evoluzione la stiamo completando: la mentalità sinistra sta via via scomparendo.
samarcanda 4 anni fa su tio
Con tutta la pedofilia che dilaga nel clero, chi può aver voglia di iscrivere i propri figli all'ora di religione? E perché la chiesa insiste? Non è scienza e questo "dio" o altri NON sono provabili scientificamente né storicamente. Perché vogliono continuare ad indottrinare? Per sete di potere, denaro e controllo assoluto delle coscienze. Ma perché Bertoli permette che accedano alle scuole? Non siamo più nel medioevo. Che questi tristi figuri lascino in pace scuole e bambini!
MIM 4 anni fa su tio
La pedofilia dilaga dappertutto. Facile colpire la Chiesa per nascondere gli altri. Vediamo di svegliarci una volta per tutte.
centauro 4 anni fa su tio
Esistono anche insegnanti che molestano gli alunni! dobbiamo criminalizzare la scuola nel suo complesso?
rojo22 4 anni fa su tio
Purtroppo il mainstream anti Cristiano è facile da cavalcare, come tutte le mode. Non ce n’è uno che dica qualcosa di originale e non scopiazzato da qualche “illuminato” pensatore, scrittore o giornalista. Tutta gente specialista quando c’è da sparare Contro, ma nessuno che conosca il Vangelo, la Chiesa e le sue opere. Peccato.
samarcanda 4 anni fa su tio
Da sempre la chiesa è una fabbrica di pedofili. Non si tratta di una sola rondine, ma di un pensiero veramente deviato. E' proprio la religione in se' che ne prepara il terreno.
El Jardinero 4 anni fa su tio
E certo perché gli apprendisti pedofili parcheggiano le auto fuori dalle chiese ogni mattina per andare al lavoro . Guardi magari dono pure frontalieri per colorire un pochino. :))) Non diciamo fesserie. La religione prepara si un terreno che è quello dell'educazione e del rispetto. È l'uomo nella sua mondanità che ne fa uso e consumo a proprio piacimento. Non so se la scienza si accorge di questo...
rojo22 4 anni fa su tio
Concordo. Un incontro non può essere teorizzato. Va vissuto. Comunque l’impianto dell’ora di religione così come concepito per la scuola non è al passo con i tempi. D’altronde, buona parte dei sacerdoti e dei catechisti, più che annunciatori della parole di Dio, sono meri funzionari ecclesiastici. E, si sa, i funzionari non sono le persone più “teasy” del mondo...
samarcanda 4 anni fa su tio
Meglio, molto meglio che i bambini non vivano certi incontri. In più, è una squallida dottrina che spinge all'assurdità, al sado-masochismo, all'impostura. Basti pensare all'invito di "mangiare il mio corpo e bere il mio sangue": retaggio di veri e propri atti di cannibalismo che provengono dalla notte dei tempi.
rojo22 4 anni fa su tio
Certo. POL Pot, Hitler, Stalin erano tutti ferventi cattolici. Ma fammi il piacere. Magari, prima di spararle così grosse, a a rileggerti il Vangelo. Comunque, alla stessa stregua, ci sono esempi come Madre Teresa, San Vincenzo, San Francesco e moltissimi altri ancora che hanno realizzato opere più che positive. Probabilmente le lenti dell’ideologia anti cristiana non permettono di vederle. Ma sono vive e reali. E operano.
Dioneus 4 anni fa su tio
Questo è vero, difatti quello della transustanziazione è un concetto cattolico, non cristiano.
samarcanda 4 anni fa su tio
Non sto a perdere tempo a confutare le opere dei personaggi controversi che tu citi, tutti pieni di folle sadomasochismo cristiano e molto, ma molto dannosi. Ti serve un occhio piu' critico e aggiornamenti storici.
marcopolo13 4 anni fa su tio
Era ora che la gente si svegliasse. Aggiungete un'ora di scienze piuttosto.
Libero pensatore 4 anni fa su tio
La chiesa e la religione vivono un momento di forte crisi. Basta informarsi un po’ per capirlo. Evidentemente l’essere umano cerca risposte altrove oppure non si pone più certe domande perché ha capito che è meglio investire il proprio tempo in maniera diversa piuttosto che a porsi domande alle quali nessuno può rispondere con razionalità.
