Keystone
SVIZZERA / GERMANIA
13.05.2020 - 18:360

Riforma Mobilezone: tagliati 80 posti di lavoro in Germania

Si tratta di una delle conseguenze della riorganizzazione delle attività estere dell'azienda

Mobilezone prevede inoltre che la pandemia avrà un impatto di 11-13 milioni di franchi sul debito nel primo semestre del 2020

ZURIGO - Mobilezone ha iniziato una riorganizzazione delle sue attività di vendita indiretta in Germania, con la conseguente perdita di 80 posti di lavoro nel sito tedesco di Obertshausen.

Le attività di vendita indiretta presso la sede di Obertshausen saranno trasferite a Bochum e Münster, ha dichiarato in giornata il fornitore di servizi di telecomunicazione. Il consolidamento delle attività di vendita avrà un impatto di circa 6 milioni di franchi sul risultato operativo (Ebit) 2020. Entro il 2021, la riorganizzazione dovrebbe consentire un risparmio di circa 5 milioni di franchi grazie alle sinergie generate.

«Con questi cambiamenti operativi, vogliamo essere nella migliore posizione possibile per consolidare le nostre vendite indirette sotto un unico nuovo e forte marchio centrale», ha spiegato Markus Bernhard, Amministratore Delegato di Mobilezone.

Grazie alla riorganizzazione, i processi finanziari e logistici saranno ottimizzati, le linee di comunicazione saranno più brevi e la disponibilità dei prodotti sarà più ampia per i partner.

Il forte impatto del coronavirus - La pandemia di coronavirus ha colpito fortemente i risultati operativi del Gruppo nel primo semestre dell'anno. Le misure di contenimento hanno infatti messo un freno all'andamento delle performance registrate dall'inizio dell'anno.

A metà marzo la maggior parte delle filiali di Mobilezone in Svizzera e in Germania sono state chiuse. I negozi rimasti aperti hanno subito un calo del 61%, mentre in Germania le vendite sono diminuite del 65%. In Svizzera e in Austria le riparazioni degli smartphone sono diminuite del 57%. L'introduzione di misure come il lavoro ridotto non ha in alcun modo compensato le perdite, ha sottolineato l'azienda.

Mobilezone prevede che la pandemia avrà un impatto di 11-13 milioni di franchi sul debito nel primo semestre dell'anno. Tuttavia, il CEO è ottimista e si aspetta una ripresa dell'attività nella seconda metà del 2020.

Obiettivi rivisti al ribasso - Gli obiettivi per l'esercizio in corso, formulati il 13 marzo, sono stati aggiornati per tenere conto delle conseguenze della crisi e dei costi di ristrutturazione in Germania. L'azienda prevede ora un Ebit per il 2020 compreso tra 38 e 43 milioni di CHF. Per il 2021, si prevede una cifra compresa tra 61 e 66 milioni.

Con il consolidamento delle attività tedesche, Mobilezone compie il «passo necessario» nella fusione delle società acquisite in Germania. Inoltre, Mobilezone è  «una delle prime aziende a fornire una chiara previsione per Ebit 2020 e 2021», dicono gli analisti di Vontobel.

L'azione Mobilezone ha chiuso la sessione di negoziazione in ribasso del 2.7% a CHF 8.05 in uno SPI in calo dello 0.97%

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-03-01 02:01:30 | 91.208.130.86