Museo di storia naturale di Berna
ULTIME NOTIZIE Ticino
VACALLO
14 min
«Come va l'illuminazione pubblica?»
LUGANO
38 min
Novanta alloggi per studenti e un ristorante al posto del teatro
GAMBAROGNO
8 ore
Eroe per un giorno: salva un 70enne dalle acque
LUGANO
8 ore
«Che fine hanno fatto le panchine?»
LUGANO
9 ore
Helsinn, Giorgio Calderari entra nel Consiglio d'Amministrazione
ITALIA / CANTONE
10 ore
Scomparso in Italia, è ricoverato in un ospedale di Berna
LUGANO
11 ore
Advanced Studies Supsi, ecco i diplomati
CANTONE
12 ore
Borse di studio più generose, ma resta il prestito per il master
CAMORINO
12 ore
La torrida giornata degli asilanti: «Non ne possiamo più»
CANTONE
13 ore
Tram-Treno, sì al credito e all'emendamento socialista
CANTONE
13 ore
Chiusure dei negozi, la trattativa s'inceppa
LUGANO
13 ore
Ex Macello: il Molino è pronto a scendere in piazza
CANTONE
13 ore
Conquista il podio "estremo": «Il mio team ha commesso errori, altrimenti...»
MURALTO
13 ore
Morte della 22enne inglese: la polizia torna in hotel
CAMORINO
15 ore
Asilanti in sciopero, il DSS: «Lo facciamo per loro»
CANTONE / SVIZZERA
09.01.2018 - 11:090

Una nuova conchiglia trovata in Ticino

L'esistenza era nota da quasi due secoli, ma non si sapeva che si trattava di una specie non ancora identificata

BERNA - Nelle acque ticinesi è stata trovata una nuova specie di conchiglia. O meglio, gli esperti sapevano della sua esistenza, ma non l’avevamo mai identificata correttamente. Si tratta della Anodonta exulcerata, che vive anche nel Lago Maggiore. E - come si legge in una nota del Museo di storia naturale di Berna - si tratta di una specie indigena, quindi non importata da altrove.

La conchiglia in questione, già descritta 180 anni fa, assomiglia alle già note Anodonta cygnea e Anodonta anatina. Soltanto l’impiego di un test genetico ha ora permesso di determinare che si tratta di una nuova specie.

Per ora si parla degli specchi d’acqua al sud delle Alpi, ma gli esperti del Museo di storia naturale di Berna ritengono che la conchiglia possa essere presente anche nel resto della Svizzera. È dunque su questa ipotesi che lavorerà una squadra guidata da Eike Neubert.

Sinora in Svizzera, spiega il Museo, erano note sette specie di conchiglie d’acqua dolce indigene. Una di queste, che era presente nei fiumi, è nel frattempo estinta. Le sei specie rimanenti sono invece a rischio di estinzione.

Commenti
 
Paolo Monteverdi 1 anno fa su fb
Conchiglie che i bambini portano a casa dopo una vacanza al mare ...
Maurizio Manzardo 1 anno fa su fb
Si mangia
lo spiaggiato 1 anno fa su tio
Scrivere bene in grande SPECIE INDIGENA , altrimenti il solito parlamentare leghista potrebbe fare la solita interpellanza contro l'invasione straniera... oppure scrivere sul mattino he bisogna fare un muro sul lago Maggiore... hi hi ni
miba 1 anno fa su tio
In Ticino è stata anche scoperta una nuova specie di camaleonte non ancora classificata: Paoloxium Beltraminellum
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-06-26 06:40:00 | 91.208.130.85