keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
53 min
Coronavirus: nuovo test e medicamento promettente da Roche
Il preparato è approvato per il trattamento dell'artrite. Ridurrebbe il ricorso ad apparecchiature respiratorie.
BERNA / STATI UNITI
1 ora
«Hezbollah ha movimentato nitrato d'ammonio anche attraverso la Svizzera»
L'antiterrorismo statunitense mette in guardia diversi Paesi europei sul rischio di attacchi terroristici.
SVIZZERA
1 ora
Svizzera nel Consiglio di sicurezza ONU? «È un rischio»
L'ex ambasciatore Jenö Staehelin si dice scettico sull'eventualità: «Per due anni la situazione sarebbe delicata»
ZURIGO
1 ora
Quando la Svizzera si sposta in Oriente: Clariant costruisce in Cina
La struttura dovrà produrre un catalizzatore destinato alla deidrogenazione del propano
ZURIGO
1 ora
Rischia una multa di 200 franchi per una mascherina adesiva
L'illustratore Olivier Samter l'aveva incollata sulla foto del proprio SwissPass. Uno scherzo che non è piaciuto
BERNA / CANTONE
1 ora
Tunnel di base del Gottardo aperto, autostrada viaggiante chiusa: perché?
Autocarri completi trasportati sull'asse che attraversa il Ticino «scesi a zero»: Storni interroga il Consiglio federale
LOSANNA
10 ore
L'ultima festa prima del divieto: «Tutti senza maschera»
Gli studenti della scuola alberghiera di Losanna si sono dati alla pazza gioia ieri sera. Suscitando polemiche
LUCERNA
13 ore
Grave incidente stradale sulla K10
Sul posto sono giunte diverse ambulanze e un elicottero. Diversi i feriti.
SVIZZERA
13 ore
Finte lettere per il Sì
Un tentativo di «sabotaggio» tramite materiale pubblicitario non idoneo. L'Udc sporge denuncia
SVIZZERA
14 ore
L'appello a Roger Federer: «Chiedi al Credit Suisse più impegno per il clima»
Gli attivisti ambientali si sono riuniti oggi davanti alle filiali della banca in sette città elvetiche
SVIZZERA
14 ore
Risultati del tampone in 15 minuti, ma non c’è l’ok di Berna
Roche dovrebbe lanciare il test rapido entro la fine di settembre.
SVIZZERA
15 ore
Legge Covid-19, ok all'aiuto agli indipendenti, ma non c'è intesa sui criteri
Per il Nazionale le aziende dovrebbero ricevere un sostegno solo se erano redditizie prima della crisi
ZURIGO
15 ore
Presenta fatture false per 2 milioni di franchi: psichiatra condannato
Lo specialista ha comprato due appartamenti a Zurigo e uno nel suo Paese d'origine. Lavorava nel settore dell'asilo.
BERNA
16 ore
L'accusa: «Sostanze tossiche vicino al Blausee»
L'importo dei danni legati alla perdita di decine di migliaia di pesci, iniziata nel 2018, è di due milioni di franchi
ZURIGO
16 ore
Decessi sospetti: bimbi muoiono per tumore al cervello
Due famiglie della regione del Weinland di Zurigo hanno perso i propri figli per un tumore al cervello.
SVIZZERA
17 ore
La mascherina non fa passare la voglia di shopping
Le vendite sono calate, ma del 5% e non del 20-30% come si temeva
SVIZZERA
18 ore
L'app SwissCovid «sarà più interattiva»
E cambia la comunicazione: i dati sui contagi saranno resi noti soltanto in settimana
BERNA
17.08.2017 - 11:520

SIM prepagate per i richiedenti l'asilo

I titolari di permessi F, N e S attualmente non possono acquistarle. Il Consiglio federale vuole autorizzare gli operatori di telefonia mobile

BERNA - I richiedenti asilo e le persone ammesse provvisoriamente in Svizzera devono poter acquistare carte SIM prepagate. Una riforma vuole autorizzare gli operatori di telefonia mobile a farlo, ma non saranno obbligati.

