Immobili
Veicoli
Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SONDAGGIO TAMEDIA
29 min
Dagli esperimenti sugli animali al tabacco: come voterete il 13 febbraio?
A breve ci esprimeremo su quattro temi federali. Partecipate al sondaggio di 20 minuti e Tamedia
SVIZZERA
6 ore
Migliaia di certificati Covid non saranno più validi
La validità dell'attestazione sarà ridotta a 270 giorni. La misura toccherà chi si è vaccinato prima del 6 maggio 2021
ARGOVIA
8 ore
Cadavere nella grotta, i genitori dell'omicida: «Resta sempre nostro figlio»
Il 22enne, che rischia oltre 16 anni di carcere, sta già scontando anticipatamente la pena.
VAUD
10 ore
«Fosse stato bianco sarebbe ancora vivo»
Circa sei mesi fa un uomo è stato ucciso da un poliziotto a Morges
SVIZZERA
11 ore
La gestione del lupo è efficace
Secondo uno studio, l'abbattimento di singoli esemplari ha permesso di ridurre le uccisioni di bestiame
SVIZZERA
12 ore
Una falla di sicurezza nel portale clienti di AutoPostale
Tra maggio 2021 e gennaio 2022 oltre 1'700 dati non erano protetti. Ora il problema è stato risolto
SVIZZERA
14 ore
Nel 2021 la terra ha tremato oltre mille volte
Tre sismi su suolo elvetico hanno avuto una magnitudo pari o superiore a 4.0: «Un numero più alto del solito».
SVIZZERA
15 ore
Lavoro ridotto, Berna proroga le misure fino a marzo
Il Consiglio federale ha adeguato l'ordinanza Covid-19 a sostegno delle imprese
BERNA
16 ore
Strade nazionali: 8,4 miliardi per il 2024-2027
Per cinque progetti di ampliamento in fase avanzata il Consiglio federale domanda inoltre lo sblocco di 4,3 miliardi
SVIZZERA
16 ore
Record assoluto di casi in Svizzera: oltre 43mila in 24 ore
In discesa, con il 24,9%, il tasso di occupazione dei pazienti Covid in terapia intensiva.
ZURIGO
18 ore
Nessuna settimana dei "super contagi": «Le misure vanno revocate»
La Task Force aveva previsto una «settimana di super infezioni» per la fine di gennaio.
SVIZZERA
18 ore
AI: «Gravi lacune nelle perizie degli esperti»
Secondo Inclusion Handicap le valutazioni vengono fatte con l'obiettivo di evitare il versamento dell'invalidità.
SVIZZERA
18 ore
Anche Beat Stocker respinge tutte le accuse
Coimputato a processo Vincenz, l'ex numero uno di Aduno: «Non mi sono arricchito con quegli investimenti occulti».
SVIZZERA
19 ore
Giro di vite sul commercio illegale di animali e piante protetti
Dal prossimo 1. marzo si rischiano fino a cinque anni di carcere. Lo ha deciso il Consiglio federale
SVIZZERA
10.08.2021 - 11:560

«L'iniziativa 99%? È dannosa per il 100% della popolazione»

Un comitato economico bacchetta la modifica alla Costituzione proposta dal GISO: «È mal pensata e mal costruita».

Tra di loro vi è pure il direttore dell'USAM Fabio Regazzi che critica l'iniziativa definendola «populista».

BERNA - L'Iniziativa 99%, in votazione il 26 settembre, è dannosa per il 100% della popolazione. Lo indica il comitato economico contrario al testo lanciato dalla Gioventù socialista (GISO) che ha presentato oggi a Berna i suoi argomenti.

La proposta di modifica costituzionale - ufficialmente denominata "Sgravare i salari, tassare equamente il capitale" - afferma di attaccare solo l'1% più benestante e che a beneficiarne sarà il 99% restante. Ma dietro questa iniziativa, afferma il comitato in conferenza stampa, c'è «lo 0% di riflessione», perché è mal pensata e mal costruita. È invece dannosa al 100%, perché costituisce un attacco frontale contro le PMI. La sua applicazione scoraggerebbe inoltre gli investimenti e comporterebbe la perdita di preziose risorse fiscali.