Mat78 4 anni fa su tio
Peccato che molte di queste persone, quando poi sono in punto di morte... fanno chiamare il prete!
samarcanda 4 anni fa su tio
Per forza se gli viene fatto il lavaggio del cervello sin da bambini con superstizioni e pregiudizi.
Libero pensatore 4 anni fa su tio
Su questo hai ragione, a dimostrazione che certe domande l’essere umano ormai non se le pone più a meno che si trovi nella condizione di non poterne fare a meno. Credo che la religione perda appeal in maniera proporzionale al benessere delle persone. Non a caso i popoli poveri sono molto più credenti. Io non dico se è giusto o sbagliato, sia chiaro, mi limito a fare un’analisi (molto banale, ma non può che essere così esprimendosi in poche righe)
Mat78 4 anni fa su tio
Se fosse così sarebbero in chiesa tutte le domeniche, il che non mi pare il caso. Semplicemente l'uomo moderno è molto più materialista e non spende più tempo per la cura dell'anima (ma forse questo è già un concetto troppo religioso)...
Thor61 4 anni fa su tio
Concordo, la chiesa cattolica con tutte le sue inadeguatezze è ancora una libera espressione di fede, non vengono a csa per portarti in chiesa e men che meno ti lapidano se non ci vai. Saluti
samarcanda 4 anni fa su tio
Curare l'anima con folli pregiudizi, assurdità e superstizioni?
samarcanda 4 anni fa su tio
Le leggi non lo permettono piu', per fortuna.
Maxy70 4 anni fa su tio
Conosco diversi adolescenti che frequentano regolarmente la Messa e la vita della nostra parrocchia, ma preferiscono usare l'ora di religione come ora buca o di ripasso. L'ora di religione viene vissuta come una "lezione" alla stregua delle altre e non come un incontro. Forse non viene presentata nel modo giusto.
samarcanda 4 anni fa su tio
Ma tenetevela per voi!
El Jardinero 4 anni fa su tio
Religione in sè è pure una materia delicata perchè non è fine a se stessa come possono essere : matematica, scienze o storia. Religione comporta anche una fede e dovrebbe esserci un'elasticità maggiore e alla gente arriva in faccia solo "l'indottrinamento crudo".
samarcanda 4 anni fa su tio
E tante brutte cose.
El Jardinero 4 anni fa su tio
Le brutte cose non È la chiesa a portarle ma sono le persone che in nome di essa le hanno portate. L'egoismo e l'avidità umane non c'entrano nulla con la fede. Ci fosse più fede vera...
samarcanda 4 anni fa su tio
Ma sono 2000 anni che ne stanno facendo di tutti i colori. Cristianesimo: la religione piu' sanguinaria di tutta la storia dell'umanita'. Le religione, dunque, c'entra pur qualcosa.
curzio 4 anni fa su tio
Avete avuto duemila anni di tempo e avete fatto solo casini. Il vostro amico immaginario non si è ancora fatto vedere. Evidentemente ci sono materie più utili da insegnare!
samarcanda 4 anni fa su tio
In 2000 anni hanno costruito un impero (dopo aver preso il posto dell'impero romano) ricchissimo e potentissimo con ricatti e crimini inaccettabili. Non rinunceranno certo ora ed influenzare le menti dei bambini.
sedelin 4 anni fa su tio
il catechismo (e la chiesa) allontana dalla religione. se penso alle lezioni tenute dal prete alle elementari...mi viene l'angoscia. credo che sia la stessa cosa oggi per molti.
samarcanda 4 anni fa su tio
Sì: angoscianti e folli! Intollerabili.
Thor61 4 anni fa su tio
Il mio insegnante di religione ai tempi era un'ottima persona e un buon insegnante, non posso dire lo stesso del prete dell'oratorio, per cui come tutte le cose c'è una parte bella e una brutta e già questo dovrebbe essere un motivo di riflessione. Insegnare non è mai semplice, si può essere campioni del mondo in molte cose, ma se non sei capace di insegnare il tuo sapere e la tua esperienza finirà nella spazzatura.
samarcanda 4 anni fa su tio
Quel carcere era in un ameno villaggio sul Ceresio, fine anni '50. Il programma scolastico di religione era approvato dal governo e il libercolo era distribuito in tutte le scuole.