Questa modifica figura nell'ordinanza di messa in atto della Legge federale sulla sorveglianza della corrispondenza postale e del traffico delle telecomunicazioni in consultazione sino a fine giugno. Il Consiglio federale intende permettere a tutti gli abitanti della Svizzera di accedere ai mezzi di comunicazione moderni, afferma il governo oggi in risposta a un'interpellanza della consigliera nazionale Lisa Mazzone (Verdi/GE).

Non è attualmente possibile fornire carte SIM prepagate ai titolari di permessi F, N o S. Ma non esiste nessuna restrizione legale per le offerte di abbonamento, aggiunge l'esecutivo. Secondo media citati dalla consigliera nazionale, Swisscom chiede una cauzione di 1000 franchi, Sunrise esclude le offerte con rate mensili per l'acquisto di uno smartphone e Salt rifiuta di concludere qualsiasi contratto con loro.

Il Consiglio federale non ritiene di dover intervenire: i fornitori mirano a ridurre i rischi di perdite finanziarie dovute all'insolvibilità e beneficiano della libertà economica. Possono decidere liberamente con chi vogliono concludere un contratto e a quali condizioni.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
centauro 3 anni fa su tio
Io dico la mia......ma un rifugiato che scappa da guerra, fame e miseria e riesce ad arrivare in europa (notate scritto in minuscolo) vivendo sempre di speranza...........si deve preoccupare di avere uno smart phone a fronte di tutti i problemi che ha? mah!!!
moma 3 anni fa su tio
Urca patata, diceva lupo lupone, manderò giu anche questa, con coraggio, abnegazione, rassegnazione, spirito caritatevole, amore verso il prossimo, per un mondo più giusto, ecc ecc ecc e chiedo in compenso inutilmente che gli asilanti criminali vengano espulsi immediatamente. Purtroppo, ripeto, lo chiedo inutilmente, perché la nostra cara sinistra socialista non lo permette, perciò ingoio anche questa.
Sarà 3 anni fa su tio
Cosa se ne fanno di un telefono rubato senza sim? E poi per smerciare coca serve intrattenere i contatti con fornitori e consumatori! Va anche bene come innesco per una bomba...
vulpus 3 anni fa su tio
Anche semplicemente , tanto per citare un motivo, un risiedente , nazionalità CH , deve presentare un documento valido e riconosciuto. Se questi personaggi arrivano da noi senza documenti, nessuno li conosce, chi legalizza il tutto... abusivamente? Vediamo purtroppo cosa stà succedendo in Europa, grazie a queste persone che si contrabbandano come vittime, rifugiati di guerra , ecc ecc che poi da pecore d'un tratto diventano lupi. L'Europa è già vista come la terra di Bengodi, e già ora , almeno da noi, ricevono un trattamento che un residente in difficoltà finanziarie ha difficoltà a ricevere.Poi attirati da tutto quanto , naturalmente fanno di tutto per far arrivare il resto della famiglia, conoscenti ecce cc. Dove sono ospitati dispongono già di tutti i mezzi indispensabili per le comunicazioni.
lo spiaggiato 3 anni fa su tio
Chissà poi perché questi qua non dovrebbero poter acquistare sim prepagate... Qualcuno degli indignati qua sotto dovrebbe spiegarmelo...
curzio 3 anni fa su tio
@lo spiaggiato Io, cittadino svizzero, che vivo in Svizzera, che lavoro in Svizzera, paga le tasse in Svizzera, incensurato, con fedina penale linda... se voglio acquistare una SIM prepagata devo presentare un documento d'identità e un indirizzo valido. Il mio documento viene fotocopiato e conservato perchè... non si sa mai... potrei utilizzare la SIM card per pianificare un attacco terroristico e quindi devo essere identificabile e perchè dal numero di chiamata si deve poter risalire al titolare della SIM. Lasciamo perdere l'inutilità della misura, visto che in numerosi paesi europei è possibile acquistare una carta SIM con numero attivato pagandola a contanti e senza presentare neppure un fazzoletto per identificarsi quando la si acquista... Per contro, un richiedente d'asilo, che spesso non ha alcun documento d'identità o se ce l'ha non sai se è autentico o falso, senza alcun indirizzo di residenza, dovrebbe poter acquistare una SIM senza troppi problemi? E se la domanda d'asilo è respinta? E se lascia la Svizzera`Cosa succede con la SIM? Niente... Ecco... come cittadino svizzero mi sento un attimino preso per i fondelli!