La formulazione dell'iniziativa è poco chiara, persino arbitraria, ha affermato il presidente dell'USAM Fabio Regazzi. L'iniziativa, che il ticinese ha definito «populista», non specifica nemmeno cosa dovrebbe essere tassato. Sarà il legislatore che dovrà definire cosa va incluso nel reddito da capitale. Ciò aprirebbe la porta ad altre concupiscenze del fisco.

Sebbene l'iniziativa prenda di mira i "ricchi", non è rivolta a chi ha un certo reddito, ma a chi ha un certo tipo di reddito. «Perché lo stato dovrebbe tassare arbitrariamente un modo di fare soldi più pesantemente di un altro?», si chiede il consigliere nazionale dell'Alleanza del Centro.

Chiunque risparmia denaro o acquista un appartamento o una casa sarà colpito dall'iniziativa. Chi gestisce un'impresa, possiede una fattoria o una partecipazione in una start-up dovrà pagare molte più imposte, indica il ticinese.

Con questa iniziativa la sinistra prende ancora una volta di mira l'imposizione parziale dei dividendi dimenticando che gli imprenditori sono già oggi pesantemente e doppiamente tassati, ha aggiunto la consigliera nazionale Diana Gutjahr (UDC/TG). Un imprenditore che possiede azioni della sua azienda paga le imposte come persona fisica e come persona giuridica. A causa dell'imposta sulla sostanza, l'onere sul reddito da capitale è già molto elevato in Svizzera.

L'iniziativa colpirà duramente anche le PMI in fase di successione, ha proseguito la turgoviese. La trasmissione d'imprese è spesso effettuata contro remunerazione, per pagare la vecchiaia ai precedenti proprietari (leggi: genitori) o per rimborsare la quota degli altri eredi (i fratelli).

Il fatto che il passaggio alla generazione successiva fallisce in circa il 30% dei casi dimostra quanto sia delicato questo processo. Soprattutto nelle piccole imprese familiari, la pianificazione della successione è già oggi una grande sfida, e non c'è bisogno di nuove difficoltà come la nuova tassa, ha sostenuto la democentrista.

La Svizzera da anni perde attrattiva, ha aggiunto la consigliera nazionale Jacqueline de Quattro (PLR/VD). L'"Iniziativa 99%" l'indebolirà ulteriormente. Il capitale è volatile. Se è tassato eccessivamente gli investitori potrebbero trasferire i loro beni all'estero. Le entrate fiscali diminuiranno, avverte la vodese.

Con l'attuale crisi pandemica, l'economia «ha bisogno di vitamine», ha affermato de Quattro. L'iniziativa va invece controcorrente rappresentando un onere aggiuntivo per tutte le aziende che hanno già sofferto durante il Covid-19. Quando il capitale è tassato troppo pesantemente, gli investimenti, l'innovazione e l'imprenditorialità diminuiscono a scapito di tutti, ha concluso la liberale-radicale.

Le richieste dell'iniziativa - La proposta di modifica costituzionale, presentata da GISO, mira ad aumentare le imposte per i più ricchi in modo da sgravare i piccoli e medi redditi, ovvero il 99% della popolazione. Per assicurare una migliore distribuzione della ricchezza, l'iniziativa prevede una imposizione del 150%, invece del normale 100%, per la parte di reddito da capitale - dividendi, guadagni da interessi o affitti dedotti i costi di manutenzione e gestione - superiore a una soglia definita per legge e non precisata nel testo.

I particolari andrebbero disciplinati dalla legge. Per garantire che i piccoli risparmiatori non vengano danneggiati, i promotori dell'iniziativa evocano un importo esente di 100 mila franchi. Esonerati dalla maggiore tassazione sarebbero anche le pensioni assicurate dal primo e dal secondo pilastro.

Stando a Gioventù socialista, dai 5 ai 10 miliardi di franchi potrebbero essere redistribuiti, grazie ai contributi dell'1% dei più facoltosi. Questa somma potrebbe servire per ridurre l'imposizione delle persone che dispongono di bassi o medi salari, finanziare prestazioni sociali come asili nido e sussidi all'assicurazione malattia o alla formazione.

Governo e Parlamento, a eccezione della sinistra, chiedono la bocciatura dell'iniziativa.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
vulpus 5 mesi fa su tio
i a r i b
seo56 5 mesi fa su tio
Basta votare NO!!
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-27 06:29:06 | 91.208.130.89