Thor61 4 anni fa su tio
Fagli una bella denuncia, mi riferisco al clero e alla chiesa cattolica, perchè suppongo che ti abbiano fatto molto male e devono pagarne lo scotto! Poi speriamo che l'islam prenda piede almeno saremo più liberi dagli oppressori!
El Jardinero 4 anni fa su tio
Io sto dalla parte di don Rolando Leo ma perchè sono cresciuto in una scuola cattolica e ne ringrazierò a vita l'educazione e il rispetto per l'altro che mi ha insegnato. Uscendo ho scoperto il profondo disagio che la vita mondana dalle mille sfaccettature affascinanti ma anche da pattumiera ne comporta. I preti cattolici che si criticano per la pedofilia sono uomini che hanno sbagliato ma non c'entra niente con la fede. Agli atei piace sottolineare che sono dei delinquenti per attaccare la chiesa in generale (per essere antireligiosi e quindi atei più convinti). Ma è questo l'errore che si corre. Un conto È la fede ed io appoggerò sempre una cultura religiosa anche perchè l'essere umano arriva fino ad un certo punto. La scienza non può andare più in là di determinate cose e la religione da profondità di pensiero. Sull'obbligo e il tipo di religione qui concordo potrebbero starci più libertà di scelta esistono anche altre fedi e chi è ateo può scegliere che ne so filosofia. Trovo un pesante fraintendimento tra religione e inculcamente dottrinale: dove la prima è cultura teologica e principalmente di cuore la seconda è dittatioriale ma non credo esista qua in Svizzera è solo la psiche umana a carpirne solo i lati negativi o che gli fanno più comodo.
samarcanda 4 anni fa su tio
Sei stato, in un certo senso, fortunato. Ad altri è andata molto male e ne sono stati segnati a vita nella psiche e nella sessualità. Ah, la loro "spiritualità!".
Thor61 4 anni fa su tio
È la fede ed io appoggerò sempre una cultura religiosa anche perchè l'essere umano arriva fino ad un certo punto. La scienza non può andare più in là di determinate cose e la religione da profondità di pensiero. QUESTA È LA SOSTANZA si tratta di fede, nulla di materiale come vorrebbe la scienza, anche se poi una particella la chiamano "La particella di Dio", che strano, noo?? Personalmente non amo la compagnia dei preti perchè pochi sono veramente in grado di trasmettere i loro insegnamenti e, il loro "Boss" (Il papa) non aiuta di certo col suo atteggiamento alla "Francese", cioè amiamoci tutti ma ognuno a casa di altri e MAI nella propria, pessimo esempio per chi predica amore. In compenso rispettare i comandamenti, attuali ancora oggi, portano certamente ad una vita di buon cittadino, e scusa se questo è poco in un mondo come quello attuale dove tutto e il contrario di tutto rendono la vita una scalata dell'Everest e credetemi se affermo che non invidio i giovani di oggi o dei loro figli se questa è la strada che la civiltà europea sta o vuol percorrere. Saluti
samarcanda 4 anni fa su tio
Mi sembri confuso sui temi sociali, culturali, storici: si vede proprio che ti hanno influenzato parecchio.
El Jardinero 4 anni fa su tio
Capisco quel che vuoi dire e questo è il grande disagio che vive il mondo a 360°. Don Leo penso che con la maggior importanza all'ora di religione voglia riprendere le briglie che la mondanità dell'essere umano offusca le menti dei giovani d'oggi. Un ragazzo deve farsi carico solo di dubbi e pochissime certezze e basi su cui fondare una propria solidità e dopo ci lamentiamo che aumentano i suidici..attenzione. Una persona dovrebbe avere la lucidità per discernere il bene dal male e capire cosa vi è oltre un comportamento singolo. Se giudichiamo il Papa sul problema migratorio lo limitiamo a quello e valutiamo una fatto storico. Se lo aprezziamo per tutta la bellezza delle parole che dovrebbe raggiungere i nostri cuori È un'altra cosa. Partiamo dal presupposto che siamo noi a dover camminare con le nostre gambe e non essere sostenuti perchè altrimenti si accampano scuse autolesioniste. :) Ricambio i saluti.
