Ti-Press
LUGANO
07.11.2016 - 11:470
Aggiornamento : 12:45

Ecco la ricetta di Lugano per abbattere il traffico

Tutto ruoterà attorno a una Centrale di mobilità, dotata di sito internet, app e sportelli fisici e virtuali

LUGANO - «Sarebbe illusorio dire che con questi piani si risolvono tutti i problemi». Non ci gira intorno il sindaco Marco Borradori. Gli studi, infatti, mostrano come i piani di mobilità aziendale riducano il traffico prodotto dalle imprese (solo) fino al 10%.

Auto vuote - A Lugano lavorano oltre 53'500 lavoratori, gran parte dei quali va in città in auto. Ma, soprattutto, le vetture sono praticamente vuote: il tasso di occupazione medio, infatti, è calcolato in 1,2 persone per auto.

Centrale per la mobilità - Quali gli strumenti per far funzionare i piani di mobilità? Tutto ruoterà attorno a una Centrale di mobilità, dotata di sito internet, app e sportelli fisici e virtuali che permettano di organizzare il viaggio dei dipendenti, combinando i diversi mezzi e le diverse modalità di trasporto.

Quale libertà? - Ai ticinesi, si sa, spesso piace muoversi in macchina. Questo per un senso di libertà offerto dal veicolo privato. Borradori, però, avvertito: «Questa libertà alla fine si traduce spesso nella libertà di stare in coda».

C'è chi vive nel Pian Scairolo - Uno dei comprensori è quello del Pian Scairolo, creato assieme ai comuni di Grancia e Collina d'Oro. Si tratta di uno dei territori più vessati dal traffico in Ticino. «Il Pian Scairolo non è solo centri commerciali, c'è anche gente che vive", ha ricordato la sindaca di Collina d'Oro Sabrina Romelli. A lei ha fatto eco il sindaco di Grancia Paolo Ramelli, "il comune che più subisce il traffico del Pian Scairolo».

Cultura della mobilità - L'obiettivo di ridurre il traffico, però, sarà realizzabile solamente con la collaborazione di tutti, cittadini in particolare. «È necessario che l'utenza adatti la propria cultura della mobilità», ha detto il municipale Angelo Jelmini. Anche perché non sono solo i lavoratori a intasare le strade: «È solo uno dei tasselli della mobilità generale».

Sul modello MobAlt - Il progetto, dal costo di poco più di 150mila franchi, prenderà come modello il progetto pilota MobAlt di Mendrisio, già replicato nel Vedeggio e nella Valle della Tresa.

È già un record - Anche il Cantone, che partecipa al progetto, saluta con favore questa svolta. Federica Corso Talento, del Dipartimento del Territorio, ha sottolineato la necessità di riempire le auto: «Lugano è già quasi un record, visto che il tasso di occupazione a livello cantonale è di 1,07».

Passaggi alle dogane - Moltissimi frontalieri che attraversano ogni giorno le dogane, ha ricordato Corso Talento, sono diretti a Lugano Centro: il 13% di quelli che entrano in Svizzera nel Mendrisiotto, il 20% di quelli che passano per il Malcantone è il 54% di Gandria.

Le cifre - I Piani di mobilità comprensoriale del Luganese sono finanziati dal cantone e dai comuni. Per il comparto Lugano Centro l’investimento complessivo sarà di 57'750 franchi (max. 25'000 coperti da contributi cantonali e 37'750 dalla Città). Il budget del progetto per il Pian Scairolo si attesta a 47'520 franchi (ripartito a metà tra Cantone da un lato e Lugano, Collina d’Oro e Grancia dall’altro). Anche per il comparto Lugano Nord il mandato prevede 47'520 franchi, metà coperti da contributi cantonali e metà dai Comuni coinvolti. Le misure attivate nel corso del progetto saranno finanziate sul medio-lungo termine senza contributi pubblici.

