BERNA«Accordi con l’Italia raggiunti solo quando sono a vantaggio dell’Italia?»

17.12.20 - 16:39
Quadri torna sull'accordo relativo alla fiscalità dei frontalieri con una nuova interpellanza
tipress
«Accordi con l’Italia raggiunti solo quando sono a vantaggio dell’Italia?»
Quadri torna sull'accordo relativo alla fiscalità dei frontalieri con una nuova interpellanza

BERNA - Il Ministero degli Esteri svizzero e quello italiano hanno trovato un accordo che consentirà ai cittadini di Campione d’Italia di continuare ad utilizzare le targhe elvetiche. Con l'entrata nello spazio doganale europeo di Campione d'Italia, i cittadini dell'enclave dal prossimo gennaio avrebbero infatti dovuto stargare i propri mezzi e rinnovare l'immatricolazione in Italia, con i costi del caso.

«Contemporaneamente - fa notare il consigliere nazionale Lorenzo Quadri in un'interpellanza al Governo federale - l’Italia ha rimandato per l’ennesima volta la sottoscrizione del “nuovo” accordo sulla fiscalità dei frontalieri, dichiarando di avere “altre priorità”».

Da qui le seguenti domande al Consiglio federale:

    • Gli accordi con l’Italia vengono conclusi solo quando sono a vantaggio dell’Italia?
    • Per quale motivo la Svizzera continua a fare concessioni all’Italia senza ricevere nulla in cambio?
    • In che misura l’annosa diatriba sulla fiscalità dei frontalieri è stata presa in considerazione nella trattativa sulle targhe campionesi?
    • L’assicurazione contro la disoccupazione (AD) svizzera paga le indennità agli ex dipendenti del Casinò e del Comune di Campione d’Italia residenti in Ticino (permessi B compresi) malgrado questi ultimi non abbiano mai pagato i relativi contributi. Quanto è costata alle casse dell’AD elvetica questa operazione, in considerazione del fatto che, come ha ammesso lo stesso CF nella risposta all’interpellanza 19.3629 “Le indennità di disoccupazione erogate dalla Svizzera agli ex dipendenti del Casinò e del Comune di Campione d'Italia possono (…) essere identiche o persino superiori ai salari netti prima della disoccupazione”?
NOTIZIE PIÙ LETTE