foto Otto Scherri
ULTIME NOTIZIE Ticino
FOTO E VIDEO
LUGANO
12 ore
Scontro tra un'auto e una bici: ciclista in pericolo di vita
L'uomo è un 63enne della regione. Alla guida della vettura una 86enne domiciliata nel Luganese.
CANTONE
14 ore
Gottardo: ritardi e attese a sud e a nord
Tra Quinto e Airolo bisogna pazientare anche per un'ora. La strada del passo, inoltre, è chiusa.
LUGANO
16 ore
Se l'arte urbana passa dal Wi-Fi
Presentato questa mattina da Leonardo Angelucci "Wi-Fi: Looking for networks", attivo da novembre
FOTO
CAMORINO
17 ore
Moto contro la barriera metallica
Sul posto due auto della polizia. Chiusa la corsia di sorpasso.
LUGANO
18 ore
Lavori sulla linea del trenino FLP
Il servizio verrà interrotto nelle ore serali. Circoleranno bus sostitutivi.
CANTONE
18 ore
Denunce sul posto di lavoro, scatta la mozione
Il PS chiede al Consiglio di Stato di informare, sensibilizzare e conoscere
CANTONE
19 ore
Agente a processo per un radar: «Una distorsione del sistema»
Il comitato OCST dei funzionari di polizia esprime il massimo sostegno al collega
CANTONE / SVIZZERA
20 ore
Quando "la plastica" si vede nella pipì dei bambini
Trovate anche tracce di bisfenolo A, classifica come sostanza con effetti tossici
CANTONE / URI
22 ore
Le vacanze autunnali bloccano il San Gottardo
La coda al portale nord della galleria ha già toccato i 10 chilometri
FOTO
CANTONE
1 gior
«In classe distanti, sui bus ammassati»
Azione di protesta quest'oggi in diversi istituti scolastici.
CANTONE
1 gior
Beccato dal radar a 100 km/h sui 50, poliziotto a processo anche se era un'emergenza
Il prossimo 9 ottobre un agente della Cantonale sarà giudicato alle Assise correzionali di Lugano
CHIASSO
1 gior
Pelli all'asta
La curiosa vendita all'incanto organizzata dall'Ufficio di esecuzione
CANTONE
1 gior
I radar risparmiano (ancora) solo la Valle di Blenio
La prossima settimana i controlli della velocità mobili avranno luogo in sei distretti su otto.
FOTO
MASSAGNO
1 gior
Cade una pianta, e Massagno resta senza corrente
Questa sera un blackout ha colpito case, attività e anche i semafori. Tutto per un albero divelto in zona La Stampa
BELLINZONA
1 gior
Mamme tremende, col SUV quasi in classe
Nuove segnalazioni dalla zona delle scuole nord. Il municipale Roberto Malacrida: «Chiediamo più rispetto».
FOTO E VIDEO
MELANO
1 gior
Il vento sradica una pianta e fa cadere alcuni pannelli
A Melano un albero dalle dimensioni notevoli ha ostruito la strada Cantonale.
FOTO
BELLINZONA
1 gior
La capitale non ne può più dei vandali
Sui nuovi moduli prefabbricati delle Scuole elementari Nord sono apparse diverse scritte.
BELLINZONA
1 gior
Lavori di pavimentazione
Saranno parzialmente chiuse via Gesero, via Mordasini e via Monte Gaggio
CANTONE
1 gior
Cpi: «Una decisione scandalosa»
Abusi sessuali: la Lega tuona contro Ps e Liberali per la votazione sulla commissione d'inchiesta
ARBEDO-CASTIONE
01.06.2018 - 13:380
Aggiornamento : 15:49

«Lo abbiamo saputo dalla Tv. E ci spaventa»

Il progetto di spostare le Officine FFS a Castione non ha fatto i conti con una ditta che, nei terreni interessati, ci lavora da 75 anni. E non ha intenzione di andarsene

ARBEDO-CASTIONE - I dipendenti della Otto Scerri di Castione sono sobbalzati, probabilmente, quando hanno visto il telegiornale di ieri. Gli articoli sulla stampa locale, oggi, confermano che non era un'allucinazione. I terreni della ditta sono stati scelti dalle Ffs per trasferirvi la sede delle Officine di Bellinzona, con 230 dipendenti. Lo ha anticipato ieri la Rsi. 

«La notizia è come piovuta dal cielo» commenta il direttore dell'azienda, che in passato si era già opposta al progetto di cedere spazio a un nuovo stadio calcistico. «La reazione? Preoccupazione e perplessità».

I motivi non mancano. Sul sedime la Otto Scerri - che si occupa di trasporto e deposito di inerti - dà lavoro a 300 persone, più 200 nell'indotto. Senza contare le ditte "ospiti" che già affittano parte dei terreni: altri 100 dipendenti. «In tutto parliamo di quasi il triplo dei posti di lavoro delle future Officine. Siamo spaventati dalla prospettiva che possano essere cancellati» aggiunge il direttore. 

Il timore - naturalmente - è quello dell'esproprio. La Otto Scerri ha acquistato i terreni 75 anni fa e - viste le attività svolte - ne ha bisogno. «Ci serve molto spazio, e lo stesso vale per le Officine. Non siamo stati consultati, nessuno si è preoccupato di informarsi se i terreni interessati siano vitali o meno per la nostra azienda» conclude il dirigente. «Al momento il progetto non entra nel dettaglio, ma le comunicazioni sono state finora lacunose. Speriamo che questa faccenda si chiarisca al più presto». E in modo rassicurante per i lavoratori. 