Ti-Press
Guarda le 3 immagini
Commenti
 
Mino Gabo 2 anni fa su fb
...... :o dobbiamo "Noi" cambiare mentalità ! non spetta alla politica dirci cosa e come (altrimenti ci fottono di sicuro) ... :-(
Maurizio Zambelli 2 anni fa su fb
Abattere chi dovrebbe tutelarci ! Anni di non fatto ! E che non fatanno e noi paghiamo . In piazza e reclamate i diritti ! Senza dimenticare .
Gianluca C Segreto 2 anni fa su fb
Non scrivo nulla...... Una soluzione c'è ma non la faranno mai..... Se no chi la sente la UE....
GI 2 anni fa su tio
Altrove, intendo città con ben più traffico...., le misure sono già in auge da tempo.....da noi, non essendo ritenuto "politically correct".....ovviamente ci si astiene......anzi si spende molto per nulla.....
Marco Faré 2 anni fa su fb
uber?
galassia 2 anni fa su tio
se vendono le targhe vuol dire che posso viaggiare come voglio,pago anche la vignetta,i tassi sulla benzina e durante le colonne faccio ,colazione,telefono,mi organizzo,e posso pure guardare film e tanto altro,mancherebbe che non ci fossero le colonne,é il mio bicchiere mezzo pieno e ne godo un mondo.
Thy 2 anni fa su tio
@galassia :-))))))))))))
Masta206 2 anni fa su tio
io parto ogni mattina da chiasso e vado a paradiso per lavoro con mio padre, quindi usiamo una sola auto... non lavorando pero' nello stesso luogo, lui mi lascia a paradiso, e questo ultimamente sta diventando un problema grosso, perchè, per ben due volte la polizia mi ha intimato di farmi la multa in quanto, per scendere dalla macchina devo salire sul marciapiede per potermi sostare, e questo è vietato dalla legge e quindi secondo loro io dovrei essere multato!!!! vi rendete conto??? allora a questo punto andate tutti a cagher...
Thy 2 anni fa su tio
@Masta206 "DEVO salire sul marciapiede". Sicuro che in tutta Paradiso non esiste un posto dove ci si può fermare" senza rischiare una multa? Strano :-)
Jimmy69 2 anni fa su tio
@Masta206 Devi sapere che QUASI tutti i poliziotti di Paradiso hanno da poco ricevuto la nomination agli Oscar per il più basso tasso di QI al mondo, oltre che per il più alto grado di maleducazione e le chances di portarsi a casa l'ambita statuetta sono alle stelle ! Credimi ;-)
87 2 anni fa su tio
@Masta206 Se non c'è il cartello «Divieto di fermata» (2.49) sulla strada (cerchio rosso, sfondo blu e X rossa), e giustamente non ti è concesso fermarti sul marciapiede, la manovra da fare è: 1) l'autista deve rallentare e mettere l'indicatore di direzione (freccia) destra per tutta la manovra, 2) accostarsi sulla strada il più vicino possibile al marciapiede, 3) fermarsi (ev. spegnere il motore), 4) tu puoi scendere (e ignorare gli insulti di chi ti sta dietro), 5) l'autista a questo punto guarda nello specchietto laterale, mette la freccia sinistra e riparte.
Masta206 2 anni fa su tio
@87 il cartello non c'è, quindi in questo caso io potrei fermarmi sulla corsia con l'indicazione di direzione azionato e scendere? Se fosse cosi' non sarebbe male, ma ad ogni modo non potrei mai metterlo in atto.. troppo pericoloso, la gente è pazza, se blocchi il traffico per una cosa del genere ti investono
87 2 anni fa su tio
@Masta206 Puoi fermarti tranquillamente se la strada è rettilinea, se non ti fermi a meno di 10metri da qualsiasi ostacolo che sia davanti o dietro l'auto (strisce pedonali, curve, strada a dosso "montagnoso", ecc.), se oltre al cartello «Divieto di fermata» (2.49) non ti fermi sulla striscia gialla parallela alla strada che c'è prima delle strisce pedonali. Non è necessario saltare sul marciapiede per non essere d'intralcio al traffico. Le auto dietro di te possono attendere qualche secondo, eventualmente scansarti andando 10 metri contromano (se c'è la linea tratteggiata). I bus Autopostale/FART/TPL/ecc., come fanno? Non sempre hanno la piazzola accanto alla strada. Non ha senso correre sulla strada se poi 20 metri più avanti sei fermo al semaforo. La durata della fermata deve essere lo stretto necessario per la salita/discesa dal veicolo, è bene se prima di scendere tu abbia già preparato tutto il bagaglio (zaino con il pasto, borsa del pc, ecc...), in modo che non devi rallentare troppo il traffico per cercare qualcosa dal baule/bagagliaio. Se hai ancora il dubbio, fai un telefono alla polizia comunale di Paradiso e chiedi se nel tratto specifico del tuo caso è permesso fermarsi così dato che un agente ti ha già ripreso una volta. "Fermata" significa che il conducente deve sempre tenere d'occhio il veicolo. "Sosta" significa posteggiare e il conducente se ne va.