lo spiaggiato 3 anni fa su tio
@curzio Guarda che il richiedente d'asilo deve presentare il permesso F ,N o S... Che costituiscono a tutti gli effetti dei validi cocumenti di identità... E poi la tua considerazione non sta' in piedi visto che gli è permesso fare l'abbonamento... :-))))
curzio 3 anni fa su tio
@lo spiaggiato Certo! Costituiscono a tutti gli effetti dei validi documenti d'identità! Certo! Ma se le nostre autorità non sanno neppure dove rintracciare i richiedenti ai quali, nonostante è stato negato l'asilo, continuano a risiedere nel nostro paese... vuoi farmi credere che sono in grado di rintracciare una SIM finita chissà dove... Ma per favore! "...gli è permesso fare l'abbonamento..." Gli è permesso, ma Swisscom chiede 1000 franchi di cauzione, Sunrise non concede le rate e Salt non conclude nessun abbonamento. Chissà perchè?
Sarà 3 anni fa su tio
@lo spiaggiato Permessi rilasciati dall'ufficio della migrazione di Bellinzona?
beta 3 anni fa su tio
@lo spiaggiato HA, HA, HA, HA, partono tutti nudi e per prima cosa li rivestono con un telefono ! I documenti .... roba passata .
lo spiaggiato 3 anni fa su tio
@curzio Queste sono decisioni di entità private che hanno diritto di applicarle... per quello che ne so io anche a te magari non concedono le rate... hi hi hi Se però la legge consente agli asilanti di acquistare un abbonamento non vedo perché debba impedire una prepagata... e poi stiamo parlando di sim, mica di mitragliatori!... :-))))
moma 3 anni fa su tio
@lo spiaggiato No ma scusa un attimo amico. Gli asilanti acquistano titi e tita e titi e tita e titi, va bene. Ma dimmi, con che denaro? con quali soldi? Te lo dico io che quali soldi. Tu pensi che SC o SR gli regalano le carte?
curzio 3 anni fa su tio
@lo spiaggiato Beh... potresti dimostrarti solidale con i migranti. Ti comperi a nome tuo delle SIM prepagate e poi le metti a disposizione dei nuovi "ospiti". Potresti riesumare il tuo islamic phone. Sono sicuro che apprezzerebbero!
lo spiaggiato 3 anni fa su tio
@curzio Ok, io gli compro tante prepagate quanti abbonamenti gli offri tu... :-)))
lo spiaggiato 3 anni fa su tio
@moma Piri e Tura vengono comprati con i soldi di CT e forse anche FH...
Cleofe 3 anni fa su tio
quasi quasi mi faccio adottare da un richiedente l'asilo e non spendo piu un franco.
Monello 3 anni fa su tio
...proposta che arriverà sicuramente dai nostri amati Rossi !!!
shooter01 3 anni fa su tio
un'automobile, un rustico per rilassarsi in montagna ? Cos'è avete preso il bustone anche dai provider di telefonia ?
Bandito976 3 anni fa su tio
Dategli anche una casa e i soldi da spendere
comp61 3 anni fa su tio
mi sembra giusto.
vulpus 3 anni fa su tio
Chi verifica l'identità di queste persone? A cosa serve loro una sim visto che sono provvisti di tutto punto? Aumenteranno i malaffari.
MIM 3 anni fa su tio
Chissà gli asilanti a quanto la vendono sul mercato..
mambo 3 anni fa su tio
La me nona la diseva.........." ma va gio i brasc ( e non solo le braccia )
tirannosaurosex 3 anni fa su tio
Ragazzi ma vi rendete conto? Sono questi i problemi della Svizzera? Sempre più deluso!
curzio 3 anni fa su tio
Ma guarda un po'... Se un cittadino qualunque vuole acquistare una SIM prepagata deve presentare un documento d'identità, viene schedato e i suoi dati archiviati perchè potrebbe utilizzare la SIM per compiere atti di terrorismo. Per i richiedenti d'asilo... no problem!

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-18 09:48:40 | 91.208.130.89