Thor61 4 anni fa su tio
Hai ragione Proff. tu sicuramente hai le idee più chiare su tutto, pensa che sono talmente confuso che perdo tempo anche a risponderti dopo una simile affermazione di "Tolleranza" a maggior ragione dopo quello che hai scritto in altre parti di questa discussione.
moma 4 anni fa su tio
Logicamente sono contrario agli obblighi. Ma vedere che di la, impongono senza tante storie, altrimenti son guai, mi fa effetto. Da noi? semplice, è come educhiamo dall'infanzia, contrariamente agli obblighi.
Bacaude 4 anni fa su tio
Se si vuole insegnare religione come forma di antropologia culturale e produzione estetica e rituale di varie (tutte) culture allora sono d'accordo. Tutto è cultura. Se si vuole insegnare il trascendente, come fosse vero a priori, non va più bene.
Fran 4 anni fa su tio
Il.problema sono i docenti di religione: i preti cattolici. Con tutta questa banda di pedofili che si nasconde senza pudore sotto il talare, preferisco che i bambini possano avere un insegnamento religioso da una docente donna e senza voler impartire dottrine cattoliche. Scusate, ma tra di voi c'è ancora chi crede nella buona fede di un prete cattolico??? Io no! Quello delle mie figlie mandava fotine hard alle ragazze di 14 anni. Tale Don Italo attivo all'ultimo prima delle denunce, a Gordola. Ora chissà dove si nasconde.
lügan81 4 anni fa su tio
Alle medie di canobbio 20ANNI fa c'era un docente geniale! Non era un religioso ma insegnava STORIA DELLE RELIGIONI! E VI PARLO DI 20ANNI FA! Lui era già molto avanti e sapeva come cogliere la nostra curiosità! Ovvio che se ad insegnare é un religioso l insegnamento viene totalmente storpiato e fatto "di parte" mentre la religione come insegnamento spirituale potrebbe essere interessante se ad insegnarla sia uno storico non una persona di parte... Che sia cristiano musulmano ebraico o altro... Ma qui in questo cantone certe idee sembrano talmente fuori luogo.. Pori nümm
Thor61 4 anni fa su tio
Concordo, una cosa però distingue il cattolicesimo dall'islam, il primo si basa su una scelta personale, mentre il secondo ti fa il lavaggio del cervello intensivo e impone la sua legge, legge creata da uno mica tanto a posto con la testa suppongo, visto cosa dice il corano (Tutto il corano, basta leggerlo) stesso, anche dove inizia con parole di amore verso il prossimo se costui non condivide il pensiero è possibile farlo fuori per il solo disaccordo.
Dioneus 4 anni fa su tio
Ma non diciamo sciocchezze. Se proponi di leggere il Corano, meglio che tu lo faccia davvero invece di millantare cose che non hai fatto.
Thor61 4 anni fa su tio
L'ho fatto ed è per questo che so cosa dico, TU lo hai mai letto??? E se lo hai letto lo hai letto attentamente e obbiettivamente? Onestamente credo di no!!!
Thor61 4 anni fa su tio
Io NON propongo NULLA, ma mi sono preso la briga di leggerlo perchè la stampa diceva una cosa e gli islamici un'altra! Aveva ragione la stampa, poichè gli islamici omettono di esporre tutta la frase, in cui si inizia bene e si finisce in anatemi assurdi. Il corano è composto da versetti e ancora oggi non ne ho visto uno senza minaccia verso il miscredente, vedi tu che amore ci può essere quindi nel corano se non sei musulmano.
Dioneus 4 anni fa su tio
Sì l'ho letto, è abbastanza breve. Nel tuo caso, mi sa che allora hai avuto difficoltà interpretative. Portami pure le sure e i versetti che ti portano a credere a queste cose e volentieri le confuterò. Attendo speranzoso.