Masta206 2 anni fa su tio
@87 bhè intanto grazie mille per la delucidazione. Ma sei un poliziotto per caso?? grazie
87 2 anni fa su tio
@Masta206 No, ho solo studiato troppo durante la teoria per la patente. Di niente.
Masta206 2 anni fa su tio
@87 ahhaha ok, comunque grazie!
Masta206 2 anni fa su tio
@Thy mi faccio 45 min di traffico per arrivare a paradiso, ci mancherebbe che perdo altri 5 min per andare a fermarmi da un'altra parte per poter scendere... e farmela a piedi :-)... se il problema è il 30 secondi ( ma forse anche meno) di sosta sul marciapiede siamo arrivati alla frutta
Piazza Fabiano 2 anni fa su fb
In Francia per ogni km percorso in bici danno 25 cts. Lo trovo molto interessante. Inoltre andrebbero potenziati posteggi e stalli per biciclette coperti e non. Davanti alle scuole, nei pressi degli uffici comunali, davanti ai negozi, ecc...
negang 2 anni fa su tio
Come suggerito da Lore62, P&R per i frontalieri obbligatorio. Ogni azienda che assume deve anche assegnare un posto in uno di questi unito all'abbonamento dei mezzi incluso. Poi le mammine che portano i bambini a scuola, obbligare all'uso di scuola bus. Quando sono chiuse le scuole infatti il traffico sparisce o quasi.
matteo2006 2 anni fa su tio
@negang Dimentichi tutti quelli che oltre alle mammine ruotano intorno alla scuola, compresi i genitori che fanno le vacanze proprio in quel periodo per stare con i figli. Non sono solo le mamme a fare traffico.
Lore62 2 anni fa su tio
L'unica vera ricetta contro il traffico? l'imposizione di organizzare a proprie spese alle aziende locali (con oltre 80 per cento di frontalieri) il trasporto pendolare con Park&Ride (gratuiti) oltre confine! Fine del CAOS ritornando alla situazione prima della libera circolazione dei disperati...
nessuno 2 anni fa su tio
ci vuole volontà politica, poi la soluzione si trova.
navy 2 anni fa su tio
L'unica vera ricetta contro il traffico?IL TELETRASPORTO! :-)
elvicity 2 anni fa su tio
@navy vero ... :-)
Mario Sungsung 2 anni fa su fb
Da massagno a paradiso usano auto... e altri esempi a iosa... quindi cosa fa lugano...i miracoli ? C é una rete di bus ottima e conveniente.... magari puntare su quello...
greencountry 2 anni fa su tio
L'unica vera ricetta contro il traffico? Il telelavoro. Oggi, con la giusta infrastruttura informatica, la gran parte dei lavori d'ufficio potrebbe comodamente essere svolta da casa.
Raffaele Balacco 2 anni fa su fb
Un piccolo incentivo, tradotto in sconti sulla tassa di circolazione, per chi va a lavoro in bici e lascia tutta la settimana l'auto ferma no?
Lorena Quadri 2 anni fa su fb
Basterebbero i mezzi pubblici gratis
Davide Pereira 2 anni fa su fb
Lorena Quadri quelli li danno gratis solo ai turisti che soggiornano qua ...
Thy 2 anni fa su tio
"Appena terminerà la fase di rodaggio del PVP, il traffico sarà molto più fluido". Così ci era stato assicurato 4 anni fa. Resta solo da capire quanto sia lunga questa fase di rodaggio per vederne finalmente i risultati spettacolari :-)
Nicklugano 2 anni fa su tio
Adesso che ci eravamo abituati... come faremo se ci mancherà il traffico? A parte ciò, non ho capito il sistema, ma forse il riferimento è al numero decrescente di chi lavora a Lugano (BSI, ecc...?)
francox 2 anni fa su tio
Voilà, la ricetta magica!
Frankeat 2 anni fa su tio
fumo negli occhi
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-07-18 07:14:00 | 91.208.130.86