 

 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Ivana Henriques Bruschetti 2 anni fa su fb
E noi a Bodio li aspettavamo a braccia aperte per un rilancio della nostra zona industriale ?
Danny50 2 anni fa su tio
Io tifo per Bodio. Le strutture ci sono e ravviverà la valle.
Francesco Grazi 2 anni fa su fb
Finalmente toglieranno i mucchi di sabbia ed i macchinari vecchi che deturpano ed inquinano Castione da più di 30 anni.Vi invito a Castione in una giornata di vento forte e pure di fare una passeggiata oltre la linea ferroviaria nella zona industriale.
Eros Gehri 2 anni fa su fb
Ma raccontane un altra va..
Fausto Frassino 2 anni fa su fb
una ditta che ha contribuito nella costruzione del ticino , dovrebbe avere più riconoscenza dallo stesso
Bär 2 anni fa su tio
È inutile... ci sarà l'esproprio e chi s'è visto s'è visto.. lo Stato vince sempre anche quando servirebbe un po' di buon senso. È illogico spostare un'intero stabilimento a 5 km in linea d'aria solo per speculare sul sedime delle officine! Cantone e comune sveglia!
albertolupo 2 anni fa su tio
Che se poi è vero che hanno bisogno di terreni agricoli, mi piacerebbe proprio sapere come giustificano la trasformazione in area industriale, quando ci sono aree industriali vuote. La valutazione delle ubicazioni possibili vale solo per i poveri cristi?
87 2 anni fa su tio
Ovvio che vogliono insediarsi a Castione e tra qualche anno ripeteranno lo scenario odierno per spostarsi in un'altra zona. Andare direttamente in zone come Bodio, Lodrino o Ambrì non va bene o non è una speculazione sufficientemente interessante?
Serfol71 2 anni fa su tio
I soliti pasticci "made in Ticino"....
Ben8 2 anni fa su tio
Aereoporto lodrino o ambri che non servono a nulla
Cash596 2 anni fa su tio
@Ben8 L'aeroporto di Lodrino verrà trasformato in un polo aeronautico per le università, mentre quello di Ambrì serve per l'aviazione militare.
galassia 2 anni fa su tio
@Ben8 l'aeroporto di lodrino se va in mano al municipio farà la fine delle baracche a "sciresa?" e come quelle a Biasca, zona rossa.
albertolupo 2 anni fa su tio
@Cash596 È da un pezzo che i militari non sono più ad Ambrì. A meno che sia una riserva in caso di guerra. Secondo me hanno pure venduto.
pontsort 2 anni fa su tio
@Cash596 Quello di ambri é gia di proprieta del comune e viene utilizzato per varie manifestazioni. Comunque senza andare a scomodare l'aeroporto c'é pure già la zona industriale li accanto. In ogni caso la ex-monteforno sarebbe piu che adatta
Daniel Tishchenko 2 anni fa su fb
Vergognosa la pratica dell'esproprio!
SosPettOso 2 anni fa su tio
L'area di Chiasso è già tutta di loro proprietà. Loro vogliono che gliene sia offerta una di cui non sono ancora proprietari e che tra pochi anni ripresenti lo stesso scenario (area assediata senza possibilità di espansione e terreno con prezzi alle stelle).
SosPettOso 2 anni fa su tio
@SosPettOso Questo andava in risposta al commento di Equalizer delle "12 minuti fa"... Alla Redazione: bisognerebbe correggere la tendenza a perdere il collegamento delle risposte e pure la datazione (mettete subito data e ora, non "x minuti fa")
elvicity 2 anni fa su tio
beh che dire ... ti cadono veramente le braghe. roba da matti e questo in svizzera
Equalizer 2 anni fa su tio
Resto dell'idea che alla fine andranno a Chiasso.
Nmemo 2 anni fa su tio
Sul principio di spostare le Officine credo che ci sia poco da obbiettare. Dove andranno a finire e cosa si farà del sedime pregiato è un atto di pianificazione sia cantonale, sia comunale. Ovviamente questi progetti non potranno prescindere, come precisato dalle leggi, dalla partecipazione della popolazione.
F/A-18 2 anni fa su tio
Ma perché non se ne vanno a Bodio che c'è già tutto!
GAthos 2 anni fa su tio
@F/A-18 ... cosa c’è già tutto?
F/A-18 2 anni fa su tio
@GAthos Intanto c'è un sedime dismesso pronto ad accogliere a braccia aperte chiunque vuole fare industria, figuriamoci se le ferrovie non fanno comodo. Inoltre c'è il raccordo che andrebbe potenziato, già fermano i camion, sarebbe un boff metterli magari su rotaia, il paese cerca ossigeno e le FFS sarebbero un toccasana per tutta la valle, inoltre non devono rompere le palle all'Otto Scerri, ti pare?
Thor61 2 anni fa su tio
@GAthos Tutte le strutture ideali per le officine FFS, rotaie comprese. Saluti
Marc von Gianolinen 2 anni fa su fb
Ma andate alla ex Monteforno con le officine !!
Agnese Sista Gamma 2 anni fa su fb
Già li c'è spazio fin che ne vogliono
Gus 2 anni fa su tio
Naturalmente il Consiglio di Stato, a maggioranza leghista, non ha mosso un dito a favore della zona ex-Monteforno. Erano troppo occupati con l'aeroporto di Lugano. Loro pensano solo a Lugano!
SosPettOso 2 anni fa su tio
FFS ha scelto Castione perché tra pochi anni si ripresenterà lo scenario attuale: officine inglobate in zona residenziale su un terreno avuto per poco che nel frattempo è salito di prezzo. Nuova possibilità di portarsi "in dentro" qualche posto qualificato, nuova possibilità di vendere ciò che gli è stato regalato guadagnandoci e nuova possibilità di farsi fare altri regali...

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-27 06:41:36 | 91.208.130.87