tipress
CANTONE
02.05.2018 - 13:420
Aggiornamento : 16:02

Nuove Case anziani a Losone e Caslano

Il progetto permetterà di far fronte all’attuale fabbisogno di posti letto in casa anziani nel comprensorio del Locarnese, del Malcantone e del Vedeggio

BELLINZONA - Nella sua seduta odierna, il Consiglio di Stato ha licenziato il messaggio concernente la concessione alla Fondazione patrizia, Casa anziani, di Losone di un contributo unico a fondo perso di 7.255 milioni di franchi per le opere di realizzazione di un Centro polivalente per anziani a Losone. Il progetto permetterà di far fronte all’attuale fabbisogno di posti letto in casa anziani nel comprensorio del Locarnese.

Il progetto prevede la realizzazione di una struttura socio-sanitaria per l’accoglienza di persone anziane e persone affette da disturbi cognitivi (Alzheimer) della capacità totale di 60 posti letto, in sinergia con l’esistente struttura di appartamenti protetti. In particolare, la nuova struttura comprenderà due reparti per soggiorni di lunga degenza, per un totale di 48 posti letto (di cui 3 posti dedicati ai soggiorni temporanei); un’unità abitativa protetta (reparto Alzheimer) con 12 posti letto.

La nuova struttura, oltre all’esercizio delle cure necessarie, vuole favorire lo svolgimento della vita sociale degli ospiti e il mantenimento della loro indipendenza, prevedendo quindi degli spazi adeguati a persone con particolari bisogni (esempio: disturbi nell’orientamento), servizi comunitari accessibili e spazi collettivi sia all’interno che all’esterno.

Anche a Caslano - Il Governo ha licenziato anche il messaggio concernente la concessione alla Fondazione Ricovero Malcantonese, Giovanni e Giuseppina Rossi di Croglio di un contributo unico a fondo perso di 7.655 milioni di franchi per le opere di realizzazione della Nuova Casa anziani Malcantonese a Caslano. Il progetto permetterà di far fronte all’attuale fabbisogno di posti letto in casa anziani nel comprensorio del Malcantone e del Vedeggio.

L’iniziativa del Consiglio di Stato prevede la realizzazione di una struttura comprendente 70 posti letto così composti:
- 60 posti dedicati a soggiorni di lunga degenza, di cui 6 all’interno di un reparto denominato Oasi di cura, specializzato nella presa a carico di casi di demenza in fase avanzata;
- 8 posti destinati a un’unità abitativa protetta (reparto Alzheimer);
- 2 posti per soggiorni temporanei.

Nella struttura è anche prevista la creazione di un centro in grado di accogliere ambulatorialmente una decina di pazienti con problemi cognitivi e/o comportamentali.

Il progetto mira in particolare a far fronte all’attuale fabbisogno di posti letto in casa per anziani nel comprensorio del Malcantone e Vedeggio, dove si registra un numero di posti al di sotto della media cantonale, rispetto alla popolazione anziana domiciliata. Esso permette inoltre di tenere conto dell’evoluzione dei bisogni, prevedendo unità abitative specifiche per utenti colpiti dal morbo di Alzheimer e l’adeguamento della struttura alle necessità delle persone anziane affette da demenze senili.

Entrambe le iniziative sono in sintonia con la vigente pianificazione settoriale: Pianificazione 2010-2020 della capacità d’accoglienza degli istituti per anziani nel Cantone Ticino, approvata dal Gran Consiglio in data 23 settembre 2013 e con gli intenti cantonali indicati nelle Linee direttive 2015-2019, Prima parte, “Bisogni della popolazione e sfida demografica” area d’intervento 2.4 “Servizi e prestazioni per anziani e invalidi”.

Commenti
 
WGWG 1 anno fa su tio
Questa e’ una bella notizia mentre quella del centro asilanti a losone ex caserma un po meno anzi molto negativa visto che sicuramente i giochi sono già fatti in barba al volere della maggioranza della popolazione.
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-10-15 06:40:24 | 91.208.130.87