Keystone
SVIZZERA
09.06.2021 - 08:150

Accordo quadro, è guerra tra imprenditori e sindacati

Il presidente dell'Unione degli imprenditori attacca: «Le parti sociali hanno gli stessi interessi, difendere i salari».

Per Valentin Vogt, l'economia elvetica per tornare a essere più competitiva dovrà rafforzare il libero scambio con i paesi terzi e aumentare le quote dei lavoratori provenienti da quei paesi per alleviare la carenza di personale qualificato.

BERNA - Il presidente dell'Unione svizzera degli imprenditori (USI) è infastidito dall'atteggiamento ostinato dei sindacati nei negoziati sull'accordo quadro istituzionale tra la Confederazione e l'Unione europea (Ue). Per Valentin Vogt, le parti sociali avrebbero dovuto avere lo stesso interesse, cioè garantire la protezione dei salari.

I sindacati invece volevano chiaramente di più, comprese più restrizioni sul mercato del lavoro, afferma Vogt in un'intervista pubblicata oggi sui giornali in lingua tedesca dell'editore Tamedia. Il presidente dell'USI aggiunge che i sindacati volevano un abbassamento del quorum dei datori di lavoro per i contratti collettivi, la protezione contro il licenziamento per i dipendenti più anziani e altre misure negative per il mercato del lavoro.

Le possibilità di raggiungere un accordo con i sindacati sul diritto del lavoro sono state esaurite, ritiene. E segnala punti problematici come la flessibilizzazione dell'orario di lavoro. Coloro che controllano le loro email a casa dopo il lavoro non possono farlo a causa del diritto del lavoro obsoleto, poiché questo è considerato tempo di riposo, si lamenta.

Vogt sottolinea che i sindacati hanno pubblicamente minacciato di combattere qualsiasi modifica della Legge sul lavoro (LL) con un referendum. Questo deve finire, dice. «Forse un giorno dovremo chiedere alla gente se è giusto che rispondere alle e-mail a casa la sera sia una violazione della legge», aggiunge.

Per quanto riguarda le sfide dell'economia dopo il fallimento dei negoziati sull'accordo quadro con l'Ue, Vogt dice che USI, insieme all'organizzazione delle imprese economiesuisse, sta lavorando a un programma di politica economica.

Anno dopo anno, la Svizzera perde terreno nei confronti internazionali, sostiene Vogt. L'economia deve tornare a essere più competitiva. Si sta quindi considerando un pacchetto di misure. Vogt spiega che questo includerà il rafforzamento del libero scambio con i paesi terzi. Aumentare le quote di lavoratori da questi paesi aiuterebbe ad alleviare la carenza di personale qualificato, dice. Tra le misure previste vi è anche un'aliquota unica per l'IVA.
 
 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
M70 3 mesi fa su tio
povera Svizzera..ma prima o poi arriveranno tempi duri anche per i politici e le loro famiglie...e non solo x noi ..
Ro 3 mesi fa su tio
Povera elvezia sai solo creare una popolazione di poveri ignoranti non qualificati. Se poi però sei uno più che qualificato non sperare che trovare lavoro. Ricordati che sei un elvetico e quindi da trattare sempre con i piedi qualificato o no. Complimenti egregio Vogt.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-21 11:02:37 | 91.208.130.89