Nicklugano 4 anni fa su tio
"incapacità delle famiglie di cogliere il senso valoriale delle lezioni di religione" ? Forse siete voi che non riuscite a cogliere il senso di un mondo sta cambiando grazie a gente che ragiona ...
Frankeat 4 anni fa su tio
I bambini hanno già i loro amici immaginari, perché volerne imporre un altro?
rezzonick 4 anni fa su tio
Ma che cosa c'entra la religione a scuola. Io sono per uno stato laico e una scuola laica. La religione non ha nessuna base scientifica. Al limite che si presenti la storia delle religioni nell'ambito delle lezioni di storia. I miei figli all'ora di religione non li vedranno mai.
rojo22 4 anni fa su tio
Probabilmente vedranno i tuoi nipoti nelle scuole coraniche obbligatorie. Ma vabbè, tu non ci sarai probabilmente più. E, magari, il fez sta bene anche sul tuo capoccione...
Frankeat 4 anni fa su tio
Non vedo il nesso tra la mancata frequenza alle pallosissime lezioni di religione, con la tua distopica visione del futuro.
Bacaude 4 anni fa su tio
In realtà i dati dicono l'esatto contrario. i figli di mussulmani che crescono in paesi occidentali perdono interesse nella religione poichè crescono con valori laici. Da qui i crescenti problemi tra adolescenti emancipati e padri retrogradi. La filmografia (e la cronaca aimè) è piena di esempi.
samarcanda 4 anni fa su tio
Ma islam e cristianesimo sono due facce della stessa medaglia. Se non siamo più talebani lo dobbiamo al progresso creato dall'Illuminismo, che ha fatto gli stati liberali e laici. Perché mai dovremmo regredire?
Dioneus 4 anni fa su tio
ahahaha, solite sciocchezze demagogiche.
samarcanda 4 anni fa su tio
Ma quali valori fondanti della nostra società? Abbiamo dovuto liberarci della religione per ottenere i valori che abbiamo ora.
Thor61 4 anni fa su tio
Lo capiranno i tuoi parenti più giovani, quale sia il nesso, perchè mentre noi parliamo di "Vogliamoci tutti bene" loro pensano domani sarete nostri schiavi, questa è la sola piccola differenza. Poi che le lezioni siano una palla è altra storia, che se poi la vogliamo dire tutta, tutta è sempre meglio una religione pallosa che inginocchiarsi (Io ho le ginocchia deboli ;o)))) 5 volte al giorno rivolti verso la mecca.
Frankeat 4 anni fa su tio
Non ho mai parlato di "vogliamoci tutti bene" e mai lo farò. Sono per la "collaborazione tra i popoli e le culture", ma anche per "ognuno a casa propria a risolvere i propri problemi. Se hai bisogno una mano, ci sono, ma se vieni a creare problemi, allora la porta è quella". Per quanto riguarda l'inginocchiamento, se ben ricordo, anche nelle nostre chiese ci si inginocchia su delle panchine di legno, che proprio comode non sono.
Thor61 4 anni fa su tio
Infatti non l'ho MAI detto che tu l'abbia detto, questo è il pensiero del "Boss" della chiesa a dirlo. Come dice anche che la porta (La TUA) deve essere sempre aperta anche con chi si comporta "Male", ma la sua sia mai. In ginocchio i cattolici se vanno a messa stanno più comodi ;o))) e raramente lo fanno 5 volte al giorno. ;o)))
pillola rossa 4 anni fa su tio
"Eppure ci aggiorniamo regolarmente", strano dunque che non si siano ancora resi conto che quello che insegnano è basato su invenzioni anacronistiche.
Bandito976 4 anni fa su tio
Per taluni pensano che la religione non serve, ma fa parte del nostro vivere quotidiano, come delle regole. Purtroppo in una Svizzera multiculturale ogniuno fa quello che vuole.
limortaccituoi 4 anni fa su tio
Ti rendi conto che dire "in una svizzera multiculturale ognuno fa quello che vuole" non ha nessun senso? Se vuoi argomentare ci può stare..ma detta così sembra lo sfogo di mio nonno al bar dopo il quarto bianchino.
