Immobili
Veicoli
Tamedia
ULTIME NOTIZIE Svizzera
GRIGIONI
8 min
In trenta alla manifestazione per il clima
Scarsissima partecipazione all'azione organizzata a margine del Forum economico mondiale.
SVIZZERA
1 ora
Ultimo sprint dopo una maratona durata cinque anni
A Davos, Ignazio Cassis ha promosso «in modo mirato» la candidatura svizzera al Consiglio di sicurezza dell'Onu.
SOLETTA
2 ore
Perde il controllo del veicolo, muore dopo lo schianto
Deceduto un 33enne nel canton Soletta, le cause dell'incidente non sono state ancora chiarite.
URI
2 ore
A ripulire il monumento ci hanno pensato alcuni cittadini
Il restauro dell'opera presente nelle Gole della Schöllenen rischiava di diventare un vero e proprio caso diplomatico.
SVIZZERA
3 ore
Come ti aggiro le sanzioni
Gli operatori di viaggio della Federazione Russa continuano a offrire vacanze in Europa occidentale, Svizzera compresa.
FOTO
LIECHTENSTEIN
4 ore
Bancomat esplosi: i malviventi sconfinano nel Principato
Altro distributore automatico fatto saltare, questa volta a Gamprin (Liechtenstein).
VAUD
4 ore
Non rispetta la precedenza, deceduto un ciclista
Incidente fatale nel canton Vaud. L'intervento immediato dei soccorsi non ha potuto evitare il peggio.
ZURIGO
15 ore
«L'autista mi ha chiesto di fare sesso»
Uber nella bufera dopo lo sfogo su Instagram di un'utente molestata. Le testimoniante di altre quattro donne
SAN GALLO
16 ore
Si schianta in moto, muore 61enne
Incidente fatale questa sera a Eggersriet. La vittima è un cittadino italiano
VALLESE
17 ore
«Tra madre e figlio c'erano tensioni»
Tragedia familiare a Sierre. Il 14enne fermato sarebbe affetto da autismo
BASILEA
19 ore
Roche: tre kit diagnostici per il vaiolo delle scimmie
Sono disponibili nella maggior parte dei paesi e permettono d'identificare questi virus "d'importazione"
SVIZZERA
16.06.2021 - 10:340

Sostegno ai media: il pacchetto è pronto per il voto finale

Anche il Consiglio nazionale ha approvato, oggi, la proposta della Conferenza di conciliazione

BERNA - Il pacchetto da 150 milioni di franchi a favore dei media è pronto per le votazioni finali. Oggi il Consiglio nazionale, dopo gli Stati ieri, ha approvato per 130 voti a 46 la proposta della Conferenza di conciliazione: in futuro, la quota parte del canone ai privati dovrà oscillare tra il 6 e l'8% (oggi 4-6%).

La decisione odierna era scontata: la Camera del popolo ha sempre difeso questa versione, mentre gli Stati volevano l'8% almeno. Su un altro aspetto controverso del progetto il Nazionale ha dovuto cedere agli Stati, decidendo di non iscrivere nella legge limiti all'offerta online della SSR (già nella concessione).

I due rami del Parlamento si sono già messi d'accordo per quanto riguarda il sostegno ai giornali con riduzioni sulla spedizione: 7 anni, come stabilito dalla Camera dei cantoni, invece di 5 anni come voleva il Nazionale e dei 10 anni del Consiglio federale. Per i media online tale periodo è stato fissato a 4 anni.

La questione dell'offerta online della SSR ha a lungo occupato i due rami del parlamento. Al Nazionale diversi oratori - UDC e PLR - scontenti per il fatto che non siano stati iscritte nella legge le restrizioni già presenti nella concessione, hanno minacciato il referendum. Essi temono una distorsione della concorrenza da parte della SSR a scapito dei privati.

Favorire transizione al digitale - Nel corso dei dibattiti, il sostegno ai media è stato giudicato necessario a causa dell'importanza che essi occupano in democrazia, specie in un Paese come la Svizzera che conosce un ampio uso degli strumenti di partecipazione diretta alla politica.

Oltre a dover far fronte all'avanzata dei media online e delle mutate abitudini di consumo di notizie da parte della popolazione, il settore è confrontato con le ripercussioni negative della pandemia che hanno avuto un impatto tremendo sulle entrate pubblicitarie, già in calo da anni a causa dell'attrattiva esercitata dai grandi player, come Facebook o Google.

Vista anche la facilità con la quale si diffondono le "bufale" nell'etere o sul web, un stampa di qualità contribuisce a preservare la fiducia del pubblico evitando nel contempo un impoverimento dell'offerta, sempre più concentrata in poche mani.

120 milioni alla stampa, 30 all'online - Ciò spiega l'incremento dei mezzi finanziari messi a disposizione del settore. Per i media online, il parlamento ha previsto 30 milioni di franchi di contributi federali, mentre altri 120 milioni sono destinati al finanziamento indiretto della stampa mediante tariffe di favore per la spedizione.

Per quanto attiene ai media elettronici, il Parlamento ha deciso di fissare al 60% del giro d'affari la percentuale massima del contributo. Una minoranza di sinistra avrebbe voluto l'80%. La Confederazione potrà sostenere finanziariamente istituti che propongono in modo continuativo offerte di formazione e formazione continua a orientamento pratico per chi opera nelle redazioni dei media elettronici. I diplomi rilasciati da questi istituti devono essere riconosciuti dal settore.

Per quanto riguarda gli aiuti indiretti alla stampa sono previsti 80 milioni, di cui 30 milioni destinati alla stampa associativa e delle fondazioni e 50 milioni a giornali e periodici in abbonamento. A tale somma si aggiungono 40 milioni per la distribuzione mattutina di domenica di settimanali e quotidiani (totale globale: 120 milioni)

Sostegno alle agenzie - Il plenum ha anche deciso di fissare in maniera più precisa le prestazioni delle agenzie di stampa di respiro nazionale che hanno diritto a un sostegno finanziario. Si tratta di garantire un'offerta equivalente in tedesco, francese e italiano e di vietare la distribuzione di dividendi durante il periodo dell'attribuzione del sostegno finanziario.

I deputati non hanno invece voluto che la Confederazione sostenga finanziariamente l'attuazione di buoni media destinati ai giovani. Se l'idea è allettante, i dettagli di questa proposta dell'ultimo momento sono ancora troppo vaghi, hanno sottolineato vari oratori, in particolare per quanto riguarda la questione del finanziamento.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-05-26 14:07:29 | 91.208.130.85