Cerca e trova immobili

CREDIT SUISSEUna notte di discussioni, votazioni, vino e raclette

12.04.23 - 08:15
Uno sguardo dietro le quinte della sessione straordinaria delle Camere federali, con la divergenza Stati-Nazionale sui crediti per 109 miliardi
privato
Prima e durante il dibattito sul Credit Suisse in Consiglio nazionale, i membri del Consiglio si sono rifocillati con raclette e tutti i suoi ingredienti.
Prima e durante il dibattito sul Credit Suisse in Consiglio nazionale, i membri del Consiglio si sono rifocillati con raclette e tutti i suoi ingredienti.
Una notte di discussioni, votazioni, vino e raclette
Uno sguardo dietro le quinte della sessione straordinaria delle Camere federali, con la divergenza Stati-Nazionale sui crediti per 109 miliardi

BERNA - Palazzo federale a Berna, ieri dopo le 19: nel cuore della Confederazione, l'odore è quello del tendone di un tempio vallesano dell'après-ski. Ma i presenti non se la stanno spassando: le Camere federali sono impegnate dalla mattina nella sessione straordinaria che dovrà esprimersi sui crediti d'urgenza per 109 miliardi di franchi chiesti dal Consiglio federale per il salvataggio di Credit Suisse.

Poiché il Consiglio degli Stati ha sforato di due ore il dibattito a mezzogiorno, i consiglieri nazionali convocati troppo presto passano il tempo davanti a una raclette alla "Galerie des Alpes" e la battaglia dei discorsi inizia solo a tarda sera.

Raclette e vino calmano gli animi - Nonostante la prelibatezza al formaggio preparata con cura a dieci franchi a porzione, l'umore a destra e a sinistra è teso. Perché: il Parlamento non può più decidere nulla, le garanzie da un miliardo di euro per la mega-banca sono già state decise con legge d'emergenza. Nelle prossime ore, alcuni sfogheranno la loro frustrazione con parole pungenti al leggio. Altri si rilasseranno prima con birra e vino bianco.

«Non c'è altro modo per sopportarlo», dice un consigliere nazionale conservatore davanti a un bicchiere di gin tonic. Si riferisce anche alla pianificazione della sessione straordinaria. Fino a ben oltre la mezzanotte, il Nazionale è alle prese con la cattiva condotta della direzione del Credit Suisse. Tuttavia, i deputati hanno solo se stessi da biasimare: poco dopo le 23, è stata chiaramente respinta una mozione del PLR per abbreviare la sessione.

Elezioni 2023 presenti in tutte le considerazioni - Il grande spettro sullo sfondo di tutte le considerazioni è rappresentato dalle elezioni federali in autunno. Non si può non considerare le ripercussioni elettorali degli interventi, anche quando non mancano le stoccate. L'esperto bancario UDC Thomas Matter, ad esempio, ha parlato a gran voce di come la dirigenza di Credit Suisse si sia concentrata su «quote di genere e obiettivi climatici», lasciando che si creasse la situazione che tutti conosciamo.

In un'intervista a 20 Minuten, il membro del PS Jacqueline Badran ha definito Matter una «barzelletta ambulante», proprio a causa di questa affermazione. La nuova banca dovrebbe piuttosto assicurarsi dei prodotti finanziari che metterà in circolazione.

Il dibattito è proseguito su questa linea fino a mezzanotte inoltrata, con il voto finale su una serie di postulati e la richiesta di esaminare la vicenda anche sotto un profilo più economico. Intanto questa mattina alle 8.15 è cominciata la seconda giornata della sessione. Alcuni parlamentari saranno probabilmente molto stanchi e con la testa pesante.

NOTIZIE PIÙ LETTE