Mat78 4 anni fa su tio
Non essendoci più una cultura predominante, in una società multikulti non vi sono abitudini e costumi preponderanti, il che, al contrario di quanto molti vorrebbero far credere, diminuisce la coesione sociale, visto che diminuiscono sempre di più i valori condivisi tra i vari gruppi etnici. Purtroppo 2+2 fa sempre quattro, ma per certa gente fa 5...
limortaccituoi 4 anni fa su tio
La cultura predominante esiste. È quella dello stato di diritto, della costituzione, dei diritti umani. Riconosco il fatto che la religione è sempre stata uno strumento di coesione sociale, come la separazione dei ruoli e gli stati sociali. Però oggi il mondo è cambiato, servono altre risposte. È una strada complessa e tortuosa, che secondo me si raggiunge tramite istruzione e educazione. Un ritorno forzato alla religione di stato è una strada pericolosa.
Mat78 4 anni fa su tio
Mai mi sognerei di forzare qualcuno sulla religione, che è in prima istanza una professione di fede individuale.
moma 4 anni fa su tio
A suo tempo avevo visto un documentario su come viene insegnata la religione mussulmana ai bambini di quelle nazioni. Qui sta la differenza. Da loro, dittature e obbligo, da noi quasi totale liberismo. Il futuro? spero solo che religioni obbligatorie d'importazione non trovino terreni di nessuno da noi.
Pepperos 4 anni fa su tio
Concordo.
rojo22 4 anni fa su tio
Concordo, ma mi sa che quelle religioni arrivano e si imporranno. I vuoti si riempiono senza eccezioni. Interessante notare come la tradizione, anche e soprattutto cristiana dei mostri paesi, si data per scontata e alla fine, proprio per questo, destinata a soccombere. Proprio perché basata sulla libertà: se non è coltivata, perisce. Peccato. Spero solo di fare in tempo ad andarmene prima.
samarcanda 4 anni fa su tio
Ma anche quella cristiana è stata una religione importata: dagli stessi paesi che temi. Se Cristo fosse esistito, sarebbe stato un palestinese. Ma per fortuna nostra e loro un simile personaggio è solo fantasioso.
samarcanda 4 anni fa su tio
Ma il nostro liberismo non ce l'ha regalato il cristianesimo. Ricordo con orrore l'insegnamento religioso a scuola e il catechismo! Il prete ci parlava di morti improvvise legate alla sessualità e al normale sviluppo affettivo dei bambini, ci dava da colorare libercoli in cui il demonio spingeva due piccoli verso una scala invasa dalle fiamme, bisognava rispondere a domande scontate (scrivendole!) basate sull'assurdità, c'era l'occhio di "dio" che ci spiava ovunque (anche nei bagni), ci spingeva a scegliere i voti religiosi. Le suore dell'asilo infantile chiudevano i "meno obbedienti" (i figli dei poveri, mai dei ricchi!) in cantina, dove sembrava iniziasse l'inferno (anche lì c'erano scalini da scendere). Il crocifisso, con quell'uomo seminudo (chissà perché lui poteva essere quasi nudo, mentre mia madre non poteva, in estate, mostrare le braccia, altrimenti la madre di un prete la redarguiva pesantemente), ci affliggeva nelle aule… preti di un istituto di poveracci pestavano i ragazzi con il bastone e chissà quanti altri abusi… I loro abiti lugubri mi toglievano la gioia di vivere. Bambine avevano paura a dormire da sole e perfino ad andare in bagno per la gran paura del diavolo… Per non parlare di tutto il male inflitto all'infanzia povera, alle madri sole, ecc. V, Irlanda. Ma che cosa dici?
Pepperos 4 anni fa su tio
Questo sarà sicuramente l'andamento. L'uomo e schiavo di volere credere, e pauroso di farsi domande che non riceverà mai risposte.
Equalizer 4 anni fa su tio
Ho finito le maggiori nel '77 e già allora religione era una palla, quindi figuriamoci oggi con la mentalità attuale.
francox 4 anni fa su tio
siamo più o meno della stessa era...
NOTIZIE PIÙ LETTE